Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconSpiritualità
line break icon

Sapete distinguere tra crisi e conflitto?

QUARANTINE

Shutterstock | Julio Ricco

Luisa Restrepo - pubblicato il 11/04/21

“Non conosciamo alcun'altra soluzione ai problemi che stiamo vivendo, se non quella di pregare di più e, nello stesso tempo, fare tutto quanto ci è possibile con più fiducia”, dice Papa Francesco

Il 2020 si è congedato da noi come l’anno della pandemia, della crisi sanitaria, della crisi socio-economica, dei disastri naturali, ed è stato perfino l’anno di una crisi ecclesiale che ha lacerato il mondo intero.

Pur con la speranza viva e gli occhi fissi su Gesù, non sappiamo cosa ha in serbo per noi il 2021. Il fatto che l’anno sia finito non significa che la crisi sia arrivata alla fine.

Il discorso di Natale del Papa alla Curia Romana è assai pertinente, non solo per i curiali, ma per tutti noi che apparteniamo alla Chiesa, ed è da lì che trarrò le citazioni di questo articolo.

C’è qualcosa che richiama profondamente l’attenzione in questo discorso. Il Papa ci dice:

“La crisi ha smesso di essere un luogo comune dei discorsi e dell’establishment intellettuale per diventare una realtà condivisa da tutti”.

Cos’è la crisi?

Approfondire ciò che significa la crisi è una delle cose più azzeccate e illuminanti per quest’epoca, visto che ci tira fuori dall’incertezza e dalla paura per permetterci di vedere con chiarezza e pace.

“La crisi è un fenomeno che investe tutti e tutto. È presente ovunque e in ogni periodo della storia, coinvolge le ideologie, la politica, l’economia, la tecnica, l’ecologia, la religione. Si tratta di una tappa obbligata della storia personale e della storia sociale. Si manifesta come un evento straordinario, che causa sempre un senso di trepidazione, angoscia, squilibrio e incertezza nelle scelte da fare. Come ricorda la radice etimologica del verbo krino: la crisi è quel setacciamento che pulisce il chicco di grano dopo la mietitura”.

“Anche la Bibbia è popolata di persone che sono state ‘passate al vaglio’, di ‘personaggi in crisi’ che però proprio attraverso di essa compiono la storia della salvezza”.

Ispirazione nella Bibbia

Tra questi personaggi, ce ne sono due estremamente attuali: Elia e Paolo.

“Elia, il profeta tanto forte da essere paragonato al fuoco (cfr Sir 48,1), in un momento di grande crisi desiderò persino la morte, ma poi sperimentò la presenza di Dio non nel vento impetuoso, non nel terremoto, non nel fuoco, ma in un “un filo di silenzio sonoro” (cfr 1 Re 19,11-12). La voce di Dio non è mai quella rumorosa della crisi, ma è la voce silenziosa che ci parla dentro la crisi stessa (…) E infine la crisi teologica di Paolo di Tarso: scosso dal folgorante incontro con Cristo sulla via di Damasco (cfr At 9,1-19; Gal 1,15-16), viene spinto a lasciare le sue sicurezze per seguire Gesù (cfr Fil 3,4-10). San Paolo è stato davvero un uomo che si è lasciato trasformare dalla crisi, e per questo è stato artefice di quella crisi che ha spinto la Chiesa a uscire fuori dal recinto d’Israele per arrivare fino agli estremi confini della terra”.

Elia ha saputo aspettare e trovare Dio nella crisi, e Paolo si è lasciato trasformare da questa, e favorendola nella Chiesa è diventato il grande apostolo che ispira tutti noi.

La Bibbia è piena di suggerimenti per affrontare le crisi:

La crisi in un tempo dello Spirito

La crisi “ci mette in guardia dal giudicare frettolosamente la Chiesa in base alle crisi causate dagli scandali di ieri e di oggi, come fece il profeta Elia che, sfogandosi con il Signore, gli presentò una narrazione della realtà priva di speranza: «Sono pieno di zelo per il Signore, Dio degli eserciti, poiché gli Israeliti hanno abbandonato la tua alleanza, hanno demolito i tuoi altari, hanno ucciso di spada i tuoi profeti. Sono rimasto solo ed essi cercano di togliermi la vita» (1 Re 19,14). E quante volte anche le nostre analisi ecclesiali sembrano racconti senza speranza. Una lettura della realtà senza speranza non si può chiamare realistica. La speranza dà alle nostre analisi ciò che tante volte i nostri sguardi miopi sono incapaci di percepire. Dio risponde ad Elia che la realtà non è così come l’ha percepita lui: «Su, ritorna sui tuoi passi verso il deserto di Damasco; […] Io, poi, riserverò per me in Israele settemila persone, tutti i ginocchi che non si sono piegati a Baal e tutte le bocche che non l’hanno baciato» (1 Re 19,15.18). Non è vero che lui sia solo: è in crisi. Dio continua a far crescere i semi del suo Regno in mezzo a noi”. “È il Vangelo che ci mette in crisi. Ma se troviamo di nuovo il coraggio e l’umiltà di dire ad alta voce che il tempo della crisi è un tempo dello Spirito, allora, anche davanti all’esperienza del buio, della debolezza, della fragilità, delle contraddizioni, dello smarrimento, non ci sentiremo più schiacciati, ma conserveremo costantemente un’intima fiducia che le cose stanno per assumere una nuova forma, scaturita esclusivamente dall’esperienza di una Grazia nascosta nel buio”.

La logica del conflitto, totalmente diversa

È tuttavia di fondamentale importanza non confondere la crisi con il conflitto: “La crisi generalmente ha un esito positivo, mentre il conflitto crea sempre un contrasto, una competizione, un antagonismo apparentemente senza soluzione fra soggetti divisi in amici da amare e nemici da combattere, con la conseguente vittoria di una delle parti”.

La logica del conflitto cerca sempre colpevoli da stigmatizzare e disprezzare e giusti da giustificare, per introdurre la falsa idea che ogni fazione sia indipendente, e che quindi non appartenga a un corpo comune.

“La Chiesa, letta con le categorie di conflitto – destra e sinistra, progressisti e tradizionalisti – frammenta, polarizza, perverte, tradisce la sua vera natura: essa è un Corpo perennemente in crisi proprio perché è vivo, ma non deve mai diventare un corpo in conflitto, con vincitori e vinti. Infatti, in questo modo diffonderà timore, diventerà più rigida, meno sinodale, e imporrà una logica uniforme e uniformante, così lontana dalla ricchezza e pluralità che lo Spirito ha donato alla sua Chiesa”.

Una fine e un inizio

Anche se sentirci in crisi ci fa morire un po’ ogni giorno, questo atto di morire segna allo stesso tempo una fine e un inizio. Anche se vediamo qualcosa che è terminato, in quella finitezza si manifesta al contempo un nuovo inizio.

“In questo senso, tutte le resistenze che facciamo all’entrare in crisi lasciandoci condurre dallo Spirito nel tempo della prova ci condannano a rimanere soli e sterili, al massimo in conflitto. Difendendoci dalla crisi, noi ostacoliamo l’opera della Grazia di Dio che vuole manifestarsi in noi e attraverso di noi (…). Tutto ciò che di male, di contraddittorio, di debole e di fragile si manifesta apertamente ci ricorda con ancora maggior forza la necessità di morire a un modo di essere, di ragionare e di agire che non rispecchia il Vangelo”.

Da ogni crisi emerge sempre una necessità di rinnovamento, ma se vogliamo un vero rinnovamento dobbiamo avere il coraggio di essere disposti a tutto.

Non si tratta di rammendare un vestito, ma di un abito nuovo, perché si manifesti che la grazia non viene da noi ma da Dio.

Cosa fare allora durante la crisi?

In primo luogo, la crisi va accettata come un tempo di grazia che ci è stato dato per scoprire la volontà di Dio per ciascuno e per la Chiesa.

“Fondamentale è non interrompere il dialogo con Dio, anche se è faticoso. Pregare non è facile. Non dobbiamo stancarci di pregare sempre (cfr Lc 21,36; 1 Ts 5,17). Non conosciamo alcun’altra soluzione ai problemi che stiamo vivendo, se non quella di pregare di più e, nello stesso tempo, fare tutto quanto ci è possibile con più fiducia. La preghiera ci permetterà di ‘sperare contro ogni speranza’ (cfr Rm 4,18)”.

La crisi è movimento, è parte del cammino. Il conflitto, invece, è un cammino falso, è un vagare senza obiettivo, è rimanere nel labirinto, una perdita di energia e un’opportunità per il male.

“Ognuno di noi, qualunque posto occupi nella Chiesa, si domandi se vuole seguire Gesù con la docilità dei pastori o con l’auto-protezione di Erode, seguirlo nella crisi o difendersi da Lui nel conflitto”.

Tags:
conflittocrisipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni