Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 03 Dicembre |
Blanca de Castilla
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché Dio si preoccupa dei peccati “piccoli”?

CROSS

Rick Schroeppel | Shutterstock

padre Robert McTeigue, SJ - pubblicato il 22/03/21

La Quaresima è un momento per riconoscere la nostra necessità di un salvatore e abbracciare il nostro Purgatorio


Stavo assistendo a un dibattito tra un ateo e un difensore di Dio. L’ateo ha sollevato una questione interessante: “Perché a Dio importa tanto il peccato?” Questa domanda può forse essere posta con più precisione: “Perché Dio si preoccupa dei peccati ‘piccoli’?” Sono buone domande da porre, soprattutto durante la Quaresima.

L’esperienza mostra che sempre più persone sono indifferenti al peccato, soprattutto ai peccati del tipo “Non preccuparti tanto, è una cosa piccola”. Queste persone possono avere solo una Quaresima tiepida prima di una Pasqua noiosa. La morale della storia è: “Se giochi soltanto ad essere peccatore, puoi solo giocare ad essere salvato”.

Il piccolo peccato e la croce

Qual è allora il problema del peccato, anche se “piccolo”? Una risposta vera, ma incompleta: “Il peccato può tenerti fuori dal Cielo!” Può farlo, è vero, ma questa visione può portarci a temere il peccato ma non a evitarlo, e men che meno a odiarlo. Bisogna imparare a odiare il peccato lavorando tutta la vita (ovviamente con la grazia di Dio) per liberarsi dal peccato modellandosi nell’amore, nella santità e nella virtù.

Si può iniziare guardando un crocifisso e dicendo: “Sono qui, e ho fatto questo. Ho sputato, schiaffeggiato, picchiato, calpestato, trascurato e abusato fino alla morte dei grandi doni del corpo e dell’anima, derivanti dalla natura e dalla grazia (tutto da Dio). Ogni ferita peccaminosta autoinflitta può essere ritrovata sulla croce”.

Bisogna guardare di nuovo al crocifisso e dire: “Questo è il Cristo di Dio – e Gli ho fatto questo. Ho ucciso l’amore. Ho rifiutato l’innocenza. Ciò è avvenuto perché ho posto il mio cuore in quello che non è sacro. L’ho fatto. Non è colpa di nessuno, solo mia”.

A livello di rigida giustizia, la storia potrebbe terminare qui, con me che ricevuto la giusta sentenza. Un Dio totalmente santo non può sopportare la presenza del peccato; allo stesso modo, un peccatore impenitente come me troverebbe insopportabile la presenza di un Dio santo, come un uomo in una caverna senza luce esposto all’improvviso alla luce offuscante e implacabile del sole.

  • 1
  • 2
Tags:
peccatiquaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni