Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconNews
line break icon

Monaco condannato al carcere per aver praticato la carità cristiana in Turchia

PRZEŚLADOWANIA

bioraven | Shutterstock

José Miguel Carrera - pubblicato il 09/04/21

La stessa regione è stata una delle più martirizzate durante il genocidio perpetrato dai Turchi ottomani contro i cristiani armeni

Un monaco è stato condannato al carcere per aver praticato la carità cristiana in Turchia. Si tratta di padre Sefer Bileçen, che ha adottato il nome monastico di padre Aho. È membro della Chiesa ortodossa siriaca, e in base alle regole dell’ospitalità monastica, ha dato del cibo a un gruppo di persone che hanno bussato alla porta del suo monastero.

Per il Pubblico Ministero turco, però, quelle persone sarebbero militanti del PKK, il Partito dei Lavoratori Curdi, un’entità che lotta per l’indipendenza dei territori curdi ed è catalogata dal Governo turco come gruppo terroristico.

Padre Aho ha trascorso quattro giorni in prigione ed è stato liberato provvisoriamente per la pressione dell’opinione pubblica, ma ora è stato condannato a 25 mesi di carcere per “appartenenza al PKK”, pur non essendo curdo, e per “cooperazione con un gruppo terroristico”. Un dettaglio: il processo si è svolto senza la presenza del sacerdote e senza l’accesso ai mezzi della stampa.

Secondo informazioni della radio portoghese Renascença, il monaco nega tutte le accuse e ribadisce di aver compiuto solo un atto di carità cristiana, non conoscendo neanche la posizione politica dei visitatori.

Il monastero in cui è avvenuto l’episodio è quello di Mor Jakup, San Giacomo in siriaco. È stato lo stesso padre Aho a restaurarlo dopo decenni di abbandono, derivati dalla persecuzione religiosa nella regione, terra ancestrale dei cristiani assiri o siriaci. La zona è stata una delle più martirizzate durante il genocidio perpetrato dai Turchi ottomani contro i cristiani armeni, che ha avuto il suo apice nel 1915.

Tags:
carità cristianamonacopersecuzione cristianiprigioneturchia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni