Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconCultura
line break icon

“Il Maestro”, il film sul famoso pugile di Auschwitz

TADEUSZ PIETRZYKOWSKI, MISTRZ

Domena publiczna | fot. Robert Palka

Jolanta Tokarczyk - pubblicato il 10/04/21

Nei campi ha combattuto tra le 40 e le 60 volte, perdendo solo una volta. Quante vite ha salvato con le razioni extra di cibo che riceveva?

La vita stessa ha creato la storia del film Il Maestro, scrivendo le scene più difficili perché richiedevano il massimo coraggio. Spinto sull’abisso dell’inferno della II Guerra Mondiale e del campo di Auschwitz, un uomo è riuscito ad essere lì un raggio di speranza per i prigionieri.

Tadeusz «Teddy» Pietrzykowski

Tadeusz «Teddy» Pietrzykowski è stato un pugile leggendario dell’anteguerra. Era esperto nello schivare i colpi per via della sua tecnica di lotta, che consisteva nel dominare perfettamente la capacità di colpire dell’avversario.

La sua storia è servita come base per il film Il Maestro, diretto dal debuttante Maciej Barczewski. Gli ideatori presentano una parte sconosciuta della vita di uno sportivo che anziché dello sterminio è diventato un simbolo di speranza di vittoria.

Si è salvato la vita grazie ai combattimenti sul ring, ma ha anche lottato per il pane dei suoi compagni di prigionia. Prima che questo accadesse, però, ha vissuto molte cose, senza mai perdere la speranza.

TADEUSZ PIETRZYKOWSKI, MISTRZ

Prima della guerra, «Teddy» si era allenato nel Legia di Varsavia, sotto lo sguardo attento del famoso pugile Feliks Stamm.

La guerra costrinse Pietrzykowski ad abbandonare la sua carriera sportiva. Si coinvolse nella difesa di Varsavia e cercò di arrivare in Francia e di unirsi all’esercito polacco che si era formato lì, ma venne catturato e consegnato ai Tedeschi.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
auschwitzfilm
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni