Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Luglio |
Beato Antonio Rosmini
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Quali sono i regali che rendono più felici i bambini?

LITTLE GIRL,

George Rudy | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 29/03/21

Una nuova ricerca ha mostrato che i bambini di età tra i 3 e i 12 anni traggono più gioia da regali materiali, mentre quelli più grandi preferiscono ricevere in dono delle esperienze.

Quali sono i regali che rendono più felici i nostri bambini? Ne parla in un interessante articolo pubblicato su Psicologia Contemporanea la dottoressa Elettra Pezzica.

Quali sono i regali più graditi?

Spesso di fronte alla scelta di un regalo da fare al nostro bambino o a quello di altri ci lambicchiamo il cervello per cercare di individuare quello che potrebbe risultare più gradito. 

Uno studio svolto presso l’Università dell’Illinois di Chicago, pubblicato sulla rivista International Journal of Research in Marketing ci viene in aiuto chiarendoci alcuni elementi importanti per effettuare la scelta.

Regali materiali o esperienze?

I ricercatori si sono concentrati nel paragonare il livello di felicità che i piccoli manifestano di fronte a due diverse tipologie di regali: quelli materiali e quelli caratterizzati dal ricevere in dono delle esperienze

WEB3-HOME-ROOM-CHILD-MONTESSORI-TOYS-SHUTTERSTOCK.jpg

Dipende dall’età

I risultati hanno evidenziato una differenza fondamentale in relazione all’età dei minori: i bambini dai 3 ai 12 anni preferiscono gli oggetti materiali, giocattoli o altro, mentre  quelli più grandi prediligono la possibilità di fare delle esperienze gratificanti. 

Quindi man mano che il bambino cresce arricchirsi di nuovi ricordi ed esplorare nuovi interessi prende il sopravvento sull’acquisizione di nuovi oggetti. Come direbbe Erich Fromm c‘è il passaggio dal desiderio di “avere” a quello di espandere il proprio “essere”. 

Ricordare i dettagli dell’esperienza

La principale autrice dello studio ha voluto però chiarire un punto fondamentale:

Non fraintendetemi, anche i bambini piccoli amano le esperienze, e intere aziende (per esempio i parchi a tema, come Disneyland) sono costruite proprio attorno a questa premessa. In effetti, i bambini piccoli sono entusiasti durante l’esperienza. Tuttavia, affinchè le esperienze forniscano una felicità duratura, i bambini devono essere in grado di ricordare i dettagli dell’evento molto tempo dopo che questo è finito.

(Ibidem)

I regali materiali costituiscono per tutti i minori una specie di promemoria fisico in grado di offrire gratificazione anche dopo l’emozione iniziale vissuta al momento del ricevimento. 

I più piccoli, a cagione dei limiti cognitivi dovuti ad uno sviluppo non ancora completo di importanti strutture cerebrali, hanno difficoltà a rievocare i particolari delle esperienze che si sono concluse.

Per questo motivo risulta più arduo per loro conservare un senso di gratificazione per ciò che non è più presente. 

CHILD,

La memoria

L’elemento fondamentale alla base di questa differenza fra i due gruppi anagrafici sarebbe la memoria, le cui prestazioni aumentano progressivamente con lo sviluppo; ed è questo cambiamento che giustifica la diversa percezione del “piacere” che si registra con la progressione dell’età. 

Secondo la stessa studiosa, grazie alle attuali risorse tecnologiche ormai alla portata di tutti, abbiamo la possibilità di aiutare anche i più piccoli a trarre una gratificazione duratura dalle esperienze fatte.

Foto e video per rievocare il piacere dell’esperienza

Per cui l’invito è:

Scattate fotografie e girate video di passeggiate in famiglia, giochi sulla neve e feste di compleanno. È probabile che i bambini apprezzeranno di più quelle esperienze se c’è qualcosa che ricorda loro l’evento. 

(Psicologia Contemporanea)

Ribaltando il vecchio adagio: “occhio non vede cuore non sente”, la massima che possiamo trarre da questa ricerca potrebbe suonare così: se l’occhio ri-vede, il cuore stra-vede.

Tags:
bambiniregali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni