Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconChiesa
line break icon

Casa di Luca e prigione di Paolo: la basilica di Santa Maria in via Lata

Antoine Mekary | ALETEIA

Marinella Bandini - pubblicato il 23/03/21

Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”

Della basilica di Santa Maria in via Lata si dice che sorga sul luogo in cui San Luca scrisse gli Atti degli apostoli e dipinse i primi sette ritratti della Vergine, di cui quello del XII secolo sull’altare maggiore sarebbe una copia.

Un antico culto colloca qui anche la casa-prigione di San Paolo, dove l’apostolo visse due anni sotto sorveglianza; una tradizione contesa con la chiesa di San Paolo alla Regola. Un’iscrizione all’ingresso degli scavi indica questo come Oratorio di S. Paolo apostolo, di Luca evangelista e di Marziale martire (forse il carceriere di Paolo, poi convertito?). E anche Pietro sarebbe passato di qui.

Nei sotterranei c’è una colonna corinzia a cui la tradizione vuole che fosse legato San Paolo. Sulla colonna, è incisa una frase scritta da Paolo a Timoteo: “Verbum dei non est alligatum” (La Parola di Dio non è incatenata). Recenti scavi hanno permesso di recuperare vari oggetti, tra cui una catena di ferro di circa due metri, compatibile con i segni sulla colonna.

Nel III secolo l’edificio fu probabilmente adibito a magazzino e alla fine del VI secolo diventò la Diaconia dal Papa Sergio I, probabilmente gestita da monaci orientali. Nel 1049 fu edificata la chiesa superiore con orientamento opposto a quello della Crypta. La basilica odierna è quella edificata nel XV secolo e a più riprese restaurata.

Il Signore si è affacciato dall’alto del suo santuario,

dal cielo ha guardato la terra,

per ascoltare il gemito del prigioniero,

per liberare i condannati a morte

Sal 101

* In collaborazione con l’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma

Tags:
chiese stazionaliquaresimasan paolostazioni quaresimali
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
4
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni