Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconSpiritualità
line break icon

È noto per aver dubitato, ma Tommaso resta il più coraggioso dei discepoli

ressurection, st thomas

Wikimedia Commons

Niedowiarstwo św. Tomasza, Duccio di Buoninsegna

Vincent Aucante - pubblicato il 09/04/21

Tra tutti i discepoli di Gesù, Tommaso fu uno dei più infaticabili viaggiatori. Di lui conosciamo fin troppo bene il dubbio, ma Tommaso non dubitò mai della propria missione, e mostrò parecchie altre qualità.

Più di altri apostoli, Tommaso beneficia di una certa simpatia da parte dei nostri contemporanei, perché egli è colui che dubita e che malgrado tutto riesce ad accedere alla fede.

Egli è nondimeno ben più di questa bella immagine, che in sé svilirebbe pure il suo posto e il suo ruolo nella storia della Chiesa. Il Vangelo di Giovanni lo fa intervenire a più riprese e gli attribuisce infatti un ruolo singolare.

Il più coraggioso

Quando Gesù, minacciato di morte dai farisei, annuncia di star dirigendosi a Gerusalemme a rischio della propria vita, Tommaso si rivela il più coraggioso e trascina gli apostoli al seguito di Gesù, con una fedeltà cieca, dicendo: «Andiamo anche noi a morire con lui!» (Gv 11,16). Egli è già pronto a seguire Gesù a qualunque costo: il suo impegno è totale.

Quando poi Gesù annuncia la sua morte imminente dice loro: «E del luogo in cui io vado voi conoscete la via» (Gv 14,4); allora Tommaso dice: «Signore, non sappiamo neanche dove vai… come possiamo conoscere la via?» (Gv 14,5). Ha il coraggio di confessare la propria ignoranza e chiede a Gesù di illuminarlo. Non è già fin d’ora il modello del credente, che cerca di orientare la propria azione e chiede nella preghiera a Gesù di essere illuminato? La famosa risposta di Cristo apre un immenso orizzonte teologico: «Io sono la via, la verità e la vita» (Gv 14,6).

Di che cosa dubita davvero?

Arriva poi la crocifissione, e anch’egli – come gli altri – si nasconde. Il terzo giorno Gesù risorto appare agli apostoli, mentre Tommaso era assente. E non vuole credere: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi, se non metto il mio dito nel posto dei chiodi, se non metto la mano nel suo costato, no: non crederò» (Gv 20,25).

La perentorietà della sua affermazione ci interpella: di che cosa dubita veramente? È stato testimone della risurrezione di Lazzaro (Gv 11,43-44) e dunque sa che la cosa è possibile. Ma chi ha risuscitato Gesù? Sarebbe necessario che egli stesso fosse Dio – e forse Tommaso potrebbe anche crederlo… Ma un altro dubbio, più sottile, lo assale: quello della risurrezione della carne, il fatto che Gesù non è un puro spirito tornato sulla terra, bensì risuscitato nel suo corpo.

Il corpo risuscitato ha del resto tutto di una creatura spirituale: appare in luoghi chiusi e gode della bilocazione. L’incredulità di Tommaso a tal proposito è pure quella degli altri apostoli, i quali hanno bisogno di poter toccare per essere confermati nella loro fede in Gesù risorto nella propria carne (Mt 28,17; Lc 24,39). Egli però la esprime con vigore eccezionale.

Uno straordinario zelo apostolico

La sua risposta a Gesù, quando Egli appare e lo invita a toccare le sue sante piaghe, lo issa a un’altezza teologica eccezionale, poiché ce lo mostra che proclama “Mio Signore e mio Dio!” (Gv 20,28). Dalla piaga del costato di Cristo egli avrebbe ricevuto la grazia di uno straordinario zelo apostolico. Risalendo verso Est dalla via della Seta, egli avrebbe evangelizzato l’Asia centrale, per poi discendere verso il continente indiano. Nel sud del Paese avrebbe meritato il martirio, a mani e piedi trafitti, intorno al 72.

Diverse Chiese si vantano di essere state fondate da Tommaso: quella caldea, quella assira e tutte le Chiese indiane. Egli è stato l’“atleta di Cristo”, colui che per tutta la vita ha portato la buona notizia. E di questi tempi difficili Tommaso resta per noi modello di fede e di speranza.

Vincent Aucante, Thomas l’apôtre, l’athlète du Christ, Editions France-Empire, 2020, € 20.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
missionepasquarisurrezioneSan Tommaso

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni