Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 25 Gennaio |
Conversione di Paolo
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come correggere chi sbaglia? Un video divertente per scoprirlo

WEB-CORRECTION PEN-MISTAKE-shutterstock_491560780-By William Potter-AI

Shutterstock-William Potter

Catholic Link - pubblicato il 08/04/21

Non è una cosa da niente: il nostro servizio è a nome di Dio, e la responsabilità è grande. Per questo, è importante pensare come Dio si rende presente attraverso i nostri atteggiamenti e le nostre parole.

Il nostro linguaggio, verbale e non verbale, avvicina o allontana di Dio. La vita in Cristo è un continuo apprendimento, ed essere discepolo missionario implica il fatto di fuggire dall’ignoranza.

E altrimenti, lo si dica al protagonista di questo divertente video di «Casi Creativo» che condivido con voi:

L’ignoranza è pericolosa, e spesso non siamo consapevoli del fatto che si è insediata in casa nostra. Come dire a qualcuno che c’è qualcosa che deve migliorare? Chi si azzarda a correggere un’altra persona?

Non è un compito facile, né comodo. Per questo, forse dovremmo ricordare come correggeva Gesù, come aiutava gli altri ad essere ogni giorno migliori.

La tenerezza di Gesù nel correggere

Uno dei parroci della mia comunità era solito usare la parola “deviazione” per riferirsi al peccato, e riconosceva in Gesù un’ammirevole capacità di separare l’errore dal soggetto che sbaglia.

Per questo, Gesù si sedeva a mangiare con chi peccava, e si mostrava tenero e misericordioso con loro. Condivideva con loro, e si coinvolgeva nella loro vita.

Questo faceva capire loro che erano amati, che erano importanti, e che per il loro peso nella storia dell’umanità ci si aspettava da loro che fossero migliori ogni giorno, come nel caso di Zaccheo (Lc, 19, 1-10).

Quando si viene corretti isolatamente, senza amore, senza accompagnamento, ci si sente invece spesso come se si venisse colpiti alle spalle, cosa che fa sprofondare nella delusione, nella tristezza e nella frustrazione.

Correggere richiede tempo, tatto e orecchie

Avvicinarci a qualcuno per correggere un atteggiamento o una carenza richiede molto tatto. Gesù aspettava il momento opportuno, perché sapeva che ciascuno ha un ritmo e una storia alle spalle.

È bene guardare l’altra persona con tutti i suoi doni e i suoi talenti, riconoscendola preziosa e imprescindibile per la missione affidata.

In primo luogo, dobbiamo scoprire il tesoro prezioso che custodisce dentro di sé perché Dio l’abbia messa a lavorare con noi. A volte la fretta ci obbliga ad essere pratici e a risolvere i problemi in poco tempo, ma correggere qualcuno richiede tempo per conoscere la persona, le circostanze in cui vive e il concetto che ha di sé.

È bene poi avvicinarsi con atteggiamento aperto, perché nel processo si può scoprire che siamo noi a sbagliare o a non vedere la situazione con l’empatia e la prospettiva sufficienti.

Le nostre orecchie devono essere grandi e attente, come quelle di Tippete, e il nostro cuore umile.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
correzione fraterna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni