Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 27 Ottobre |
Sant'Evaristo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

LinkedIn riconosce la «mamma» come un mestiere. Benvenuti nella realtà!

MUM, WORK, HOME

Oksana Klymenko | Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 14/04/21

Siamo felici che da adesso esista la casella «mamma» tra i lavori riconosciuti dal grande colosso LinkedIn. Ma non riduciamo il ritratto di una madre a un elenco di competenze professionali.

Ho fatto la prova anche io ed è vero. Sul mio profilo Linkedin ora compare tra le attività professionali che posso selezionare quella di mamma (stay-at-home mum, per la precisione) . E vale anche per i papà. La più grande e nota piattaforma dedicata al lavoro ha introdotto questa novità ed è stata applaudita a tutte le latitudini: finalmente viene riconosciuto come mestiere l’impegno femminile e maschile profuso h24 tra le pareti domestiche.

Finalmente

Non comincerò facendo la guastafeste, c’è davvero di che dare il benvenuto a questa notizia. Siamo felici che aprendo la finestra ci si accorga che fuori c’è il sole. Riconoscere il valore della maternità e paternità, anche nell’orizzonte delle professioni, è buon segno. Ha ragione Rachele Sagramoso che qualche settimana fa ci ricordava un’esperienza frustrante capitata a tante di noi: chi è «solo» mamma si trova a dover barrare – su vari tipi di moduli – la casella «inattivo/a», quando si tratta di indicare il proprio lavoro. Che è un enorme controsenso e una grandissima menzogna.

VACATION

La crisi economica generata dalla pandemia sta dando uno schiaffo fortissimo all’umanità. Tra le molte conseguenze, due hanno innescato una coscienza più viva sul valore dei mestieri della cura: le professioni legate all’assistenza hanno patito di più sul fronte dei licenziamenti; in molti hanno dovuto rinunciare al lavoro per seguire i figli rimasti a casa. La vita domestica si è presa il centro della scena a causa dei lockdown, nel bene e nel male. L’emergenza in corso ha cambiato gli equilibri sociali: a fronte della situazione attuale è impossibile non riconoscere ai caregivers – uso questa etichetta in modo un po’ provocatorio per indicare i ruoli domestici di madre e padre – un valore essenziale per la comunità umana. Questo ha convinto il colosso social di Linkedin ad ampliare l’orizzonte delle sue etichette professionali.

Linkedin ha accettato. Grazie Linkedin!

LinkedIn è il social network dei professionisti ed è uno strumento importante per trovare lavoro in certi settori. La proposta di Heather Bolen, che nel suo profilo si presenta come “capo delle operazioni” delle sua famiglia, è stata: modificare il modo in cui un utente compone il proprio curriculum per includere e valorizzare anche il periodo in cui una persona si è occupata della propria famiglia. E LinkedIn ha accettato. Sembra una banalità ma non lo è: è il riconoscimento che il tempo trascorso ad accudire i propri cari, mandando avanti una casa non è tempo perso. Ma anzi, ha un senso anche dal punto di vista della formazione di ciascuno di noi. Non si tratta di dare un contentino ad una mamma (o ad un papà) che si occupano dei figli ma di considerare davvero di cosa si tratta: cosa stanno imparando. 

da Repubblica

Ecco, un po’ guastafeste ora mi sento di esserlo. C’è qualcosa che stona sullo sfondo di una notizia che tutti riconosciamo apprezzabile. Linkendin ha accettato.

Riconoscere sarebbe stato il verbo più giusto. E non è solo una sfumatura linguistica. Quell’ “accettare” evidenzia un grosso abbaglio. Mi fa pensare alla maternità come a una di quelle ragazze che aspettano, aspettano, aspettano per poter entrare nel locale esclusivo e finalmente il buttafuori le fa passare.

Il mestiere di genitori è un impegno durissimo ed entusiasmante su mille diversi fronti. E’ un campo di gioco in cui valgono le ore perse dietro un biberon. Vale anche una frittata bruciata e pure i compiti corretti con gli occhi semi-chiusi. Se è un lavoro, lo è non perché Linkedin lo accetta ma perché la tradizione umana – fin dalla Creazione di Dio – ha affidato a un padre e a una madre ciò che milioni di aziende non potrebbero fare: reggere il mondo, quasi disarmati e in mezzo a mille imprevisti quotidiani.

Linkedin è uno spazio troppo angusto per ospitare una faccenda così colossale. Non erano le etichette di «mamma» e «papà» che aspettavano di essere accolte in questo club esclusivo. E’ lo sguardo del mondo che da troppo tempo ha voltato le spalle al vero punto di forza della società, l’impresa della famiglia.

Mamma mia, quante competenze

Da qualche anno per valutare le competenze di qualcuno al momento dell’assunzione, l’invito è non considerare solo gli studi e le esperienze professionali, le cosiddette hard skills, ma anche i talenti emozionali, le soft skills. Pensate per un attimo al rapporto, meraviglioso e complicatissimo, con i figli che crescono. A quante competenze il genitore debba ricorrere in ogni istante: come l’autonomia, l’autostima, la capacità di adattamento, la resistenza allo stress, l’autocontrollo, la pianificazione, la gestione delle informazioni.

DaRepubblica

Sminuzzare, è bello quando compare nei programmi di cucina. Riesce a rendere appettitosa anche una zucchina. Applicato all’umano è un verbo pessimo. Eppure quando si compila un curriculum è la prima cosa che si fa: l’intero – la persona – viene frammentato in tante parti così da moltiplicare apparentemente il contenuto. Più competenze hai più vali.

remote learning

L’ottica delle competenze lavorative può tirar fuori cose strepitose dall’esperienza acquisita sul campo da una madre. Dedizione, resilienza, attitudine al problem solving, multitasking, più tutte le soft skills elencate sopra. E poi altre ancora. Era ora che ce ne si accorgesse! Ma attenzione a non lasciare che questa prospettiva sminuzzi la madre.

Il suo impegno dentro casa e nell’educazione dei figli è proprio fondato sull’idea che ci sia bisogno della persona intera (compresi i punti deboli) e non di un elenco di skills. Chesterton, già nel 1911, intuì il pericolo dietro l’idolo della specializzazione che il mondo lavorativo celebrava e valorizzava:

Ciò che rende difficile all’uomo comune di essere universale è che l’uomo comune deve essere uno specializzato; non solo deve imparare un mestiere ben preciso, ma deve impararlo così bene da tenerselo stretto in una società parecchio spietata. Questo è generalmente vero per i maschi, dal primo cacciatore all’ultimo ingegnere elettrotecnico; l’uomo non deve semplicemente fare qualcosa, ma deve farla meglio di tutti. […] L’umanità sarà fatta solo di chirurghi specializzati e idraulici qualificati? Tutta l’umanità sarà monomaniaca?

Da Cosa c’è di sbagliato nel mondo

Il vero lavoro di una madre

Siamo felici che da adesso esista la casella «mamma» tra i lavori riconosciuti dal grande colosso Linkedin. Ma è anche vero che ogni genere di caselle e etichette sono proprio l’antitesi di ciò che una madre e un padre sono. Sarebbe più giusto dire che dentro la grande casa che la famiglia umana si cura di tenere in piedi, c’è una stanza anche per Linkedin. Il viceversa è rischioso. Ci siamo ridotti a pensare che una famiglia abbia bisogno di un lavoro per sopravvivere. L’ipotesi opposta è quella più vera:

Due giganteschi dati naturali si sono posti a noi così: primo, che la donna, abitualmente in grado di portare a termine tutti i suoi doveri, non è particolarmente predisposta alla sperimentazione e all’avventura; secondo, che la natura ha operato in modo da mettere accanto a lei dei bambini appena nati, che non hanno bisogno di imparare qualcosa in particolare, ma tutto. I bambini non hanno bisogno di imparare un mestiere, ma di essere introdotti al mondo intero.

Per farla breve, la donna è generalmente silenziosa nel momento in cui si trova in casa con un altro essere umano che le pone tutte le domande possibili, e anche alcune impossibili. Sarebbe davvero bizzarro se le fosse rimasta anche solo un po’ della chiusura mentale dello specializzato. Se poi qualcuno afferma che questo compito di portar luce alla vita nella sua interezza (anche quando è liberato dall’oppressione moderna delle regole e degli orari ed è esercitato in modo spontaneo da una persona che resta più protetta) risulta comunque estenuante e oppressivo, io posso capirlo. Posso solo rispondere che la nostra razza ha stabilito che fosse un compito così rilevante da affidarne il peso alla donna, così che il buon senso non abbandonasse il mondo.

Da Cosa c’è di sbalgliato nel mondo

Occorre che ci siano una madre e padre all’opera per costruire le fondamenta resistenti di una casa accogliente, perché si possa abitare la stanza (necessaria) del lavoro senza essere schiacciati dalla tentazione di sentirsi solo manodopera.

Tags:
lavoromamma
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
VENERABLE SANDRA SABATTINI
Gelsomino Del Guercio
Sandra Sabattini beata il 24 ottobre. Lo ha deciso Papa Francesco...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
medjugorje
Gelsomino Del Guercio
Cosa sono i “segreti” di Medjugorje? Che messaggi nascondono?
5
POPE JOHN PAUL II
Paola Belletti
Wojtyla affrontò il problema della frigidità sessuale femminile
6
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
7
Gelsomino Del Guercio
Il Papa parla della fine del mondo e di San Michele: “Lui guiderà...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni