Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 16 Aprile |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

I 5 libri più belli della settimana scelti per le donne

WOMAN GARDEN BOOK

Di fran_kie|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 09/04/21

Un libro che valga davvero la pena leggere è un libro che deve essere sempre riletto.

Il terzo modo di leggere un libro è il più semplice, ma è proprio dei grandi lettori. Si acquista con l’età, l’esperienza, oppure è un dono che si scopre in se stessi, da ragazzi, con la rivelazione delle prime letture. Si tratta di non abbandonare mai «quel» libro, di lasciarlo e riprenderlo, di «andarci a letto».

Ma poiché questo modo è suggerito soltanto dai grandi autori, col tempo si resta circondati soltanto da ottimi libri. E si diventa perfidi, si arriva a capire un libro nuovo ad apertura di pagina, a liberarsene subito.

E se invece il libro convince, a lasciarlo per qualche tempo sempre a portata di mano, sul tavolo o sul comodino, poiché la sua sola vista procura un vero piacere, né si teme di finirlo presto: lo scopo di questi libri è infatti di essere riletti, di farsi riprendere quando tutto va male, quando ci sembra che la verità possa esserci confermata non da quello che succede intorno a noi, ma da quello che è nelle pagine di un libro.

Tutti i grandi libri sono stati letti e continuano ad essere letti così. È più esatto dire che non si tratta di leggerli, ma di abitarli, di sentirseli addosso. Facendone il conto, ognuno trova che i suoi si riducono ad un centinaio, largheggiando. E molti di essi hanno aspettato anni e anni prima di essere ripresi, in un giorno di particolare disgusto esistenziale. Ma è la loro forza.”

Ennio Flaiano, Corriere della Sera, 27 gennaio 1972, ora in La solitudine del satiro, Milano, Adelphi, 1996 (7° ed.: gennaio 2011), pp. 353-355.

Questo modo di intendere la lettura e i grandi libri, in questa rubrica che per sua natura cerca tra i titoli freschi di edizione, sembra fuori luogo se non autolesionista.

Invece è perfetto; tra i 5 titoli che mettiamo in rassegna ci sono potenziali classici, attese rivelazioni, futuri amori eterni. O grandi ritorni, rivisitati.

Come questo: L’Epopea di Gilgamesh, la storia più antica del sempre nuovo e identico a sé stesso desiderio del cuore umano. Riscritto da una maestra di scuola primaria con decenni di esperienza e una creatività portentosa, introdotto da Paolo Molinari, professore e scrittore, illustrato meravigliosamente da un’altra creativa per eccellenza, Miriam Zaccara, mamma di 4, artigiano, sarta, illustratrice, questo piccolo gioiello si presta ad essere letto, riletto, letto ad altri, mimato, copiato, amato.

Tags:
donnerecensioni di libri
Top 10
See More