Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 19 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Un’associazione per promuovere l’inclusione delle persone con neurodiversità

AUTISM KID

Iren_Geo | Shutterstock

Jesús Colina - pubblicato il 01/04/21

In occasione della Giornata Mondiale della consapevolezza sull'autismo, il 2 aprile l’associazione “Valenze” presenta l’evento digitale “Valenze in Note”

Il 2 aprile è la Giornata Mondiale per la consapevolezza dell’autismo. Per questo, abbiamo il piacere di avere con noi Gabriele Valli, Presidente e fondatore dell’Associazione “Valenze”, che a breve si trasformerà in una Fondazione. Valenze, nasce per promuovere e supportare l’inserimento lavorativo e l’inclusione delle persone con neurodiversità, in particolare autistiche, negli enti pubblici e privati.

GABRIELE VALLI

Presidente, come è nata l’idea di fondare “Valenze” e per quale ragione?

Gabriele Valli: Come spesso accade, tutto è nato da un’esperienza personale. Tre anni fa abbiamo saputo che nostro figlio è un bambino autistico.

Accogliere questa novità nella nostra vita non è stato facile e mi ha aiutato cercare di capire questo fenomeno e quali problemi ci sono.

Tra le numerose criticità, una fra tutte è emersa con forza quella del futuro di questi ragazzi dopo i 18 anni: finita la scuola dell’obbligo sono lasciati a loro stessi.

Questo è un peccato perché hanno qualità che potrebbero mettere a disposizione della società se inseriti nel mondo lavoro, valorizzando le loro qualità.

Noi le chiamiamo “Valenze” e con questa associazione ci proponiamo di favorire l’inclusione nel mondo del lavoro delle persone autistiche e con altre neurodiversità, collaborando con aziende, università e pubblica amministrazione, facendo in modo che possano dare il loro meglio alla società.

Per la giornata del 2 aprile, avete messo in campo un evento “Valenze in Note”. Di cosa si tratta e come nasce l’idea di coinvolgere tanti ospiti interessanti, dalle aziende al panorama musicale e sportivo?

Gabriele Valli: “Valenze in Note” è il nostro primo evento con cui lanciamo pubblicamente la nostra associazione.

“Valenze in Note” è una manifestazione musicale che coinvolge musicisti professionisti e non, come le band aziendali.

La musica è il collante che consente di parlare di esperienze concrete di inclusione delle persone autistiche nel lavoro, grazie la voce dei protagonisti: i ragazzi, i loro colleghi, i coach che li accompagnano e le aziende stesse.

Durante l’evento hanno partecipato medici e operatori che da anni lavorano con persone autistiche, che ci hanno consentito di introdurre 3 temi importanti per le persone autistiche: la natura, lo sport e lo studio della musica.

Tre strumenti a disposizione delle persone autistiche per acquisire quelle autonomie, comportamentali e relazionali, necessarie, come le competenze acquisite durante gli studi, a favorire il loro ingresso nel mondo del lavoro.

All’evento hanno partecipato con il loro saluto, anche rappresentanti delle istituzioni e musicisti.

Alla fine, ci siamo riusciti e rimane la gratitudine per le tante persone che con generosità hanno partecipato a questo evento.

Valenze” è nata da poco ma sembra già avere tanti spunti interessanti. Progetti per il futuro?

Gabriele Valli: Il primo progetto è avviare un network di aziende, private e pubbliche, e Università per la promozione e l’attuazione di programmi l’inclusione delle persone autistiche nel mondo del lavoro, a partire da quelle che abbiamo messo insieme per l’evento “Valenze in note”.

Vorremmo inoltre produrre anche prodotti audiovisivi – come docu film e web serie – per sensibilizzare tutti al tema dell’indipendenza economica e lavorativa delle persone neurodiverse.

Ci proponiamo di avviare progetti per favorire l’autonomia delle persone autistiche grazie alla natura, lo sport e l’arte, in particolare la musica, oltre alla nascita, a Roma, di una scuola primaria veramente inclusiva per i bambini autistici.

Infine, grande attenzione alle tecnologie digitali, per favorire la loro diffusione all’interno dei processi di cura, assistenziali e amministrativi che riguardano le persone autistiche, nei processi educativi e lavorativi.

Tags:
autismobambinieducazione
Top 10
See More