Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Luglio |
Santi Nazario e Celso
home iconFor Her
line break icon

Loretta Harmes non può mangiare dalla bocca, ma è un’ottima chef

LORETTA HARMES, CHEF

the.nil.by.mouth.foodie | Instagram

Annalisa Teggi - pubblicato il 19/04/21

Loretta Harmes ha una malattia rarissima che le rende impossibile nutrirsi di cibo solido. Non può alimentarsi se non con un sondino. Eppure il suo talento è tra i fornelli. Il suo motto è: "Non posso mangiare, posso cucinare".

Su Instagram il suo nickname è paradossale: nil-by-mouth-foodie che significa “la buongustaia che non può mettere niente in bocca“.

Loretta Harmes è una chef londinese che da sei anni non si siede a tavola a mangiare. Cucina tanto e bene, ma non può nutrirsi nel modo consueto. Una malattia rarissima la costringe ad alimentarsi con un sondino, perché il suo stomaco non è in grado di digerire il cibo.

Assaggiare, gustare, assaporare sono azioni che le sono precluse, ma – dice Loretta – quel sondino le ha dato molto più di quel che le ha tolto. Perché? Perché arrivare a una diagnosi e a una cura è stato un vero e proprio incubo, in cui più volte ha rischiato di morire.

Una passione per il cibo cominciata presto

Loretta Harmes non mangia da sei anni, ma non ha perso la passione per la cucina. Anche se non può assaggiare le sue ricette, il suo seguito su Instagram sta crescendo e lì si presenta come la cuoca che non può mettere niente in bocca.

Da BBC
View this post on Instagram

A post shared by Cant Eat Can Cook 🤐✌️ (@the.nil.by.mouth.foodie)

Il limite può essere un’occasione e non un ostacolo. Tra le righe storte di ogni vita può essere scritta una storia tutt’altro che insensata. Loretta è una chef ed è anche una ragazza il cui punto più debole è proprio lo stomaco.

La passione per la cucina è cominciata presto, in famiglia:

All’età di 11 anni Loretta cucinava la cena per la sua famiglia il martedì sera, quando sua madre lavorava fino a tardi. Aveva un’attività da parrucchiera che gestiva negli spazi domestici e le clienti erano abituate a veder arrivare Loretta con un cucciaio di legno e una nuova salsa da far assaggiare alla madre. “Avevo campo libero in cucina e adoravo l’idea di creare qualche manicaretto per la mia famiglia dagli ingredienti che trovavo”, afferma.

Ibid

Questa passione per i momenti conviviali tra le pareti domestiche s’infrange nel periodo dell’adolescenza. Senza entrare nei dettagli, Loretta ammette di aver sofferto di anoressia per un anno all’età di 15 anni. Ed è evidente che, sia nel lato luminoso del gusto, sia in quello oscuro dei disturbi alimentari, il tema del cibo tocca la corda profonda del nutrimento, cioé del senso che ci tiene in vita.

L’inferno a tavola

Il momento più drammatico per Loretta è stato quando si sono manifestati i primi gravi segni della sua malattia rara e sono stati scambiati per una ricaduta nel disturbo dell’anoressia. Era proprio difficile diagnosticare la sindrome Ehlers-Danlos, una malattia genetica del tessuto connettivo che può manifestarsi in forme diversissime. Nel suo caso impedisce allo stomaco e all’intestino di compiere la funzione digestiva.

Mangiare diventa impossibile:

All’età di 19 anni [Loretta] è passata dal gestire il dolore all’essere costretta a letto dal male. “Le cose sono precipitate in fretta, non riuscivo a mangiare e neppure ad andare in bagno. I cinque anni successivi sono stati un incubo da cui credevo di non svegliarmi”, racconta. Quest’incubo comincia con un dottore convinto che la perdita di peso di Loretta sia dovuta a una ricaduta nell’anoressia. I servizi sociali vengono coinvolti e Loretta viene traferita per due anni in un centro di cura dei disturbi alimentari.

Ibid.

Per due lunghi anni è costretta a consumare i pasti seguendo una terapia pensata per chi rifiuta il cibo, ma che nel suo caso aggrava la patologia esistente. Presentarsi a tavola sei volte al giorno (tre pasti principali e tre spuntini), masticare davanti a infermieri che osservano che ogni boccone sia deglutito: ecco l’inferno di Loretta. Ignara lei e ignari tutti di cosa accada nel suo corpo, la situazione non fa altro che peggiorare. Siamo agli antipodi della serenità infantile di una bimba che amava cucinare per gli altri. Al suo posto c’è una ragazza che muore ogni volta che apre bocca per mangiare. Loretta ammette di aver tentato il suicidio più volte.

Benedetto sondino

L’utimo suo pasto è stata una patata arrosto, sei anni fa. Un dottore è riuscito a ricomporre il puzzle dei sintomi che Loretta presentava e ha trovato una diagnosi: una particolare manifestazione della sindrome di Ehlers-Danlos, appunto. La brutale chiarezza di scoprire che il suo stomaco e intestino non funzionano è stata anche la fine dell’incubo.

A sei anni dal suo ultimo pasto, Loretta sa che non mangerà né berrà mai più, anche solo un bicchier d’acqua. Viene alimentata grazie alla nutrizione parentelare totale, il che significa che per 18 ore al giorno è collegata a una sacchetta piena di nutrienti liquidi e a un sondino che li porta in direttamente nel sangue, bypassando l’apparato digerente.

Ibid.

Ed è a questo punto che Loretta afferma che il sondino le ha dato più di quel che le ha tolto. Le ha tolto un rapporto diretto col cibo, ma le ha ridato la vita.

Forse, a questo punto, la maggior parte di noi si sarebbe tenuta alla larga da tutto ciò che è inerente il cibo e la cucina. Perché diventare chef se non puoi assaggiare o gustare ciò che prepari?

Strano ma vero, una volta ritrovata la salute fisica anche la passione per la tavola e le ricette è tornata. Loretta oggi è “la buongustaia che non può mettere niente in bocca“. Il suo profilo Instagram trabocca di delizie per gli occhi e per il palato. Ed evidentemente per lei è l’opposto di un supplizio.

Forse la perdita e il limite costringono a guardare oltre gli stereotipi. Forse Loretta gusta i suoi piatti non con la voracità bulimica di cui spesso siamo schiavi. C’è una grande sazietà e un gran gusto nel preparare un buon piatto. C’è una grande pienezza nel mettere gli altri in condizione di mangiare bene. Noi questo gusto ce lo abbiamo ancora? O Masterchef & Co. ci hanno insegnato solo a venerare l’impiattamento e i nomi arzigogolati delle ricette?

Tags:
cibodonnemalattie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontan...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
5
don Marcello Stanzione
Fra Modestino da Pietrelcina rivela: Padre Pio ha visto mio padre...
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni