Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconApprofondimenti
line break icon

«Avete voluto la pace a prezzo del disonore»: torna da Istanbul la lezione di Churchill

AFP / TURKISH PRESIDENTIAL PRESS SERVICE

6 avril 2021, le président turc Recep Tayyip Erdogan reçoit le président du Conseil Européen Charles Michel et la présidente de la Commission européenne Ursula von der Leyen à Ankara.

Benoist de Sinety - pubblicato il 13/04/21

È chiudendo gli occhi sulle nostre piccole connivenze con il male che si finisce per innescare catastrofi.

Come non sentire riaffiorare, dai fondali delle memorie di un Occidente moribondo, la voce di Wiston Churchill*? Lui parlava della controversa Conferenza di Monaco, noi della chiacchierata pagliacciata di Istanbul. Triste spettacolo in cui due uomini – il presidente turco e il presidente del Consiglio europeo – gigioneggiano davanti ai fotografi di tutto il mondo dimenticando vistosamente il posto d’onore che spetta a una donna, presidente della Commissione Europea, di cui si può pensare ciò che si vuole ma che resta comunque la rappresentante più ufficiale degli Europei. 

Dando così chiara mostra di sottomissione alle usanze del presidente turco, l’ex ministro belga non ha dato mera prova della sua mancanza di educazione, ma ha ratificato il principio della preminenza protocollare dell’uomo sulla donna. Preminenza oltretutto rinforzata dal divano su cui la Presidente è stata fatta accomodare (oltretutto tenendo la mascherina che i due signori in barba e baffi si sono disinvoltamente sfilata). 

La Turchia si permette di tutto 

Rispetto alla vasta storia del mondo, la questione può sembrare pura aneddotica: si sbaglierebbe però a non vedere in ciò se non una meschina querelle protocollare, cioè quel che da sempre è principalmente il calmiere delle vanità, perché c’è in gioco ben più di una battaglia sulle presenze. 

Sì, tutto ciò sarebbe puramente aneddotico se l’evento non venisse ad aggiungersi a fatti sempre più numerosi, conseguenza di una forma di ricatto che la Turchia fa pesare sulle nostre coscienze ormai da più di cinque anni. Stiamo davanti al Grande Sultano come dei bambini: abbiamo la coscienza sporchissima ma ce la vogliamo tenere così. La questione chiave consta di più di tre milioni di rifugiati che restano a volte in accampamenti e a volte in quartieri. Siriani, Iracheni è sicuramente anche altri mantenuti in un limbo politico-civile da un ricattatore che si fa pagare cara la nostra tranquillità. 

La Turchia può permettersi oggi pressappoco tutto: tagli sistematici al popolo turco, azioni militari contro i civili, minacce alla Marina Francese, espansionismo diplomatico in Libia, sconfinamenti in Grecia… può tra l’altro decretare il ritorno dell’antica basilica di Santa Sofia al culto islamico… tutto le viene perdonato, a patto che (beninteso) non apra i catenacci dei suoi campi. E dire che c’è mancato poco che qualche genio non proponesse ai libici o ai ciadiani di avviare anch’essi questo tipo di confinamento! 

I nostri piccoli “accomodamenti” 

Che fare delle situazioni che ci disturbano? Ammettiamolo umilmente: è difficile che non cerchiamo di gestirle come si fa quando si nasconde la polvere sotto il tappeto. L’adolescente che si vede intimare l’ordine di rassettare la stanza avrà indubbiamente la tentazione di camuffare sotto il letto o nell’armadio la roba che non gli andrà di piegare o sistemare. Alla rinfusa e via, chiudiamo le porte, e i genitori saranno contenti e gabbati. Gli adulti agiranno più elegantemente: fingendo di accordarsi o di non vedere che quel che nella propria esistenza non è in ordine né pulito. Come se non parlarne o fare come se la cosa non esistesse significasse far scomparire la causa del male. È la logica del “cosa volete? Sono tempi difficili…”, a cui si aggiunge il più cinico adagio del “non si può fare una frittata senza rompere qualche uovo”. 

Le dichiarazioni di François-Xavier Bellamy, eurodeputato francese, in merito al “sofagate”

Solo che… solo che non funziona così, perlomeno secondo l’Evangelo. Non si scende a patti con il male, e la Ragion di Stato non può in alcun caso giustificare ciò che il senso comune non può ammettere. 

Del resto lo sappiamo bene, o se non altro ne abbiamo una certa avvertenza: quel che è nascosto finisce sempre per essere rivelato. Non solo in Cielo, ma già qui su questa terra, e non semplicemente per la curiosità di alcuni, ma perché la menzogna non trionfa mai definitivamente sulla verità, né la morte sulla vita. E prima o poi i piccoli compromessi con la propria coscienza – degli individui come dei popoli – finiscono per provocare catastrofi peggiori di quelle che si diceva di voler evitare. 


* «Dovevate scegliere tra la guerra e il disonore: avete scelto il disonore e avrete la guerra».

Tags:
dittaturamigrantirecep tayyip erdoganturchiaunione europeaursula von der leyen
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni