Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconFor Her
line break icon

Un bimbo nasce in taxi la notte di Pasquetta

Di bepsy|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 06/04/21

La mamma non ha fatto in tempo a entrare in ospedale però i medici e le ostetriche sono riusciti a raggiungerla di volata lì dove il suo bimbo ha deciso che era ora di nascere. In taxi, davanti alla clinica Macedonio Melloni, a Milano.

Una nascita precipitosa la notte tra Pasqua e Pasquetta

Una notizia come un’altra, in fondo. Un bimbo che nasce con un parto un po’ rocambolesco.

Invece è una notizia eclatante e consolante. L’avventura di questa coppia che nel cuore di Milano, in mezzo alla notte e in tempi record diventa una triade è quanto di più pasquale ci sia: una nuova vita che attraversa quella che c’è già e dà nuovo senso a tutto. La nascita è una specie di resurrezione a ben guardare e noi mamme ci sentiamo un po’ un sepolcro vuoto lì per lì; talmente felici di avere tra le braccia un uomo nuovo che lo shock del parto, per quanto dolce, viene un po’ accantonato.

Una chiamata urgente al Taxiblu

Il servizio Taxi del capoluogo lombardo ha preso una chiamata dal quartiere Ortica: serve un’auto, subito, destinazione clinica Melloni. Via, di corsa, dunque.

Il taxi arriva, corre veloce per le vie della città deserta per via delle restrizioni Covid e giunge in pochi minuti davanti alla clinica; per la mamma però i tempi sono maturi. Non può scendere dall’auto e raggiungere la sala parto, suo figlio deve nascere in quel momento e lì dove si trova.

Il miracolo urgente della vita

 “Parlare del miracolo della vita che si ripete, specialmente in questi giorni, può sembrare eccessivo ma è quello che è realmente successo questa mattina (ieri mattina per chi legge, Ndr) o, meglio, questa notte appena trascorsa, tra le 2:30 e le 2:40″ dice Stefano Salzani, responsabile commerciale di Taxiblu 02.4040, raccontando che “uno dei nostri operatori ha risposto ad una chiamata proveniente dal quartiere Ortica di Milano dove ha preso la corsa di una coppia, marito e moglie incinta diretti verso l’ospedale Macedonio Melloni. Una volta arrivati davanti all’ ospedale però “per la donna era arrivato evidentemente il momento di partorire ed essendo impossibilitata a quel punto dal muoversi dal Taxi sono accorsi i medici e gli infermieri dell’ospedale che in sicurezza le hanno permesso di mettere alla luce questa nuova vita all’interno del Taxi stesso”.

Ansa

Una storia normale e straordinaria, come sono un po’ tutte le nascite; chi di noi non ha qualche racconto dal sapore mitologico delle circostanze legate alla sua nascita? Una multa presa dal papà che parcheggia dove non deve, un incontro bizzarro, l’ostetrica burbera o quella dolce e materna; una fame dell’ultimo minuto, il commento del medico al primo urlo spaccatimpani del neonato. Tutto diventa epico, a suo modo.

Perché, mi pare, la vita nascente conserva la sua potenza, una sua selvaggia imprevedibilità, quella irriducibile libertà che vuole affermarsi e basta.

“Ehi, ci sono anch’io!”

sembra urlare col primo pianto ogni bambino e così la sua mamma, sfinita e forte come i ruggiti con cui ha accompagnato le ultime spinte.

Sono nato, dovevo nascere, la vita urge. Ecco cosa ci ricorda questo bimbo di cui non sappiamo nulla se non la cosa fondamentale da cui discendono tutte le altre, irriducibilmente più piccole di questa: è nato.

Il tassista che ha accompagnato la coppia e chiamato i medici a ridosso della clinica voleva sapere come stavano e il giorno dopo è andato ad informarsi:

(…) è passato in ospedale per accertarsi delle condizioni della donna e del bambino, un bel maschietto, che sta bene. “Una bella storia di nascita e di vita, che nel periodo difficile che tutti viviamo da più di un anno a questa parte – conclude Salzani – credo faccia bene al cuore e al morale”

Ansa

La nascita di un bimbo ha un messaggio per tutti

La fretta di venire al mondo e la precipitazione che ci prende quando vogliamo evitare che qualcuno lo lasci si assomigliano, dicono quasi la stessa cosa. Ostetricia e medicina d’emergenza, insomma, hanno – e dovrebbero sempre mantenere – la stessa cifra di servizio nudo e puro all’altro e al suo attributo principale: l’esistenza.

Leggevo qualche tempo fa di un giovane medico anestesista e rianimatore che si spende generosamente anche nella divulgazione promozione di pratiche di pronto intervento, nelle cosiddette manovre salvavita.

Stiamo vegliando gli uni sugli altri

Una delle considerazioni più belle che rilascia è che proprio la medicina d’emergenza possiede il grande potere di mostrarci quanto la vita, sempre, sia un valore che svetta su tutti gli altri.

Per questo, ora, non trovo più tanto strano accorgermi che mi assale un moto di commozione ogni volta che intravvedo in qualche luogo pubblico, in spiaggia, all’ingresso di un supermercato, l’attrezzatura per la rianimazione cardiaca.

Siamo tutti qui in agguato l’uno per l’altro con una ferocia d’amore che teniamo ammansita sotto felpe e sneakers nuove ma che cova, ancora. Più dell’istinto di prevaricare siamo mossi, credo, dalla fame di vita.

Vederla in pericolo come saperla in arrivo, ci chiama alle armi. La crudeltà, invece, prima di diventare perversione, è più una resa, una rinuncia; l’incapacità di sentirsi degni noi stessi e di misurare nell’altro la nostra stessa altezza.

Ma che c’entra tutto questo con Pasqua e Pasquetta e un taxi che arriva a tutta birra davanti al Pronto Soccorso dell’ospedale Macedonio Melloni nel cuore della notte?

C’entra perché c’era un bimbo che doveva nascere.

Tags:
parto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni