Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconFor Her
line break icon

Con gli occhi(ali) della fede per me è diventato tutto più bello

YOUNG WOMAN,

goodluz | Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 15/04/21

Non appena inizi a indossare gli occhiali della fede vedi tutto più bello, più luminoso, è come se per tutta la vita avessi visto solo l’ombra delle cose, e delle persone soprattutto, ora riesci a vedere bene molto altro.

In seconda media mi ricordo che un giorno guardando alla lavagna strizzai così forte gli occhi che mi fecero male ma non riuscii comunque a leggere nulla di quello che il professore vi aveva scritto. Quel pomeriggio papà mi accompagnò a comprare i miei primi occhiali da vista e il giorno dopo a scuola li provai e ricordo la stupefacente sensazione di chiarezza e nitidità che provai, come era bello non dover strizzare gli occhi ma semplicemente aprirli e vedere.

YOUNG WOMAN WITH EYEGLASSES,

L’imbarazzo dei primi occhiali

All’inizio un po’ mi vergognavo a portarli in presenza di altre persone, soprattutto dei miei compagni di classe, avevo paura di essere presa in giro. Ero alle medie che è praticamente il momento più terribile di un adolescente, è l’inizio della “trasformazione”, o perlomeno diciotto anni fa fu così per me.

Crescendo acquisii maggiore sicurezza (ammetto che dovettero trascorrere ancora molti anni) e iniziai a indossare gli occhiali ovunque, e da un certo momento in poi non li ho più tolti.

Mai più senza

Ora sono parte del mio viso, quasi non riesco a vedermi senza. La fede è la stessa cosa.

Accade che ti guardi intorno e la realtà, le persone, le situazioni diventano illeggibili, non riesci a cogliere bene il significato, o meglio vedi solo quello che il mondo ci ha scritto sopra a caratteri cubitali ma tu percepisci che c’è qualcosa di più. 

Con gli occhiali della fede vedo tutto più chiaramente

È in questo modo che inizia la ricerca di quel qualcosa che scopri poi essere un Qualcuno. Non appena inizi a indossare gli occhiali della fede vedi tutto più bello, più luminoso, è come se per tutta la vita avessi visto solo l’ombra delle cose, e delle persone soprattutto, ora riesci a vedere bene molto altro. 

Ed è paradossale come la fede pur permettendo di riconoscere, quasi a pelle direi, il male e distinguerlo dal bene, rimarcandone i confini, al tempo stesso è in grado di illuminare il bene ovunque non ci sia solo il male.

La fede in Dio mi mostra tutto il bene che c’è…

Il peccato ci ha segnati tutti, fin dall’inizio, quindi ognuno di noi ne porta le ferite, a volte chiuse e altre aperte, pulsanti, che continuiamo ad aprire, così che queste non riescono a rimarginarsi. 

Ma il bene c’è sempre, perché siamo fatti a immagine e somiglianza del nostro Padre Eterno, e questo non va mai dimenticato. E quando hai fede in Dio riesci a vedere tutto il bene che c’è intorno e nelle persone.

DROGA NAZARETU

… anche dentro di me

E, in modo spettacolare e inimmaginabile, riesci a vedere il bene anche dentro di te, laddove prima scorgevi solo male, peccato, angoli bui, risentimenti e rimorsi.

Questa è l’esperienza viva e vera di una persona che pur nascendo in una famiglia cattolica ha dovuto lottare contro se stessa, contro il peccato che è famelico e non ci lascia mai, per tutta la vita.

Alcuni hanno il colpo di fulmine, non appena conoscono Cristo se ne innamorano, non lo lasciano più, consapevoli che è per la vita eterna. Altri hanno da sempre visto il volto di Gesù come parte della propria vita, ma l’innamoramento è avvenuto per gradi, e a volte ci sono voluti anni prima di realizzare che senza non si può vivere.

O meglio, si può vivacchiare, come diceva il Beato Pier Giorgio Frassati, ma sentiremo sempre che ci manca qualcosa, l’insoddisfazione sarà parte costante della nostra vita.

Siamo creature che anelano al Creatore

Alcuni arrivano addirittura ad amare questa insoddisfazione pur di non fare il salto, quello che ti fa abbandonare tutto e gridare al mondo “Io sono di Dio!”.

Perché per quanto combattiamo non potremo mai negare che siamo creature che anelano al Creatore ogni istante della nostra esistenza.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA MARY AND ME

Tags:
amore di diofede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni