Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Eugenia Scornavacca: “madre” di più di 300 bambini destinati all’aborto

Photo courtesy use of Centro Aiuto alla Vita Ascoli Piceno

Silvia Lucchetti - pubblicato il 09/04/21

Era il 1979 quando Eugenia Scornavacca con grande coraggio fonda il CAV di Ascoli Piceno di cui è stata segretaria fino in prossimità della morte avvenuta nel 2003. Grazie a lei e agli altri volontari sono stati salvati dall'aborto più di 300 bambini

L’8 marzo scorso, giorno della festa della donna, si è tenuta ad Ascoli Piceno la cerimonia di intitolazione alla professoressa Eugenia Scornavacca di una parte di Largo Cattaneo che ha assunto il nome di questa donna straordinaria fondatrice del Centro di Aiuto alla Vita della città marchigiana, la cui sede operativa è proprio in quell’angolo urbano oggi dedicato a lei. 

Eugenia Scornavacca segretaria del Cav fino alla morte

Era il 1979 quando questa donna illuminata, laureata in Lettere all’Università Cattolica di Milano, con grande coraggio e determinazione fonda il CAV di Ascoli Piceno di cui è stata segretaria fino in prossimità della morte avvenuta nel 2003. 

Così scriveva per ricordare quel momento:

Il Centro Accoglienza Vita (CAV) di Ascoli Piceno si è costituito nel febbraio del ’79 con l’adesione di un piccolissimo numero di  volontari, determinati a servire  la causa della vita nascente, senza mezzi, senza sede, ma con grande entusiasmo e fiducia nella Provvidenza. 

(puntofamiglia.net)

Largo Cattaneo intitolato alla memoria di Eugenia Scornavacca

Questa lodevole iniziativa si è inserita nel progetto nazionale di Soroptimist “Toponomastica femminile” che ha la finalità di…

(…) chiedere una maggiore attenzione alla toponomastica femminile  (…) poiché è importante intitolare strade a nomi di donne per riportare alla luce le presenze femminili significative per la storia e la cultura di ogni angolo del Paese per recuperare  la memoria di tante  donne del passato (…) e per conservare il ricordo di chi lo ha meritato. 

(Ibidem)

Una vita spesa in difesa delle donne e dei bambini

In questo spirito l’avvocatessa Piera Seghetti, presidente del Club Soroptimist di Ascoli Piceno ha condiviso con Anita Gasparrini, attuale presidente del CAV cittadino, la proposta di intitolare uno spazio urbano alla sua fondatrice. Le motivazioni di questa scelta sono state così nitidamente descritte dalla Gasparini:

Donna illuminata che ha dedicato la sua vita al rispetto della dignità delle donne. Paladina della difesa dei valori della vita dalla sua prima manifestazione nel grembo materno, sino alla fine. 

(puntofamiglia.net)
PREGNANT

Paladina della difesa dei valori della vita dal concepimento alla morte naturale

Eugenia si è profusa specialmente per le donne vittime di violenza e per le ragazze in attesa di diventare madri. Nel 1981 attiva la sezione diocesana del Movimento per la Vita con l’obiettivo di combattere la cultura abortista, e si impegna strenuamente per promuovere la raccolta delle firme a sostegno del referendum abrogativo della legge 194/78. Avrà almeno la soddisfazione di registrate il 40% di sì nella Diocesi di Ascoli Piceno a fronte della media nazionale del 32%.

Monumento ai bambini non nati

Nel 1985 l’instancabile Eugenia imprime un altro segno della sua battaglia a favore della vita nel cimitero della città: il primo “Monumento ai bambini non nati” in Italia

per riconoscere nel feto una dignità che si ribella alla definizione di rifiuto ospedaliero e allo stesso tempo simbolo di quel perdono e di quella carezza necessari per riprendere a vivere. 

(Ibidem)

Nel  1993 destina i suoi beni per far nascere la Casa di Accoglienza “Maria Ausiliatrice” presso il Villaggio Santa Marta per offrire ospitalità a madri nubili in difficoltà.

Sono nati grazie a lei e ai volontari più di 300 bambini

Nonostante la malattia, continua appassionatamente a seguire  le attività del Cav anche negli ultimi anni trascorsi presso l’Istituto delle Suore del Preziosissimo Sangue: grazie a lei e agli altri volontari oggi sono al mondo più di 300 bambini altrimenti destinati a non nascere. 

Eugenia Scornavacca: “una gigante nella esemplare testimonianza di amore a Dio”

Con queste parole la ricordava il Vescovo Silvano Montecchi nell’omelia per il suo funerale:

(…) il suo impegno è stato inversamente proporzionale alla sua struttura fisica minuta: così piccola ma così energica, carica di entusiasmo, determinata, trascinatrice, educatrice, una gigante nella esemplare testimonianza di amore a Dio, alla Chiesa e ai fratelli.  

(puntofamiglia.net)
Tags:
abortocentro aiuto alla vitatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni