Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconChiesa
line break icon

5 tradizioni eucaristiche a Messa e il loro significato

OFFERTORY;PRIEST WITH HOST

Fabio Lotti | Shutterstock

Philip Kosloski - pubblicato il 02/04/21

Perché Gesù ha scelto il pane e il vino per l'Eucaristia?

Nella Chiesa cattolica, l’Eucaristia non è semplicemente una ripresentazione del pane e del vino benedetti da Gesù nell’Ultima Cena, ma la Presenza Reale di Gesù Cristo sotto le sembianze del pane e del vino.

Una volta compreso questo insegnamento di base della Chiesa cattolica, tutti i vari costumi e le varie tradizioni dei cattolici a Messa hanno molto più senso.

Ecco 5 tradizioni eucaristiche viste a Messa e il loro significato spirituale.

Perché Gesù ha scelto il pane e il vino per l’Eucaristia?

La ragione principale per la quale Dio ha scelto il pane e il vino è legata alle Sue rivelazioni precedenti nell’Antico Testamento e a come ha preparato il Suo popolo per questo momento della storia:

“Nell’Antica Alleanza il pane e il vino sono offerti in sacrificio tra le primizie della terra, in segno di riconoscenza al Creatore. Ma ricevono anche un nuovo significato nel contesto dell’Esodo: i pani azzimi, che Israele mangia ogni anno a Pasqua, commemorano la fretta della partenza liberatrice dall’Egitto; il ricordo della manna del deserto richiamerà sempre a Israele che egli vive del pane della Parola di Dio. Il pane quotidiano, infine, è il frutto della Terra promessa, pegno della fedeltà di Dio alle sue promesse. Il « calice della benedizione » (1 Cor 10,16), al termine della cena pasquale degli Ebrei, aggiunge alla gioia festiva del vino una dimensione escatologica, quella dell’attesa messianica della restaurazione di Gerusalemme. Gesù ha istituito la sua Eucaristia conferendo un significato nuovo e definitivo alla benedizione del pane e del calice” .

(CCC 1334)

Dio ha sempre saputo che avrebbe usato il pane e il vino, e quindi ha iniziato a preparare il popolo di Israele a queste rivelazioni in modo graduale nel tempo. L’Antico Testamento è pieno di precursori simbolici, rendendo le azioni di Gesù nell’Ultima Cena un idoneo compimento di quello che aveva già avuto luogo.

Perché i cattolici si genuflettono in chiesa?

Parlando storicamente, l’atto di genuflettersi su un ginocchio deriva dall’etichetta di corte, e si realizzava alla presenza di un re o di un nobile in epoca medievale. Era un segno di rispetto, come anche un pegno di servizio.

I cristiani hanno adottato questo costume nel corso del tempo, ed è stato pienamente integrato nella liturgia del rito romano nel XVI secolo. Il ginocchio sinistro veniva sempre usato per dare reverenza a un re, e quindi per distinguere l’uso cristiano del costume i cristiani in chiesa si genuflettono sul ginocchio destro a Dio.

Dio è sempre stato noto a ebrei e cristiani come un re ricco di misericordia e con un amore infinito. Per rendere onore a quel “Re d’Amore”, i cristiani hanno pensato che fosse idoneo rispettarlo e onorarlo genuflettendosi ogni volta che entravano nella Sua “corte”.

Ciò voleva dire piegarsi su un un ginocchio ogni volta che passavano davanti al tabernacolo – la piccola casa in ogni chiesa cattolica che custodisce il Santissimo Sacramento.

Come cattolici, crediamo che Gesù sia realmente presente, in Corpo, Sangue, anima e divinità nella Santissima Eucaristia, e quando ci genuflettiamo lo facciamo perché siamo alla presenza di Dio.

  • 1
  • 2
Tags:
eucaristiaMessatradizioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni