Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconFor Her
line break icon

Renzo Piano: la svolta culturale nascerà dagli ospedali

DOMINIQUE FAGET / AFP

Annalisa Teggi - pubblicato il 06/04/21

L'architetto Renzo Piano è impegnato nella costruzione di 6 ospedali e anziché augurarsi di abbandonarli dopo la pandemia, ne fa il centro di un nuovo Umanesimo: abbiamo imparato che passione è lo slancio che nasce dal patire.

Fin dal lockdown del marzo 2020 cominciammo a chiederci: “Usciremo migliori o peggiori dalla pandemia?”. Il pensiero del dopo emergenza Covid è rimasto, spesso come puro e semplice cortocircuito intellettuale, immaginando (ingannandoci) che prima o poi ci sarà una porta da chiudere definitivamente e cominceremo una nuova vita liberata dal gravame delle circostanze attuali. C’è chi dice che resteremo uguali, e che il male patito non ci toglierà di dosso l’egoismo. C’è chi spera che sapremo fare tesoro del dolore e della prova, e saremo capaci di rinascere migliori.

E poi c’è un architetto che ci propone di ripartire dagli ospedali (non di lasciarceli alle spalle). Renzo Piano non parla di Rinascimento ma di Umanesimo: è l’ipotesi di uno sguardo sull’uomo che non passa oltre la crisi, ma attraverso.

Costruire ospedali ora, per la speranza di domani

Il pensiero del dopo è ingannevole, sposta le nostre energie in un tempo e in uno spazio che non esistono. Ci fa perdere anche il tempo fecondo della nostra presenza, riducendolo alla frenesia di formiche indaffarate ma smarrite.

Mentre in tanti sperano in un tempo in cui non saremo più travolti dai dati sui contagi, l’architetto Renzo Pianosta costruendo 6 ospedali in giro per il mondo: tre in Grecia, uno in Uganda, un hospice pediatrico a Bologna e uno in Francia, nella banlieue a nord di Parigi. In un’intervista rilasciata a La Stampa dice che il presente è il suo trampolino e che un futuro buono è pensabile solo se non ci libereremo degli ospedali, ma ne faremo il perno della civiltà. Il suo punto di partenza per quello che verrà dopo è una scommessa che mette al centro il luogo della passione:

Un salto culturale. Gli ospedali sono ovviamente e soprattutto luoghi destinati all’eccellenza medica, ma anche luoghi in cui la passione umana è di casa più che altrove. […] Non mi ci soffermo, anche se una cosa mi pare che l’abbiamo capita: gli ospedali sono luoghi di passione. Intesa sia come sofferenza, sia come slancio. 

Da La Stampa

Ponti e ospedali, così l’uomo costruisce con i piedi per terra e un occhio in cielo

Non gli piace essere chiamato Archistar. Buono a sapersi perché detestavo scriverlo. Suona troppo lontano da terra, e troppo alto come Icaro. Un architetto sa di terra, lavora con la gravità e la materia. A proposito della ricostruzione del Ponte Morandi a Genova (oggi Ponte San Giorgio), Renzo Piano aveva parlato di rammendo, parola quanto mai esplicita nell’indicare un fare che non comincia da zero, dall’illusione di un tessuto vergine, ma da una ferita. Meglio ancora: da uno strappo.

PONTE GENOVA, SAN GIORGIO

Costruire è un verbo che racconta molto dell’uomo, ogni nostra giornata è piena di cose da fare. La pandemia ci ha strappati alle nostre consuetudini sul come fare le cose, ma attraverso lo strappo s’è visto quanto sia precario costruire solo sulle nostre presunte capacità.

In questi mesi Renzo Piano è a Parigi a costruire il più grande ospedale della Francia, un lavoro che gli è stato commissionato ma in cui non mette all’opera solo le sue capacità tecniche, è occasione di una riflessione sull’identità, sull’etica, sul bene.

Già il Papa parlò della Chiesa come ospedale da campo. Indicò il luogo della cura come il tetto giusto sotto cui ospitare l’uomo del XXI secolo. Le molte pietre scartate dai costruttori di un “nuovo mondo” (inchinato ai dogmi della tecnologia, dell’eugenetica, del social egocentrismo) possono diventare le pietre angolari di una casa in cui la persona è guardata nella sua interezza. E – dunque – non solo amando (cioé tollerando) la sua vulnerabilità, ma riconoscendo in essa il nostro ritratto più sincero.

Uno slancio buono che prende il suo senso dal patire: questa è l’ipotesi di Renzo Piano, ripartire facendo tesoro della passione che si incontra nei corridoi degli ospedali.

Entrare in ospedale è come stare in apnea. Che tu sia malato, parente, medico o infermiere, vivi uno stato di sospensione. La passione è l’elemento dominante, una sorta di sconvolgimento interiore che si confonde alla solidarietà e al dramma di quei momenti. Gli esseri umani ne sono completamente coinvolti. E’ ovvio che l’eccellenza medica sia l’elemento di partenza, ma deve essere affiancata dall’eccellenza umana.

Ibid

Un ospedale scandalosamente bello

Ma tutto quello che stiamo facendo – distanziamento sociale, DAD, mascherine, corsa ai vaccini – non è per liberarci dell’angoscia di finire in ospedale? Non è un luogo che è meglio lasciare il più disabitato possibile?

Parlare di ospedale non significa mettere al centro la malattia, ma la cura. Che l’uomo abbia bisogno di essere curato è un’affermazione su cui potevamo ridere sonoramente fino a qualche anno fa. Avremmo detto che l’uomo è capace di mille cose, e sarà sempre più capace e forte e intraprendente. Curare è un’azione che esige un plurale, un incontro oltre la nostra presunta autonomia.

Siamo molto dipendenti, ecco una bella scoperta di questo tempo duro e dolente. Quando scrittori come Italo Calvino e Mario Tobino raccontarono il mondo oltre la porta di un ospedale (penso a La giornata di uno scrutatore e Le libere donne di Magliano) ci porsero l’evidenza che anche i sani e i dottori hanno bisogno di essere curati. L’occhio di un paziente è uno specchio terso, che spoglia lo spettatore di molte presunzioni e fa nascere germogli di domande messe da parte per orgoglio.

DOCTOR AT HOSPITAL CORONAVIRUS

Calvino uscì dal Cottolengo con la certezza che “l’umano arriva dove arriva l’amore”. Non dove arriva la banda larga, il potere, il rover Perseverance, ma dove arriva l’amore. Sull’onda di quest’intuizione suona azzeccato l’azzardo di Renzo Piano, quando afferma che gli ospedali devono essere belli:

Io parlo di primaria bellezza, di quella profonda, quella del Mediterraneo. In Grecia bello e buono, kaloskagathos, non sono mai disgiunti. E neppure in Africa dove lo Swaili mette la desinenza ‘ntsuri a tutto ciò che è bello e buono. I guru della pubblicità hanno trafugato la parola bello e noi ce la dobbiamo riprendere.

Ibid

Questa precisazione sulla bellezza nasce da uno scambio di battute tra l’architetto Piano e Gino Strada di Emergency: quando Strada gli chiese di costruire un ospedale in Uganda disse che lo voleva “scandalosamente bello”. Sì, proprio nelle periferie del mondo – dove tutto potrebbe essere fatto come viene, purché sia utile – è ancora più necessario che il bello non si riduca a estetica di facciata, ma sia splendore del vero.

Braccia corte per desideri grandi

Quella bellezza lì è irraggiungibile. Credo valga per i musicisti, per gli scrittori, per i cineasti. Abbiamo braccia troppo corte per la gettata dei nostri desideri. 

Questa è una grande battuta da muratore, e nient’affatto da Archistar. Non c’è niente di più entusiasmante che mettersi all’opera a servizio di un ideale grande, sapendo di avere le braccia corte. Fossimo all’altezza, non ci sarebbe nulla da aspettarsi. Fossimo all’altezza, sarebbe la fine. Costruisce bene chi sente sa che il proprio io è il cantiere davvero aperto.

View this post on Instagram

A post shared by Renzo Piano Building Workshop (@rpbw_architects)

Tags:
ospedalirenzo piano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni