Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconChiesa
line break icon

Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono vere?

Calabria Mystery | Facebook

Le presunte stigmate di Domenica Galeano.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 08/04/21

Su "Donna Mimma" la Chiesa calabrese non si è espressa. Molti fedeli affollano l'abitazione della donna calabrese, sopratutto durante la Settimana Santa quando le ferite si infiammano

La presunte stigmate di Domenica Galeano ricordano quelle di Natuzza Evolo: la croce e gli altri simboli che compaiono sulla pelle sono ben marcati e definiti. E si infiammano nella Settimana Santa, con sofferenze molto forti il giorno di Venerdì Santo

Eppure la Chiesa, sul caso della “veggente di Briatico” (Vibo Valentia), non si è mai pronunciata. Anche se diversi preti hanno frequentato la sua abitazione. In un’occasione c’è stato anche il vescovo di Mileto, mons. Luigi Renzo.

mystician, natuzza,
Queste sono le stigmate di Natuzza Evolo. Anche lei diceva che diventavano molto dolorose il Venerdì Santo.

Le presunte guarigioni 

“Donna Mimma” da molti anni sostiene di vivere il mistero delle stigmate e del dono della guarigione tramite l’imposizione delle mani. A lei si rivolgono molte persone ammalate e diverse di loro affermano di aver ricevuto grande beneficio dal suo intervento. Che consiste nella preghiera e nel tocco (spesso anche su fotografie) delle sue mani.

Del suo caso se ne è occupata la trasmissione “La strada dei Miracoli” (Rete 4). In un servizio si esprimeva scetticismo sulle presunte ferite di Domenica Galeano. In linea con la prudenza che ha manifestato già da tempo la sua diocesi. 

La prima volta

Il presunto fenomeno delle stigmate sul corpo della veggente di Briatico incominciò a manifestarsi esattamente durante il periodo di quaresima dell’anno 1986. Domenica, che aveva solo 36 anni e viveva nella più assoluta normalità la sua vita di sposa e di madre, quel pomeriggio, incoraggiata dal sole primaverile, si era seduta sui gradini della propria abitazione. 

Con lei c’erano alcune vicine di casa con l’intento di dedicarsi al ricamo, quando all’improvviso si accorse della presenza dei primi segni che avrebbero poi segnato la sua esistenza: le stigmate. Una manifestazione che lei ha sempre vissuto in maniera silenziosa, nella preghiera e lontano dai riflettori (Gazzetta del Sud, 2017).

Come avvengono le estasi

Questa manifestazione avviene sotto forma di una estasi. Dopo uno stato di abbandono, simile alla morte, Domenica Galeano si riprende, sul suo viso le gote poco a poco riprendono un aspetto rosato. 

Stanca, consegna alla folla, presente in quei momenti, poche parole. «C’è bisogno di preghiere, tante. C’è tanta cattiveria nel mondo, tanto male che sta sconfiggendo il bene. Non altro che preghiere. Il Signore – dice – è stanco e la Madonna pure, ci sono guerre nel mondo. Ci sono guerre tra tutti: tra i popoli, tra le nazioni, tra di noi, tra tutti». 

“Ho visto la Madonna, Gesù, i morti”

Durante queste estasi, la veggente di Briatico, fa diversi nomi di persone defunte viste nello stato di incoscienza e poi riprende. «Questo dice il signore: di volerci bene, di pregare ché il mondo sta andando alla deriva. Questo ci resta, figli, di pregare e volerci bene, andiamo avanti con la preghiera, la fede e l’amore specialmente, gli uni verso gli altri». Da vicino le si chiede cosa abbia visto: «La Madonna, Gesù e tanti morti», risponde (Zoom 24, 2017).

Il mistero sulle presunte stigmate e sulle estasi di Domenica Galeano, pertanto, resta irrisolto.

Tags:
stigmate
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni