Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 26 Novembre |
Beato Giacomo Alberione
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Miguel, “un santo con la cravatta”

MIGUEL PEREZ

@luciacapape

Benito Rodríguez - pubblicato il 26/03/21

È già in Cielo Miguel Pérez, ingegnere 40enne, preside di un scuola e padre di 5 figli che ha abbracciato due anni fa una malattia che gli ha impedito di camminare e di parlare ma non lo ha mai privato della fede e della capacità di amare fino all'estremo Dio, famiglia, amici e professione

La sua testimonianza è diventata una luce per migliaia di persone. È morto il 24 marzo a Siviglia, e come dice la moglie Lucía era “un santo con la cravatta”.

La sua ultima foto

https://www.instagram.com/p/CMsOdX6jnKI/?utm_source=ig_web_copy_link

Il fine settimana scorso, Lucía ha pubblicato questa foto su Instagram. Miguel, sulla sedia a rotelle, osservava i due figli più piccoli che celebravano la loro Prima Confessione.

L’hanno fatto in casa, sotto lo sguardo attento del padre, lo sguardo di un padre orgoglioso, profondamente trascendentale perché la malattia, la sclerosi laterale amiotrofica, lo ha unito alla Croce fino a trasformarlo involontariamente in un faro per migliaia di persone. Lo sguardo di un padre che sa di essere vicino a Dio Padre e che vedeva in quella stanza l’abbraccio di Dio ai suoi figli.

In seguito ha subìto un aggravamento delle sue condizioni e ha dovuto essere ricoverato nell’Hospital Virgen del Rocío di Siviglia, dove questo mercoledì, come ha detto il cognato Elías, sacerdote, “è entrato per la porta grande in Cielo”. Lucía, attraverso le reti sociali, ha annunciato la sua morte e ha ringraziato per le tantissime dimostrazioni d’affetto.

https://www.instagram.com/p/CM1YvP5j4Ux/?utm_source=ig_web_copy_link

Non siamo poi così buoni”

Il 30 ottobre avevamo pubblicato su Aleteia la sua testimonianza. Avevo mandato l’articolo a Miguel, mio buon amico da anni. Comunicavamo via WhatsApp perché non riusciva a parlare. Io gli mandavo dei messaggi vocali e lui mi rispondeva con dei testi.

Mi ha ringraziato per l’articolo, ma con la sua abituale sincerità mi ha confessato che aveva paura. Non si sentiva un esempio. È sempre stato una persona molto umile, ed era molto stupito dalla diffusione che stava avendo il suo caso.

Lui che non amava essere al centro dell’attenzione era diventato un leader naturale, vedendosi all’improvviso sotto i riflettori. Se non gli piaceva nei momenti migliori immaginatevi in questa situazione, senza poter parlare, su una sedia a rotelle, malato. Riferendosi a Lucía e a lui diceva “non siamo poi così buoni”.

Un quotidiano nazionale gli aveva appena fatto un’altra intervista, e avevano anche registrato un video di testimonianza. Aveva le vertigini.

Ho insistito a dirgli che non avevo detto nulla di lui che non fosse già prima della malattia, una bravissima persona, ma che ora forse parte della sua missione era testimoniare come incontrare Dio e trovarlo in una malattia così crudele, come contrappunto nei confronti di chi difende l’eutanasia come unica strada di fronte alla sofferenza. Quando gli dicevo questo avevo la voce spezzata.

Ispirazione

E lui, con una semplice frase di testo, mi ha mandato “un abbraccio immenso”, e ho sentito come se me lo stesse dando fisicamente – quello che avrei voluto dargli io. E ha dato eccome la sua testimonianza. Il loro modo di affrontare la malattia in famiglia li ha trasformati in una fonte di ispirazione per migliaia di persone.

Lucía pubblicava su Instagram aspetti della loro quotidianità familiare, con fotografie così allegre per la bellezza che racchiudevano da non avere bisogno di filtri, e con la prosa di una filologa riusciva a trasmettere con ogni post la grandezza di una coppia innamorata, generosa, riversata sui figli… e del tutto fiduciosa nella Volontà di Dio.

https://www.instagram.com/p/CMk-09sjo__/?utm_source=ig_web_copy_link

C’era comunque la crudezza della malattia, senza nascondere i momenti difficili e le lacrime, ma dimostrando che non era una posa quando dicevano “Non abbiamo fatto nulla per meritare questo regalo che ci permette di vivere con una prospettiva diversa, e ci apporta senz’altro una felicità vera e profonda”.

La meta del Cielo

Lucía diceva che la meta di questo cammino che dovevano percorrere insieme era il Cielo. Lui ora è lì, “un santo con la cravatta” come lo definisce la moglie. Io direi di più: un santo contemporaneo, un santo di famiglia. La sua impronta sulla Terra è molto profonda. Noi che lo conosciamo sappiamo che, se Dio vuole, intercederà per ottenere grandi miracoli dal Cielo.

Chi scrive si sente molto fortunato e certo di aver conosciuto un santo in vita, un amico che se n’è andato ma con cui continuerò a parlare e a ridere. E quelle sue risate continueranno a risuonare forti e vicine. Un amico in Cielo.

In un’intervista ad ABC, in un solo paragrafo ha detto tutto:

“Con questa malattia ho scoperto qualcosa che tutti sappiamo ma a cui non pensiamo, ed è il fatto che moriremo. Da quando mi hanno detto che avevo una ‘data di scadenza’ ho imparato a vivere sapendo che morirò e vedo tutto in un altro modo. C’è gente che muore all’improvviso, io ho avuto la fortuna di essere avvisato e di potermi preparare (…). Ho avuto la benedizione di capire meglio molte cose, di sentire la vicinanza di Dio, di vedere il potere della preghiera e di sentire che tutto ciò che esiste in questo mondo è temporale e caduco. Credo che dovremmo tutti passare per qualcosa di simile per valorizzare tutto e avvicinarci a Dio: amore puro e che riempie il cuore”.

Tags:
esempiomortesanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni