Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 12 Maggio |
home iconStile di vita
line break icon

L’importanza del linguaggio per annunciare davvero il Vangelo

Di Alex photohub|Shutterstock

Sposi&spose di Cristo - pubblicato il 15/04/21

Ormai ne siamo consapevoli tutti: sul web è necessario essere presenti ma da veri cristiani. E questo deve potersi vedere anche nel linguaggio e nelle modalità espressive. Usiamoci tutti più misericordia.

di Pietro e Filomena, “Sposi&Spose di Cristo”

Carissimi amici che ci seguite con tanto affetto ❤

Scriviamo questo post per condividere con voi quella che ci si presenta sempre come una “sfida” (una buona sfida) ogni volta che scriviamo un articolo sul Blog, un post su Facebook, quando facciamo un video su Youtube o semplicemente scattiamo una foto e ci scriviamo sotto qualcosa su Instagram.

Nella Liturgia delle Ore, c’è l’inno dell’Ora Sesta che nel canto si rivolge al Signore chiedendo: “…dona un linguaggio mite, che non conosca i fremiti dell’orgoglio e dell’ira”.

Cosa c’entra questo con noi? ..beh…c’entra eccome.

Ha a che fare con tutti i cristiani e noi ci sentiamo particolarmente toccati perché, nella nostra missione, c’è anche quella dell’Annuncio del Vangelo della Famiglia attraverso i mezzi di comunicazione (che ormai possiamo evitare di chiamare “nuovi” perché nuovi non lo sono più) e quindi del linguaggio fatto di parole oltre che di fatti.

La “sfida” sta nel parlare con persone che non possiamo guardare negli occhi di argomenti spesso difficilispinosi e che possono toccare le ferite di molte persone che ci seguono…cercando di adottare:

  • un linguaggio che non sia mai giudicante per essere in linea con Cristo (non dimentichiamoci che la Misericordia di Dio non ha limiti);
  • un linguaggio che non affligga o getti nell’angoscia maggiormente chi magari già si sente afflitto e angosciato;
  • un linguaggio che non “spenga il lumino fumigante o la fiamma smorta” di chi soffre.
  • un linguaggio che sia nella Verità e che apra alla Speranza!

Questo perché riteniamo che il Vangelo si annunci anche suscitando un sorriso, con piccoli gesti di affetto sincero…deponendo le pietre e rinfoderando le spade (ci sentiamo vittime anche noi della violenza sul web che nasce troppo spesso da testate cristiane che…lasciamo perdere…)

Questo ci teniamo a specificarlo per alcuni motivi, ad esempio:

  • c’è chi ci segue aspettandosi di ascoltare sentenze nei confronti di questa o di quella persona…ascoltare sentenze verso chi non crede o altro…
  • c’è chi si aspetta da noi soluzioni a problemi che non si possono risolvere con la lettura di un post o con un video su Youtube, ma che hanno bisogno di essere accolti e affrontati con interventi concreti personali e/o di coppia…

Queste aspettative (giudizi, sentenze, soluzioni facili) non rispecchiano quello che è il nostro fine, ovvero:

  • attraverso un linguaggio mite, accogliente, ironico, paziente, speranzoso, cerchiamo di accendere delle piccole luci, cerchiamo di aiutare le persone non ad avere risposte, ma a farsi bene le domande..
  • cerchiamo di aprire un varco nel cuore del lettore…un varco che faccia entrare nel cuore di quella persona l’unico che può dire Parole di Vita Vera, l’unico che salvare davvero qualcosa o qualcuno: il Signore Gesù Cristo.

Non sempre riusciamo nel nostro intento e non sempre siamo miti, ma ci proviamo perché crediamo in questa modalità di relazionarci con le persone…crediamo che nessuno si converta con le bastonate, la paura e le minacce…Crediamo in Gesù mite e umile di cuore.

E se a volte cadiamo nell’opposto di quello che predichiamo…facciamo appello alla vostra misericordia ❤

Nella speranza di potervi incontrare personalmente uno per uno (quanto lo desideriamo!!!) vi salutiamo con il saluto di san Francesco: “Il Signore ti dia Pace”.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA SPOSI E SPOSE DI CRISTO

Tags:
evangelizzazionelinguaggiosocial media
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
rosary
Aleteia
Sapete quali sono i sacramentali istituiti dalla Madonna?
7
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni