Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Un pellegrinaggio a piedi per Napoli

Naples Cathedral Santa Maria Assunta

Takashi Images | Shutterstock

Zelda Caldwell - pubblicato il 12/04/21

Prima fermata: il Duomo riccamente decorato, sede del miracolo di San Gennaro

Napoli è piena di eccentricità e ironia. Anche se è nota per il suo degrado urbano, i Napoletani sono profondamente orgogliosi della loro città.

Effettivamente, hanno molti motivi per esserlo: Napoli è una delle più antiche città abitate in modo continuativo al mondo, ed era uno snodo fondamentale della Magna Grecia. Millenni dopo, nel XVIII secolo, competeva con Vienna, Parigi, Londra e Firenze come una delle città europee più maestose, come testimonia il Palazzo Reale nella vicina città di Caserta. Più di recente, la città ha avuto l’onore di aver inventato la celeberrima pizza.

I pellegrini hanno molte ragioni per recarsi a Napoli. La città ha numerose chiese, fatte costruire e abbellire dai reali e dai nobili del passato. Le tradizioni religiose e le devozioni popolari napoletane, soprattutto ai santi, sono leggendarie. In una città che ha non meno di 52 santi patroni (sì, proprio cinquantadue), i Napoletani sono fedeli ai loro santi come alla squadra di calcio locale.

Il Duomo

Un pellegrinaggio a piedi per Napoli inizia dal Duomo. Costruito originariamente nel IV secolo come basilica cristiana su un tempio pagano dedicato ad Apollo, l’edificio attuale è in stile gotico francese dell’Alto Medioevo.

Se alcuni vi entrano per ammirare le notevole opere d’arte, la grande navata, le tombe funerarie e le cappelle laterali, la maggior parte dei pellegrini è attirata dalla Cappella di San Gennaro, il patrono principale della città.

San Gennaro era un vescovo martirizzato sotto Diocleziano verso il 305. Il suo corpo venne portato a Napoli verso l’anno 400. Si conoscono pochi dettagli della vita del santo, anche se le leggende sui miracoli avvenuti mediante la sua intercessione abbondano.

Quello più noto, che ancora si verifica, è relativo al suo sangue. Ci sono due fiale contenenti il sangue coagulato di San Gennaro, la cui liquefazione avviene tre volte all’anno. Il 19 settembre, festa del santo, l’arcivescovo di Napoli presiede una Messa e il rituale della liquefazione.

Dopo che il sangue si è liquefatto, il vescovo depone le fiale sull’altare, dove restano per otto giorni perché i fedeli possano venerare le reliquie. Dal Castel Nuovo, situato vicino al porto e risalente al XIII secolo, vengono sparati 21 colpi.

Si dice che se la liquefazione non avviene si verificherà una calamità a Napoli o nei dintorni. Nel 1980, anno in cui non si è verificata, un fortissimo terremoto ha devastato la vicina Irpinia, provocando 2.500 vittime.

  • 1
  • 2
Tags:
napolipellegrinaggio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni