Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 20 Aprile |
Sant'Aniceto
home iconStorie
line break icon

Esperimento in tempo di Covid: un gruppo di ragazzi va a vivere in oratorio

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 26/03/21

Accade a Varese, in piena "zona rossa". Nella cosiddetta "bolla" si sono trasferiti, per 20 giorni, più di venti ragazzi tra 16 e 18 anni. Per evitare l’isolamento sociale e nel rispetto delle norme anti Covid. A seguirli un giovane sacerdote

Più di venti ragazzi, di età compresa tra 16 e 18 anni, hanno deciso di “bypassare” la zona rossa e vivere insieme per tre settimane nella grande struttura dell’oratorio di Biumo Inferiore, a Varese

Ma non è una costrizione, anzi: è stata una scelta di condivisione e socialità che in questi tempi di Covid è stata vissuta dai ragazzi come una boccata di aria fresca (Varese News, 24 marzo).

La “bolla”

L’idea è nata proprio da uno di loro – Leonardo, studente di terza superiore – che ha suggerito di ispirarsi al modello adottato dai cestisti statunitensi della Nba: un tampone per tutti e poi l’ingresso in una “bolla” dove condividere una normalità quotidiana che all’esterno è preclusa.

«La proposta è stata avanzata per la prima volta lo scorso settembre, ma ha richiesto un lungo periodo di tempo per concretizzarsi. Abbiamo dovuto studiare con attenzione le norme e richiedere tutte le autorizzazioni del caso – spiega don Gabriele Colombo, il 35enne sacerdote responsabile della pastorale giovanile della Comunità pastorale ‘Beato Samuele Marzorati’, che sta condividendo l’esperienza della bolla con i ragazzi -. Ci siamo concentrati in particolare sull’allegato 8 dei Dpcm finora emessi, che si occupa delle politiche familiari. E prevede la possibilità di effettuare attività ludico-ricreative e di educazione non formale. Ovviamente nel rispetto delle norme anti contagio».

7 marzo: l’ingresso in oratorio

L’autorizzazione ufficiale è arrivata il 19 febbraio. E il 7 marzo «siamo entrati nella nostra bolla in oratorio. Usciremo il 28 marzo per ricongiungerci con il resto della comunità in occasione della Domenica delle Palme – continua il sacerdote -. Si tratta di una bella esperienza per tutti, basata non solo sulla socialità, ma sulla fraternità, ovvero sulla capacità di prendersi cura l’uno dell’altro e degli ambienti comuni» (La Repubblica, 26 marzo).

E i genitori come hanno reagito?

Non sappiamo come hanno reagito i genitori dei ragazzi che hanno chiesto di entrare nella bolla di Biumo, quando i loro figli hanno esordito: “andiamo a vivere insieme. Non ce la facciamo più chiusi in casa con voi, senza poter fare nulla. Abbiamo bisogno di stare tra ragazzi”.

Sappiamo però che poi mamme e papà li hanno aiutati. E che il progetto è decollato: tampone prima di entrare, e così è iniziata la vita in oratorio in tempo di covid. Naturalmente senza mettere il naso fuori, per superare la crisi della “zona rossa” e di tutte le privazioni della socialità di questo tempo infinito segnato dal virus.

CARACAS
L’oratorio è un toccasana per le relazioni sociali!

Unico “esterno”: il cuoco

Basket e calcio e allenamenti fanno da corollario a tante attività della giornata: colazione, Dad. «Ognuno ha il proprio angolino» dice il sacerdote. Pranzo insieme e questo è l’unico momento in cui entra un esterno nella comunità, senza alcun contatto con il gruppo, un cuoco professionista. Altrimenti i ragazzi rimarrebbero a digiuno a pranzo visto che sono tutti impegnati con la scuola (Prealpina, 25 marzo).

QUI L’AUDIO DALL’ORATORIO DI VARESE.

Tags:
covidoratoriozona rossa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
4
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni