Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconFor Her
line break icon

Medici operano con l’ospedale in fiamme

Paola Belletti - pubblicato il 08/04/21

In Russia, al confine con la Cina, nella clinica della città di Blagoveshchensk è in corso un intervento per bypass coronarico. Divampa un incendio sul tetto, ma l'equipe, grazie all'intervento dei vigili del fuoco, continua l'operazione e mette in salvo il paziente.

“Non c’è nient’altro che potevamo fare. Dovevamo salvare la persona. Abbiamo fatto tutto al massimo livello”, ha spiegato il chirurgo Valentin Filatov a REN TV.

Greenme

Medici in una prima linea in fiamme

Quando ci è data occasione di vederci così, noi uomini, impegnati nella cosa che conta di più, custodirci l’un l’altro, allora la speranza almeno come attitudine psicologica, torna a dire la sua nelle nostre vite.

Siamo in Russia, al confine con la Cina. Nella clinica di Blagoveshchensk è scoppiato un incendio. Le fiamme divampano da un focolaio sul tetto in legno della struttura vecchia più di un secolo.

L’intervento cardio chirurgico in corso

L’intervento dei vigili del fuoco non tarda ad arrivare; ma ce n’è un altro che deve assolutamente proseguire: in una delle sale operatorie è in corso un’operazione a cuore aperto per bypass coronarico.

Bypass coronarico

E’ un intervento cardio-chirurgico complesso e, sebbene consolidato da tecniche che sono andate via via migliorando dal primo realizzato nel 196o, piuttosto rischioso. Quasi sempre viene realizzato con circolazione extracorporea, a cuore fermo (a meno che il chirurgo non sia esperto della più complessa tecnica a cuore battente, più sicura e conservativa in caso di paziente infartuato o con altre comorbilità). La circolazione sanguigna e l’attività polmonare sono affidate ad una macchina. L’energia elettrica è fondamentale come e più che in altri interventi.

I vigili del fuoco

Le fiamme divampano, il fumo si diffonde. I vigili del fuoco si impegnano a spegnerlo ma anche, nel frattempo e con l’aiuto di ventilatori, a tenere il fumo soffocante fuori della sala operatoria dove una squadra di medici e infermieri specializzati continua l’operazione.

I vigili del fuoco, che hanno impiegato più di due ore per spegnere le fiamme, hanno affermato di aver usato dei ventilatori per tenere il fumo fuori dalla sala operatoria e di aver collegato un cavo di alimentazione per mantenere il rifornimento di elettricità.

Greenme

Dovevamo salvare la persona

Due ore di lavoro in condizioni estreme, concentrati sull’obiettivo: salvare la vita della persona affidata alla loro competenza, e in questo caso più che in altri, alla loro lucidità e spirito di sacrificio.

Due ore per metterlo in sicurezza e poi trasportarlo in un’altra sede.

Le immagini che ci arrivano via social dalla Russia sono impressionanti. Il fumo denso che si arrotola in densi grovigli che escono dal tetto; i vigili del fuoco impegnati con idranti, scale, camion. E il paziente che esce, in barella, scortato rapidamente dei paramedici.

“Non c’era altro da fare”, commenta il chirurgo, “dovevamo salvare la persona”.

Questi episodi sono esaltanti perché svelano chi siamo. Nella quiete, nel comfort si vede meno; ma siamo tesi a proteggerci, capaci di sacrificio per il bene di un altro, persino uno sconosciuto. E certi medici, che hanno fatto di questa chiamata comune il loro compito più alto, lo fanno anche in condizioni estreme.

Bella e terribile, la natura umana.

Tags:
chirurgiamedici
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni