Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconChiesa
line break icon

La basilica di San Pancrazio, la promessa si rinnova

Antoine Mekary | ALETEIA

Marinella Bandini - pubblicato il 11/04/21

Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”

Siamo nella basilica di San Pancrazio, dedicata al giovane martire considerato il difensore dei giuramenti e delle promesse. In questo giorno, a conclusione dell’Ottava di Pasqua, si rinnovano le promesse battesimali e termina il ciclo delle stazioni romane. Nell’ultima processione stazionale, al posto delle invocazioni penitenziali, risuona l’Alleluia.

La basilica fu costruita per volere di Papa Simmaco (VI secolo) sul luogo di sepoltura di San Pancrazio. Secondo la “passio”, Pancrazio, rimasto orfano, giunse a Roma dalla Frigia insieme allo zio Dioniso. Entrambi si convertirono al cristianesimo e Dioniso cadde subito vittima delle persecuzioni di Diocleziano. Pancrazio, 14 anni, fu condotto davanti all’imperatore. Rifiutò di sacrificare agli dèi e difese la propria fede. Per questo fu decapitato.

La basilica di San Pancrazio ha subito numerose trasformazioni nel corso dei secoli. Nel 1662 la basilica fu affidata ai Carmelitani scalzi, che ancora oggi la curano. A fine ‘700 subì la violenza dei soldati napoleonici e nel 1849 si trovò sulla prima linea del fronte tra i francesi del generale Oudinot, giunti in soccorso di Papa Pio IX, e i difensori della Repubblica Romana. I danni furono notevoli. Alla distruzione e ai saccheggi si aggiunse la profanazione delle reliquie del martire, che furono disperse. Quelle presenti oggi provengono dal Laterano.

Chiunque è stato generato

da Dio vince il mondo;

e questa è la vittoria che ha vinto il mondo:

la nostra fede.

1Gv 5,4

* In collaborazione con l’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma

Tags:
chiese stazionalipasquastazioni quaresimali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni