Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 05 Luglio |
Santa Elisabetta di Portogallo
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Utah: misura inedita contro l’esposizione dei minori al porno

DOSTĘP DO PORNOGRAFII

Shutterstock

Mathilde De Robien - pubblicato il 22/03/21

Lo stato dello Utah (USA) sta esaminando un progetto di legge che punta a installare un sistema di filtro automatico dei contenuti pornografici su ogni nuovo smartphone.

Tutti i nuovi smartphone e tablet venduti a partire dal 1º gennaio 2022 nello Utah potrebbero essere equipaggiati di default con un filtro preinstallato, volto a bloccare l’accesso a contenuti pornografici.

Il progetto di legge prevede l’obbligo, per i fabbricanti di questi apparecchi digitali, di allestire un filtro capace di «bloccare i contenuti pregiudizievoli per i minori» su tutti i nuovi smartphone venduti sul territorio. Se i maggiorenni avranno la possibilità di disattivare il filtro con una password, i minori invece saranno tutelati maggiormente.

Una misura che s’iscrive in una battaglia condotta da lunga data da parte dei legislatori dello Stato americano, che già nel 2016 era stato il primo a denunciare la pornografia come «una crisi di salute pubblica». Per i suoi detrattori, questo progetto di legge costituisce un attentato alla libertà di espressione.

Il governatore dello Utah, Spencer Cox, ha fino al 25 marzo per firmare il progetto di legge oppure porre il suo veto: in caso di accordo, la legge non potrà entrare in vigore che se altri cinque stati adotteranno una misura analoga. Una disposizione aggiunta dopo che i produttori di apparecchi digitali hanno espresso la loro inquietudine quanto alla difficoltà di attivare filtri per un solo Stato.

Anche nel Vecchio Continente qualcuno tenta piste analoghe: in Francia l’articolo 22 della legge del 30 luglio 2020 impone agli editori di siti pornografici di allestire sistemi che permettano di verificare l’età degli utenti, sotto pena di sanzioni che vanno fino all’oscuramento del sito.

La prescrizione, comunque, è ben lungi dall’essere seguita da tutti i siti in causa, come dimostrano i differenti ricorsi giudiziari deposti da diverse associazioni in difesa dei diritti del bambino e della famiglia.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
pornografiasmartphonestati uniti d'americausa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni