Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

Immortalare un momento o viverlo davvero?

Antoine Mekary | ALETEIA

Umberto Macchi - pubblicato il 30/03/21

Come l’uso compulsivo dello smartphone ha cambiato le nostre vite

Spesso siamo presi dall’ansia di immortalare un momento per poi riviverlo successivamente. Il tempo che viviamo sembra sempre o proiettato nel futuro o spostato nel passato. Fotografiamo per il piacere di farlo, per condividere la nostra esperienza con gli altri, per dimostrare che “sì, c’ero anch’io”. Ma attenzione! L’uso compulsivo dello smartphone ci trasforma da protagonisti attivi a spettatori passivi. Così si rischia di non vivere il presente, sminuendo, con esso, anche ciò che abbiamo di più prezioso: la nostra vita.

Fotografare e condividere
Nell’era dell’iper connessione digitale “fotografare e condividere” sembra essere diventato una vera necessità, una sorta di bisogno di affermazione esistenziale: “Condivido ergo esisto”. Non cogliamo più l’attimo presente, ma la sua riproduzione digitale, senza la quale la nostra vita non ha più significato. Ecco che allora fotografiamo il libro che stiamo leggendo, il piatto che stiamo mangiando, lo spettacolo a cui stiamo assistendo: ma questa abitudine non preclude il vivere davvero i momenti che scegliamo, sminuendo anche la nostra presenza?

Certo, non c’è niente di male nel voler immortalare un attimo: un cielo particolarmente bello, un panorama mozzafiato, il sorriso di un’amica che sta cenando con noi. Tuttavia, ciò non dovrebbe trasformarsi in “ansia da prestazione” perché dobbiamo dimostrare qualcosa agli altri che ci guarderanno, non dovrebbe infatti farci dimenticare di godere veramente di quell’esperienza.

Vivere il presente partendo dai nostri valori
È importante sapere che cosa motiva le nostre azioni e le nostre scelte. Dar senso alla vita vuol dire costruirla secondo dei valori edificanti e prioritari come la fede, la famiglia, l’amore, l’altruismo. Solo avendo un obiettivo chiaro, che abbia un senso per noi, possiamo davvero prenderci il tempo per assaporare il cammino che ci conduce verso di esso. Fermandoci per godere del momento presente, ci aiuterà a costruire ricordi felici di ciò che proviamo. Quei “ricordi caldi” che, indelebili, si trasformano in una fonte di consolazione per il futuro.

L’atto di immortalare a qualunque costo un’esperienza fa sì che non riusciamo a viverla né a ricordarla a pieno. Questo perché il ricordo è fatto sì di eventi, ma soprattutto di emozioni. Se queste non vengono vissute sul momento, perché impegnati a fotografarle, tutta la poesia di quell’attimo verrà persa.

Prima di immortalare il nostro presente, dunque, cerchiamo di osservarlo, di viverlo, di renderlo parte di noi, poi, eventualmente, fotografiamolo. Riempitevi della bellezza di ciò che state vivendo, non limitatevi a inquadrarlo con il vostro smartphone. Assaporate la gioia che vi dà, e se anche non avrete l’immagine o il video perfetto da postare in tempo reale sul vostro social preferito, pazienza, resterà comunque scolpito nella vostra memoria: in tal modo saranno le vostre emozioni a creare i colori del ricordo.

La possibilità di immortalare ogni secondo della nostra vita è di certo una straordinaria e meravigliosa invenzione, ma come ogni strumento umano non dobbiamo superare il limite oltre il quale rischiamo di diventare schiavi della tecnologia.

Cerchiamo dunque di non svuotare di significato il nostro vissuto solo per una superficiale voglia di apparire: viviamo di più e immortaliamo di meno!

Tags:
reti sociali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni