Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconSpiritualità
line break icon

7 splendide tradizioni della Settimana Santa viste nella liturgia

EASTER VIGIL

Sebastien Desarmaux | Godong

Philip Kosloski - pubblicato il 29/03/21

4 “Popolo mio, che male ti ho fatto?” I rimproveri del Venerdì Santo

Durante la liturgia del Venerdì Santo, c’è un momento in cui tutti i presenti sono invitati ad avvicinarsi all’altare e a riverire il crocifisso con un bacio, toccandolo o genuflettendosi. Può essere un momento toccante della liturgia, perché i fedeli sono guidati ai piedi della croce e provano il dolore del Venerdì Santo.

Per sottolineare l’atmosfera di lutto, la Chiesa offre un inno opzionale che può essere cantato durante l’adorazione della Santa Croce. In Latino è chiamato Improperia, e presenta il dolore di Gesù sulla croce.

5 Nell’oscurità del Venerdì Santo: l’antica liturgia delle Tenebrae

Una delle tante belle liturgie della Settimana Santa, che non viene sempre molto notata, è il servizio liturgico chiamato Tenebrae.

Il termine latino viene tradotto come “oscurità”, e si tratta di una liturgia celebrata sia dai cattolici romani che da anglicani, protestanti e alcune Chiese ortodosse.

Essenzialmente, consiste nel canto della Liturgia delle Ore. Le ore liturgiche del Mattutino e delle Lodi (Ufficio delle Letture e Preghiera del Mattino) per il Giovedì Santo, il Venerdì Santo e il Sabato Santo sono tipicamente anticipate la sera prima e celebrate alla luce della candele.

6 La Chiesa delle origini si asteneva dalla Messa il Sabato Santo

Gli storici credono che anche il Sabato Santo fosse un giorno senza Messa, ma che i cristiani tenessero una veglia che durava tutta la notte iniziando nel cuore della notte del sabato e non terminava fino all’irrompere dei primi raggi dell’alba, quando iniziava la celebrazione della Messa la mattina di Pasqua.

L’autore Herbert Thurston offre una breve spiegazione nel suo libro Lent and Holy Week:

“La Messa che ora viene cantata il Sabato Santo… non era originariamente una Messa per il Sabato Santo, ma arrivando alla fine delle lunghe cerimonie della grande veglia era in realtà la Messa di mezzanotte della Domenica di Pasqua. Probabilmente, il primo stadio della celebrazione non veniva raggiunto fino a ben dopo mezzanotte, quando il giorno stava già iniziando a sorgere. C’era ogni ragione, quindi, per cui la gioiosa esultanza per la Resurrezione trovava qui la sua prima espressione. In teoria il Sabato Santo, come il Venerdì Santo, era un giorno ‘aliturgico’, un giorno senza Messa”.

La liturgia venne poi abbreviata e anticipata alla sera, diventando la Veglia pasquale che celebriamo oggi.

7 Una guida passo dopo passo alla Veglia Pasquale

L’intero anno liturgico culmina nella Veglia Pasquale, un’antica liturgia celebraa la notte prima della Domenica di Pasqua. Inizialmente era una veglia che iniziava nel cuore della notte per finire all’alba, quando iniziava la celebrazione della Messa.

Per i primi cristiani, era un modo per accogliere il sorgere del Figlio di Dio, che dissipa l’oscurità della notte. La liturgia venne poi abbreviata e anticipata alla sera, ma molti degli stessi rituali vengono eseguiti con grande solennità. La Veglia Pasquale è una splendida esperienza, che immerge la persona nel cuore del mistero pasquale.

  • 1
  • 2
Tags:
liturgiasettimana santatradizioni

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni