Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconChiesa
line break icon

La basilica di San Nicola in Carcere, tra sacro e profano

Antoine Mekary | ALETEIA

Marinella Bandini - pubblicato il 20/03/21

Rivivi l’antica tradizione quaresimale dei cristiani di Roma. Alla scoperta delle “chiese stazionali”

La basilica di San Nicola in Carcere è una delle più antiche diaconie di Roma, già esistente nel VI secolo. E un esempio di come il cristianesimo valorizzi, e inglobi – in questo caso – ciò che il mondo pagano ha prodotto. 

Questa chiesa medievale sorge nell’area dell’antico Foro Olitorio, ovvero il mercato delle erbe, e assorbe nella sua struttura tre templi pagani: il Tempio della Speranza e il Tempio di Giano ai lati (diverse colonne sono incastrate sui lati della chiesa) e il Tempio di Giunone Sospita al centro, su cui sorge per la maggior parte la chiesa.

La basilica di San Nicola in Carcere fu costruita nel 1128 e dedicata a san Nicola, vescovo di Myra, poiché nell’area viveva una fiorente comunità greca, a lui devota. L’appellativo “in carcere” è dovuto alla presenza di quella che si pensava fosse una prigione. Sul tema sono fioriti racconti e leggende, in realtà, le “celle” identificate negli scavi erano con ogni probabilità botteghe dei cambiavalute.

All’interno della basilica di San Nicola in carcere è custodito un crocifisso ligneo (XIV secolo) che avrebbe aperto gli occhi durante una Messa celebrata da San Gaspare del Bufalo. In una cappella laterale è venerata la Madonna di Guadalupe. Sarebbe una delle Madonne che mossero gli occhi nel 1796, durante la campagna militare di Napoleone in Italia.

Signore, mio Dio, in te mi rifugio:

salvami e liberami da chi mi perseguita,

perché non mi sbrani come un leone,

non mi sbrani senza che alcuno mi salvi.

Sal 7

* In collaborazione con l’Ufficio comunicazioni sociali del Vicariato di Roma

Tags:
carcerechiese stazionaliquaresimastazioni quaresimalitempio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni