Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 15 Aprile |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconChiesa
line break icon

Il rogo e la carità: la “resurrezione” di San Paolo fuori le mura

Salvatore Micillo | Shutterstock

Marinella Bandini - pubblicato il 06/04/21

Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”

Un tempo, il martedì dopo Pasqua, si leggeva un discorso di Paolo dagli Atti degli apostoli. Per questo oggi la chiesa stazionale è San Paolo fuori le mura.

La basilica di San Paolo come la vediamo oggi è stata edificata dopo l’incendio del 1823, ma rispecchia fedelmente la struttura della basilica costantiniana. Il rogo che ha distrutto l’antica basilica si è sviluppato nella notte tra il 15 e il 16 luglio 1823, probabilmente per l’incuria di alcuni operai che lavoravano al tetto della basilica: un carbone rimasto acceso e nella notte il rogo.

La notizia del rogo a San Paolo fece immediatamente il giro di Roma. Solo una persona rimase all’oscuro di tutto: il Papa. Pio VII era gravemente malato, e non fu informato. Morì un mese dopo senza aver mai saputo niente.

La ricostruzione della basilica di San Paolo fu iniziata da Leone XII. Per l’impresa, il Papa si appellò alla generosità dei fedeli: nell’enciclica “Ad plurimas” invitò tutti a donare, in base alle loro possibilità, per contribuire alla riedificazione. Un invito a aderirono anche molti governanti, tra cui lo zar Nicola I.

La nuova basilica di San Paolo fu consacrata da Pio IX il 10 dicembre 1854. I lavori continuarono: nel 1874 furono completati i mosaici della facciata, mentre nel 1928 fu aggiunto il quadriportico esterno. La basilica è lunga 131 metri, larga 65 e alta quasi 30 metri.

Pentitevi e ciascuno di voi

si faccia battezzare

nel nome di Gesù Cristo

At 2,38

* In collaborazione con l’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma

Tags:
chiese stazionalipasquasan paolostazioni quaresimali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
5
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni