Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconSpiritualità
line break icon

Dritte per la pace interiore da un classico carmelitano amato da Edith Stein

depressed

Pixel-Shot | Shutterstock

Cecilia Pigg - pubblicato il 08/04/21

Suor Marie-Aimée de Jésus (1839-1874), carmelitana morta in odore di santità, ha scritto un opuscolo intitolato “I dodici gradi del silenzio”, con lo scopo di aiutare i lettori a raggiungere il silenzio interiore per meglio conoscere Dio.

Fin dalla più tenera età, Dorothée Quoniam si esercitò nell’orazione, soprattutto grazie alla madre, e sviluppò una robusta vita interiore. A 11 anni, accolta nell’orfanotrofio parigino delle Figlie della Carità, esercitò una buona e profonda influenza sulle compagne.

Forte di questo dono, a 19 anni le suore le chiesero di lavorare con loro per sollevare gli animi delle orfanelle. Quando poi divenne carmelitana, col nome di suor Marie-Aimée de Jésus, sostenne le sorelle durante la Guerra franco-prussiana con la sua tranquilla fiducia e la sua inalterabile pace interiore: in quegli ultimi quattro anni di vita (dal 1870 al 1874) sarebbe stata anche Maestra delle Novizie.

Fu autrice di differenti opuscoli spirituali, l’ultimo dei quali – condotto sotto la supervisione del direttore spirituale Pierre Gamard s.J. – fu nientemeno che una replica alla “Vita di Gesù” di Ernest Renan (pubblicata nel 1863): “Gesù Cristo è il Figlio di Dio” è il titolo del libro scritto «per vendicare lo Sposo» dall’acre demitizzazione dell’allora quarantenne storico e letterato.

La sua opera più famosa resta I dodici gradi del silenzio, che nel XX secolo anche Edith Stein avrebbe prefato (e che avrebbe ispirato l’omonima suite per organo di Christophe d’Alessandro): si tratta di piste per acquisire una durevole pace interiore, ovvero di eccellenti consigli per lottare contro l’agitazione e lo stress quotidiano del mondo contemporaneo.

1Il silenzio delle parole

Tutti i giorni siamo inondati di messaggi, mail, notifiche… Ma i messaggi che inviamo sono davvero tutti necessari, oppure potremmo ridurne il ritmo e liberare un po’ di spazio mentale? Riuscireste a stabilire degli orari prima e oltre dei quali non inviate messaggi?

2Il silenzio dei movimenti

Avete qualche tic nervoso? Vi è capitato di notare, ad esempio, che dondolate le gambe quando riflettete o vi annoiate? Appena lo notaste, potreste realizzare che questo movimento non vi è di vero aiuto: è possibile cambiare questa abitudine. Cercate di individuare i vostri movimenti inconsci: sono solo un sovraccarico, vi rendono meno calmi e più occupati.

3Il silenzio dell’immaginazione

Passate molto tempo a riflettere sul futuro? Da “cosa faremo per pranzo” a “stasera dopo il lavoro” o “domani”? In casi come questi, è preferibile concentrarsi sul momento presente, se volete favorire la pace interiore.

4Il silenzio della memoria

Attardarsi troppo sul passato – soprattutto se siete in preda a ricordi negativi – nuoce al mantenimento della pace. Cessate di fare troppi viaggi nel passato.

5Il silenzio riguardo alle persone

Marie-Aimée de Jésus lo chiamava il “silenzio con le creature”. Si tratta di quando ci rallegriamo mentalmente (e inutilmente) di situazioni o di conversazioni passate. Un tarlo in testa che rende instabili e priva della pace.

6Il silenzio dei sentimenti

Quel che sentite è importante, ma capita che ci si concentri troppo sui sentimenti, sulle emozioni. Quando si dà troppo peso alle emozioni queste possono dissipare ogni grammo di pace che si sia riusciti a mettere da parte. Ricordate sempre che potete sempre restare padroni di voi stessi malgrado i sentimenti, soprattutto quando sapete quel che dovete fare ma semplicemente non volete farlo.


Suor Marie-Aimée de Jésus sarebbe morta a 35 anni nel Carmelo parigino (oggi Créteil) dell’Avenue de Saxe: era il 4 maggio 1874, e da poco più di un anno nella sua terra d’origine – la Normandia – era venuta al mondo un’altra futura stella del firmamento carmelitano, Thérèse Martin, che il mondo avrebbe conosciuto come Santa Teresina.

[traduzione dal francese e adattamento a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
carmelitanifranciamonache carmelitanesilenziosuore carmelitane
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni