Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconFor Her
line break icon

S. Giuseppe Moscati: un medico a servizio dell’uomo, immagine di Dio

Martha, Mary and Me - pubblicato il 13/04/21

La vocazione è la voce di Dio che ti sussurra all’orecchio “amami”.
Il 12 aprile, appena trascorso, è la sua memoria liturgica e giorno della sua morte terrena.

Una scintilla che accende un fuoco

E una volta che l’hai ascoltata non riesci più a ignorarla, cresce e diventa come un fiammifero vicino ad un covone di paglia: fa ardere di luce e calore tutto ciò che incontra. Giuseppe Moscati dentro aveva due fuochi che ardevano, uno era l’amore per Dio e un altro l’amore per la scienza. 

Toccato dal dolore

Giuseppe proveniva da una famiglia agiata e colta, il papà era un magistrato e la mamma una nobildonna, ed aveva otto fratelli. Giuseppe si scontrò con la malattia incurabile durante l’adolescenza, infatti uno dei suoi fratelli, a seguito di un incidente, viveva una condizione di disabilità e soffriva di crisi epilettiche continue.

Giuseppe, pur non potendolo curare, gli stette sempre accanto fino alla morte che avvenne pochi anni dopo l’incidente. Inoltre suo padre morì quando lui aveva solo diciassette anni, fu una grande perdita, né soffrì moltissimo. In quello stesso anno Giuseppe si iscrisse all’università di medicina e da quel momento tutta la sua vita venne plasmata dal desiderio di soccorrere chiunque si trovasse affetto da una malattia, sia fisica che spirituale.

Non solo corpo ma anche un’anima da consolare e avvicinare a Dio

Giuseppe credeva profondamente nel fatto che quando di fronte aveva un paziente, lì non c’era solo un malato da curare ma anche un’anima da sostenere, confortare e avvicinare al Padre. Per Giuseppe era un privilegio potersi accostare ad una persona in fin di vita perché credeva che la guarigione dell’anima fosse importante tanto quanto, se non di più, quella del corpo.

Una carriera brillante ma sempre a servizio degli ultimi

Giuseppe fu un grande medico, la sua carriera fu splendente e ottenne grandi risultati, sia accademici che lavorativi. Tuttavia, non smise mai di pensare prima ai poveri, ai quali si dedicava con amore e dedizione, ed è noto il fatto che non accettasse denaro da chi aveva poco o niente per pagarlo, e anzi era lui stesso a lasciare i soldi necessari ad acquistare le medicine che prescriveva.

Le giornate di Giuseppe iniziavano tutte in compagnia di Gesù, con la messa e quindi la comunione quotidiana.

Era da lì che traeva la forza, la passione e lo slancio necessario per vivere la sua vita a servizio dell’uomo, soprattutto del più malato, del più povero. C’è una frase di Giuseppe molto bella che forse racchiude tutto il senso della sua vocazione totalmente dedita alla cura del prossimo:

“Il vostro amore, Gesù, mi volge non verso una sola creatura ma verso tutti gli esseri creati a vostra immagine e somiglianza”.

San Giuseppe Moscati

Una morte improvvisa e quieta

Eccolo l’Amore che incendia e si propaga verso tutto e tutti. Giuseppe morì a soli 46 anni, in una giornata come le altre, in un martedì di una settimana santa, mentre svolgeva il suo lavoro. Se ne andò nello stesso modo umile e silenzioso in cui aveva vissuto.

La città di Napoli fu sconvolta da questa perdita perché sebbene Giuseppe avesse vissuto un’esistenza all’insegna della sobrietà massima, tutti lo conoscevano e lo amavano, lui era il “medico dei poveri”.

Giuseppe non lasciò soli i napoletani che subito lo pensarono santo e continuarono a ricorrere a lui, se non più fisicamente, certamente nella preghiera, quasi a compimento di quanto lui stesso aveva scritto un giorno ad una persona che stava vivendo un lutto: “Dio si sostituisce a colui che vuole con sé”.

La morte non lascia mai un vuoto, perché Dio colma questo vuoto materiale e lo riempie con la sua presenza che dà significato, valore e ragione al dolore.

San Giuseppe Moscati,

ti preghiamo per tutti i medici che incontrano ogni giorno la sofferenza, soprattutto in questo momento in cui la morte sembra essersi fatta più vicina.

Ti chiediamo di illuminarli e illuminarci, affinché, come attraverso un vetro non più sporco ma pulito, si impari a vedere la persona umana, fin dal concepimento, come unione di anima e corpo, e a non far mai mancare la vicinanza all’anima laddove il corpo si avvicina alla fine.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA MARY AND ME

Tags:
medico
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni