Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconFor Her
line break icon

La madre biologica di Daniela Molinari ha deciso di aiutare la figlia

Daniela Molinari

Annalisa Teggi - pubblicato il 22/04/21

Svolta nel caso di Daniela Molinari che cercava la madre biologica per poter curare un tumore raro. Dopo settimane di rifiuto, la donna ha acconsentito al prelievo del sangue.

Per settimane il caso di Daniela Molinari ha riempito le pagine dei giornali. L’appello struggente di questa donna che cercava la madre biologica ha catturato l’opinione pubblica. Dopo molti e ripetuti no da parte chi l’aveva messa al mondo, il 4 maggio è stato reso noto che finalmente la madre biologica di Daniela Molinari ha acconsentito al prelievo del sangue che potrà essere d’aiuto per la mappatura genetica e cura del tumore della figlia.

Ripercorriamo le tappe drammatiche di questa storia.

Daniela, in cerca di cura

Daniela è un’infermiera psichiatrica milanese di 47 anni. Per mestiere cura gli altri, e forse non è un caso. La sua storia è quella di una donna che è ferita a morte nell’anima e nel corpo. Lo racconta sinteticamente lei:

“Tutto è iniziato da un tumore al seno, che ora si è esteso con metastasi ai linfonodi. Resiste alle cure tradizionali e i medici mi hanno parlato di una terapia sperimentale svizzera, per cui però occorre la mappa genetica di almeno uno dei due genitori – racconta la donna – . Questo è un grosso problema, perché ho davvero poche informazioni al riguardo. Sono nata il 26 marzo 1973 a Como, nell’orfanotrofio delle suore di Rebbio, che oggi è chiuso. La mia madre biologica ha scelto di non far trascrivere il proprio nome nei documenti, chiedendo inoltre di cancellare tutti i dati sanitari, come all’epoca era lecito fare”.

da Repubblica

Un cordone ombelicale reciso ancora una volta

Oggi Daniela è madre di due figlie di 23 e 9 anni. Le guarderà e vorrà loro bene con lo sguardo di chi ha nel suo passato più remoto una ferita non rimarginata. Si tende, quando possibile, a non recidere subito il cordone ombelicale quando nasce un bimbo. Si lasciano madre e figlio legati ancora per un po’ dopo quel putiferio che è il travaglio. Nascere è un trauma fortissimo, ci resta impresso in una memoria profonda (anche se non lo ricordiamo in modo consapevole). Nascere è staccarsi sia per la madre sia per il neonato, ma quando possibile è fonte di conforto stare uniti grazie al cordone ombelicale … ancora per un po’.

NEW BORN, CORDONE OMBELICALE

Il legame madre-figlio è fortissimo, nonostante certi deliri della scienza vogliano ridurre il concepimento a fabbricazione e la madre a qualcosa di simile a una mera generatrice biologica. Comunque il biologico si dimostrerà più forte, più cocciuto, più recidivo dei tentativi di scrivere una impossibile narrativa umana liberata dai cordoni ombelicali. E non ne troveremo prova più schiacciante di quella piantata nella tragedia di Daniela Molinari: una figlia abbandonata alla nascita che da adulta ha ricevuto per molte settimane un altro mortale no dalla madre.

Adottata a due anni in orfanotrofio, dove era stata accolta dopo che la madre aveva rinunciato ad allevarla, Daniela cresce con la famiglia adottiva senza aver mai notizia di colei che l’aveva messa al mondo. Poi, da adulta, si ammala di una forma tumorale resistente alle cure tradizionali. I medici le spiegano che una via di salvezza esiste e che risiede proprio in quel “cordone ombelicale” immaginario, che va risalito a ritroso alla ricerca della madre biologica, il cui esame del sangue permetterebbe di avviare una terapia sperimentale che necessita della mappa genetica di uno dei genitori biologici.

Da La Stampa

“Mamma, aiutami!”

A Chi l’ha visto Daniela Molinari ha condiviso un appello parlando direttamente alla sua madre biologica.

Spero che si renda conto che le possibilità per fare questa cosa ci sono… Ti prego di ripensare alla tua decisione.

Prima parla della mamma in terza persona, poi spontaneamente passa al tu. La grammatica diventa un ulteriore specchio dell’evidenza che è impossibile trattare questo magma di vita senza infilarci dentro un legame. Daniela è stata abbandonata, non sa nulla di sua madre eppure non può non trattarla come un tu. Paradossalmente, l’anominato e la distanza sono l’estrema speranza per elemonisare da lei un briciolo di rapporto. Le chiede solo un prelievo del sangue, non c’è bisogno di incontrarsi, non c’è bisogno di esporsi pubblicamente. Un semplice esame del sangue della madre biologica basterebbe per poter procedere alla cura sperimentale da cui dipende la vita di Daniela Molinari.

La donna ha rifiutato, motivando la scelta con poche parole pronunciate al telefono: è troppo doloroso ricordare quel periodo della sua vita. Il 4 maggio la svolta. Si apprende che un medico e una psicologa, nella massima discrezione e nel rispetto della richiesta della madre naturale di restare anonima, hanno effettuato il prelievo che permetterà la mappatura genetica. 

Quel no imponderabile

Alla richiesta di sottoporsi, in forma anonima e senza alcun coinvolgimento della sua attuale famiglia, a un prelievo di sangue, quella donna faticosamente rintracciata dice no. Così Daniela rimane appesa a un filo, letteralmente. Il suo destino è nelle mani di chi la vita gliel’ha data e che ora rischia di negargliela. In un crudele gioco di corsi e di ricorsi, quella donna rinuncia a essere madre una seconda volta e alla possibilità di rigenerare quella figlia, di riportarla letteralmente in vita.

Ibid.

Per molte settimane Daniela ha dovuto fare i conti con questo rifiuto netto, imponderabile. A noi esterni, che incontriamo questa vicenda e la trattiamo stando piantati negli assi cartesiani della logica del “un gesto di bene che ti costa poco”, sembra assurdo questo rifiuto della madre biologica di Daniela. Gli appelli da parte di quest’ultima si ripetono:

Ti chiedo di ripensarci. Rifiutando di sottoporti a un prelievo di sangue, condanni me e le mie figlie, una delle quali ha appena nove anni. Condanni una famiglia.

Fin qui la narrazione dei fatti è dolorosa fino al tragico ma raccontabile. La mente e il cuore – pur dilaniati – possono straziarsi di fronte alla storia di una figlia abbandonata due volte che continua a implorare aiuto a chi le ha dato la vita.

Impossibile eppure necessario è fare un salto di là, nella storia di una madre che è solo un volto al buio e ha sulle spalle l’abbandono di una figlia e ora quello di un no irrevocabile alla richiesta di aiutarla. Qui, su questo terreno scosceso e vessato da una tempesta brutta, mancano le coordinate per qualsiasi discorso accettabile. Eppure è proprio in quel buio che sta scritto che madre è una presenza viscerale inestirpabile e non sarà mai solo una parola plasmabile a nostro uso e consumo.

Restare nel mondo dei vivi

Ho letto la riflessione di Viola Ardone su La Stampa in merito a questa vicenda. E ne condivido la profonda intuizione di fondo: chi deve restare nel mondo dei vivi in questa storia?

questo voglio sperare, insieme a Daniela, che quella madre disperata riesca a infrangere il suo voto di indifferenza e risalendo dal verso opposto quel cordone ombelicale si consacri a un gesto d’amore che la porti fuori dal regno del tragico e la restituisca ai vivi.

da La Stampa

Non occorre scomodare Freud per capire che il volto in totale ombra di questa madre non è quello di una donna che si punisce. La sua persona è per noi un’incognita su cui è facile incollare etichette cattive. Ma che ne sappiamo davvero? L’abisso di ogni anima è davvero un abisso, e di fronte a ogni persona noi siamo sempre sulla soglia di un mistero, di una battaglia invisibile, di una camera magmatica incandescente.

Madre è accoglienza, abbraccio, sacrificio, perdono, nutrimento, vita. Forse che questa donna in ombra – sprofondata nel buio dei suoi incubi – non lo senta? Non so. Ma c’è qualcosa che fa pensare che sia anche lei a voler morire, non dando alla figlia una speranza.

Oggi il consenso a fare il prelievo di sangue è arrivato, ed è un gesto di riconciliazione con un passato che fa male. Sappiamo bene che possiamo essere noi i primi a negarci la possibilità di riconciliarci.

Non è scontato concedere a se stessi la misericordia di un gesto di riconciliazione. Anche se i discorsi del mondo parlano spesso di “perdonare se stessi”, la verità è che il perdono è sempre una parola che viene da fuori, ci deve – appunto – essere donato.

Se anche madre e figlia non si sono ancora incontrate, ci auguriamo che questo passo enorme di avvicinamento sia l’inizio di un legame, anche a distanza, per sanare il dolore profondo di entrambe.

Tags:
cronacamadritumore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni