Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
home iconFor Her
line break icon

Un padre, due figli e il viaggio di dire addio alla mamma

DAMIEN LEWIS, HELEN MC CRORY

Jaguar PS | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 20/04/21

Dopo una lunga battaglia col cancro è morta l'attrice Helen McCrory. Suo marito, l'attore Damian Lewis, ha voluto condividere il cammino fatto insieme ai figli: "sono rimasti orfani troppo presto, ma preparati alla vita".

E’ morta venerdì scorso l’attrice Helen McCrory. Per molti è stata uno dei volti nella saga di Harry Potter (dove ha interpretato Narcissa Malfoy), per altri era la co-protagonista nel film The Queen e star della serie tv Peaky Blinders. Famosa sì, ma non così smaccatamente celebre come altre dive. Sotto i riflettori, ma con le luci un po’ più soffuse.

E dietro la scena ha vissuto una sfida enorme: ha combattuto la sua dura battaglia con un cancro al fianco della sua famiglia. In questi giorni di lutto il marito Damien Lewis, anche lui attore e volto altrettanto noto, ha voluto aprire una finestra sul privato, su chi era sua moglie Helen. Non ha rilasciato interviste che celebrassero l’attrice, ma ha parlato dell’intimità in cui questo viaggio nella malattia, e poi nella morte, è stato affrontato da una famiglia tutta intera, due genitori e due figli.

La vita non ha copione

Helen McCrory e Damien Lewis si sono sposati nel 2007, dal loro matrimonio sono nati una figlia e un figlio che oggi sono giovanissimi adolescenti. Il tutto nella cornice dell’Inghilterra e delle luci della ribalta. Helen rifiutò un ruolo importante in Harry Potter a causa di una delle due gravidanze. A causa? Cado nell’errore delle contrapposizioni.

L’impressione che dà questa famiglia, che ora si mostra nel momento del lutto, è quella di chi ha imboccato la via di un amabile anonimato. Il mestiere richiede red carpet, telecamere ed esposizione mediatica, ma la vita privata può benedettamente starne al di fuori. Vivono nel Suffolk e anche l’irrompere della malattia di lei non è stato esibito. Altre star come Shannen Doherty, decidono di mettersi a nudo e di condividere come un reality il proprio percorso di chemio, interventi, vita quotidiana stravolta dalla malattia.

E’ una scelta personale, non è giusta o sbagliata in assoluto. Benvenuto sia l’uso dei social se è mosso dal desiderio di mostrare la vulnerabilità dietro l’inganno generale di un mondo in cui la malattia è temuta, e messa negli angoli dove si veda poco. Benvenuta anche la fuga dal clamore mediatico se l’urgenza è quella di stare dentro la vita, e al diavolo ogni esibizione.

Si sa che nei film sono gli imprevisti e gli shock a tenere alta l’adrenalina. Nella vita gli imprevisti sono botte belle grosse che squadernano ogni piano, ribaltano tutto e non c’è una battuta pronta. C’è un silenzio pesante. Come ultimo saluto pubblico alla moglie, Damian Lewis ha voluto condividere un’immagine di come è stata la loro vita familiare nel tempo della malattia di Helen:

L’attore ha trovato tempi e modi per raccontare dei figli, Manon (14) e Gulliver (13), «rimasti orfani troppo presto, ma preparati alla vita». «Hanno in sé il coraggio, l’acume, la curiosità, il talento e la bellezza della madre. Lei ci ha esortati ad essere forti, non spaventati».

«Helen è stata eroica nella sua malattia. È stata divertente, coraggiosa, non si è mai lamentata. Al contrario, ha esortato tutti noi a prendere atto di quanto siamo stati fortunati, di quanto la vita ci abbia dato. Ci ha incoraggiati a vivere: vivere appieno, cogliere opportunità, fare avventure».

da Vanity Fair
DAMIEN LEWIS, HELEN MC CRORY

Quando entra in scena la morte

Tante famiglie che conosco (e ognuno di noi conosce) vivono in presenza della morte. Quella parola taciuta e scacciata ha il dono di mettere a fuoco molte cose vive, e non solo di lasciare libero campo alla disperazione. Dopo aver letto le parole di Damien Lewis citate sopra mi sono fermata, non sono andata oltre nell’articolo.

Avevo bisogno di stare su quel “orfani, ma preparati alla vita“. In astratto c’è tanta paura ad accogliere il pensiero della morte nelle nostre giornate, citarla anche solo di sfuggita sembra foriero di presagi funesti. E allora perché Socrate sosteneva che la vita deve essere un allenamento alla morte? Era una bella battuta e basta? Non so rispondere da erudita. Ma è vero che la vita diventa un allenamento quando non escludiamo dall’orizzonte il pensiero della nostra finitezza. Ci tempra, non ci schiaccia. Ci desta da un letargo fatto di pure illusioni.

Come si parla a dei bambini o a dei ragazzi del fatto che una madre sta per morire? Come li si accompagna? Si può essere orfani e preparati alla vita?

Ho l’impressione che l’adulto del XXI secolo sia molto più fragile del bambino all’idea di introdurre il discorso della morte. Più volte, coi figli ancora piccoli, mi sono spaventata nel rendermi conto troppo tardi di aver letto loro fiabe in cui qualcuno muore, magari soffrendo. Ma non ho mai registrato panico nei miei figli. Curiosità e domande belle dirette, sì. Ma non terrore. Che cosa suggerisce questa loro apertura a un mistero che, invece, noi adulti abbiamo il terrore di guardare, nominare, contemplare?

Sono tutte domande non retoriche, e di cui non conosco le risposte chiuse. Di certo quel senso del mistero che i più piccoli dimostrano di avere dovrebbe darci una spinta di fiducia a inoltrarci nel buio: parlare di dolore non è solo tragico, accompagnare una persona cara alla morte non è solo disperazione. “Preparati alla vita”, lo ripeto perché mi commuove. Nel buio non c’è solo il buio. E’ dura entrarci senza sapere cosa – poi – si metterà a fuoco. I bambini, però, sono disposti a stare al buio se qualcuno è con loro.

Può essere un’indicazione pura e semplice. Ci affaccendiamo a schivare – o sperare di schivare – il più a lungo possibile il problema di morire. Eppure lì dove c’è gente costretta a farci i conti abbiamo la testimonianza che non c’è solo negazione e oscurità, ma uno strano gusto di vita che sa di gratitudine.

Tags:
figliluttomorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
3
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
4
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
5
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni