Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconStorie
line break icon

Il Papa gli fa sapere che sarà il vescovo più giovane al mondo. Ma lui…non accetta subito!

Missionari Comboniani

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 19/04/21

Christian Carlassare, missionario comboniano, 43 anni, originario della provincia di Vicenza, racconta cosa è accaduto il giorno che ha ricevuto la notizia della sua nomina

Lo chiamano il “l’italiano sud-sudanese, il “bianco Nuer”, il “bianco Dinko”: è il più giovane vescovo al mondo, ha 43 anni e quando nelle scorse settimane è stato chiamato da un emissario del Papa…non ha accettato subito! 

“Abbiamo appena ricevuto dal Santo Padre…”

Il giorno che ha ricevuto la comunicazione che sarebbe diventato il più giovane vescovo al mondo, a Padre Christian è avvenuto come uno choc. Che ha raccontato al Corriere della Sera (19 aprile)

Il Nunzio apostolico in Sud Sudan lo contatta e gli dice: «Abbiamo appena ricevuto dal Santo Padre la sua nomina a vescovo di Rumbek…». 

“Posso richiamarla tra un’ora?”

Il più giovane vescovo cattolico del mondo, si legge sul Corriere, fatica ad articolare una risposta sensata, balbetta: «Ma…, ma non c’era modo di parlarne prima? Io non ho esperienza…, ho la mia gente laggiù nella palude…, non so stare dietro a una scrivania…». 

Per quasi un’ora cerca di far valere le sue ragioni, le sue paure, i suoi sentimenti, la sua fragile natura umana. «Insomma, immagino sia un sì!». «Aspetti, posso richiamarla tra un’ora?». 

Il pensiero ai 15 anni in Sud Sudan

Frastornato, padre Christian scende in cappella, s’inginocchia e, prima di pronunciare il «Padre mio mi abbandono a te» insegnato da Charles de Foucauld, con lo sguardo fisso al Cristo in croce riavvolge nella memoria i quindici anni trascorsi nel martoriato Sud Sudan. 

La vocazione del giovane vescovo

La vocazione del più giovane vescovo del mondo, sboccia alle superiori e il giovane Carlassare, dopo gli studi teologici e due baccalaureati in Teologia e Missiologia, nel settembre del 2004 è ordinato sacerdote. 

Dopo un soggiorno a Londra per perfezionare l’inglese lo destinano al Sud Sudan, Paese devastato ma che sembrava finalmente destinato a una lenta rinascita dopo la fine della seconda guerra civile. 

In missione nella Savana

La sua missione è a Lokichoggio, una piana in mezzo al nulla. Così racconta il suo arrivo in questa località nel cuore della Savana. «Entrati in Sud Sudan, sotto di noi, per un’ora buona, solo savana senza ombra umana. Dopo comincia la palude. La popolazione Nuer, che mi aspetta, vive ai bordi della più grande zona allagata del mondo. Voliamo per un’altra ora e mezza su terra zuppa d’acqua. Mi si stringe il cuore: dove sto andando a finire? Lì il Nilo si mangia tutto. Per sorreggermi sgrano il rosario». 

L’accoglienza degli indigeni

Poi, prosegue il racconto di Padre Christian, «l’aereo comincia a scendere e lontano si intravedono capanne e una pista di sabbia di mezzo chilometro invasa da pecore e vacche. Il pilota volteggia su di loro, come dicesse sciò-sciò, due, tre giri, fino a quando sgombrano e noi possiamo atterrare». 

Due missionari scendono dall’aereo, uno più anziano e l’altro con la faccia da bambino, Christian. Ha il cuore gonfio di emozione e di timore finché un gruppo di persone, sciamando dalle capanne, gli va incontro: «Abbiamo pregato molto per avere un altro prete con noi». Da tempo, tra un conflitto e l’altro, non ne erano rimasti.

“Ti accogliamo” 

A Fangak, la base della sua missione per dieci anni, lo accoglie una donna rispettata come un capo. Si chiama Rebecca Nyaleak, lo squadra come un sergente revisiona una recluta, e gli dice: «Ti accogliamo come nostro padre, anche se sembri nostro figlio, e vedrai che ti aiuteremo a diventare un uomo».

La missione è molto vasta: ottanta villaggi da raggiungere a piedi o in canoa. Per visitarne alcuni si impiegano tre o quattro settimane.

Dalla Savana alla diocesi 

Dopo questa esperienza, quando padre Christian riprende a viaggiare tra palude e savana, arriva la prima chiamata. Nel 2017 gli chiedono di occuparsi delle nuove vocazioni e nel 2020 lo nominano vicario generale della diocesi di Malakal, grande come il Veneto e la Lombardia messi insieme. Poi la chiamata del Papa. E ora è diventato il vescovo più giovane al mondo. 

Tags:
vescovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni