Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconChiesa
line break icon

Francesco: dal cielo i santi continuano sempre “a darci una mano”

MONTEFORTE / POOL / AFP

Papa Francesco si prepara ad officiare la messa della Divina Misericordia.

Vatican News - pubblicato il 07/04/21

La catechesi del Papa all'udienza generale dedicata al tema della comunione dei santi. La nostra preghiera, ha detto, non è mai solitaria ma ci lega una misteriosa solidarietà con coloro che ci hanno preceduto tramandandoci la fede. Pregare per gli altri è il primo modo di amarli

“Quando preghiamo, non lo facciamo mai da soli: anche se non ci pensiamo, siamo immersi in un fiume maestoso di invocazioni che ci precede e che prosegue dopo di noi”. Sono le parole con cui Papa Francesco inizia la sua catechesi, all’udienza generale di questo mercoledì, dedicata al legame tra la preghiera e la comunione dei santi. Ad introdurre le parole del Papa è la lettura di un brano tratto dalla Lettera agli Ebrei in cui si parla dei primi cristiani in cammino, con lo sguardo fisso su Gesù, circondati da una ‘moltitudine di testimoni’.

Tante storie che si fanno storia nella propria vita

Francesco sottolinea il continuo intreccio tra esperienza personale e quella di popolo e dell’umanità tutta, a cui apparteniamo, espresso nelle preghiere contenute nella Bibbia: liberazioni, deportazioni, esilio, momenti di gioia, come l’incontro tra Maria e la cugina Elisabetta, cantata nel Magnificat. Nelle preghiere il dolore di uno diventa dolore di tutti e così la felicità.

Le preghiere rinascono sempre: ogni volta che congiungiamo le mani e apriamo il cuore a Dio, ci ritroviamo in una compagnia di santi anonimi e di santi riconosciuti che con noi pregano, e che per noi intercedono, come fratelli e sorelle maggiori transitati per la nostra stessa avventura umana. Nella Chiesa non c’è un lutto che resti solitario, non c’è lacrima che sia versata nell’oblio, perché tutto respira e partecipa di una grazia comune.

Anche nella nostra esistenza può sbocciare la santità

Papa Francesco osserva come un tempo le sepolture fossero situate vicino alle chiese “come a dire che ad ogni Eucaristia partecipa in qualche modo la schiera di chi ci ha preceduto”. Lì c’è la fede tramandata che noi abbiamo ricevuto e con essa anche il modo di pregare, la preghiera. “I santi sono ancora qui – afferma – non lontani da noi” e precisa:

Sono testimoni che non adoriamo – beninteso – non adoriamo questi santi ma che veneriamo e che in mille modi diversi ci rimandano a Gesù Cristo, unico Signore e Mediatore tra Dio e l’uomo. Un santo che non rimanda a Gesù Cristo non è un santo, neppure cristiano. Il santo ti fa ricordare Gesù Cristo perché lui ha percorso quella via di vivere come cristiano. I santi ci ricordano che anche nella nostra vita, pur debole e segnata dal peccato, può sbocciare la santità.

Anche nell’ultimo momento della vita, dice il Papa è possibile convertirsi e ricorda che il primo santo canonizzato, da Gesù stesso, è stato un ladro, il buon ladrone. “La santità, afferma, è un percorso di vita, di incontro con Gesù, sia lungo sia breve, sia in un istante”. 

Una misteriosa solidarietà fatta di preghiera reciproca

Rifacendosi al Catechismo, Francesco spiega che i santi “non cessano di prendersi cura di coloro che hanno lasciato sulla terra” e che, dunque, “possiamo e dobbiamo pregarli di intercedere per noi e per il mondo intero”. Si tratta di “una misteriosa solidarietà” in Cristo tra noi e chi ci ha preceduto.

Questo legame di preghiera fra noi e i santi, cioè fra noi e la gente che è arrivata, questo legame di preghieralo sperimentiamo già qui, nella vita terrena: preghiamo gli uni per gli altri, domandiamo e offriamo preghiere… Il primo modo di pregare per qualcuno è parlare a Dio di lui o di lei. Se facciamo questo frequentemente, ogni giorno, il nostro cuore non si chiude, rimane aperto ai fratelli. Pregare per gli altri è il primo modo di amarli e ci spinge alla vicinanza concreta.

E a braccio aggiunge:

Anche nei momenti di conflitti, un modo di sciogliere il conflitto, di ammorbidirlo, è pregare per la persona con la quale io sono in conflitto. E qualcosa cambia con la preghiera. La prima cosa che cambia è il mio cuore, è il mio atteggiamento. Il Signore lo cambia per rendere possibile un incontro, un nuovo incontro ed evitare che il conflitto divenga una guerra senza fine.

I santi sconosciuti che ci danno una mano

Molti di noi sono stati battezzati con il nome di Maria, di un santo o di una santa, fa notare il Papa, e questo non è privo di significato. Loro, afferma, non aspettano altro che di “darci una mano” e conclude:

Se nella nostra vita le prove non hanno superato il colmo, se ancora siamo capaci di perseveranza, se malgrado tutto andiamo avanti con fiducia, forse tutto questo, più che ai nostri meriti, lo dobbiamo all’intercessione di tanti santi, alcuni in Cielo, altri pellegrini come noi sulla terra, che ci hanno protetto e accompagnato perché tutti sappiamo che qui nella terra c’è gente santa, uomini e donne santi che vivono in santità, loro non lo sanno, neppure noi lo sappiamo ma ci sono dei santi, dei santi di tutti i giorni, dei santi nascosti o come mi piace dire i “santi della porta accanto”, quelli che convivono nella vita con noi, che lavorano con noi, e portano una vita di santità. 

Domenica prossima si celebra la Festa della Divina Misericordia

Al termine della catechesi, rivolgendosi ai fedeli di lingua polacca, il Papa ricorda che domenica prossima la Chiesa celebrerà la Festa della Divina Misericordia, istituita da San Giovanni Paolo II. Egli ci ha ricordato, prosegue Francesco, “che la liturgia di questa domenica sembra disegnare il cammino della misericordia che, mentre ricostruisce il rapporto di ciascuno con Dio, suscita anche tra gli uomini nuovi rapporti di fraterna solidarietà”. L’uomo, infatti, riceve la misericordia di Dio, “ma è pure chiamato a ‘usar misericordia’ verso gli altri”. Chiediamo, conclude il Papa, “la grazia del perdono e dell’amore operoso verso il prossimo.”

L’originale su Vatican News

Tags:
papa francescosanti e beatiudienza generale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni