Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Luglio |
Beato Antonio Rosmini
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Matilde, la regina che divenne santa

MILAN-ITALY-JUNE-SAINT-MATILDA-Zvonimir-Atletic-shutterstock_1327851614.jpg

Shutterstock

Adriana Bello - pubblicato il 16/03/21

Usò sempre le sue ricchezze per aiutare i più poveri e fondare chiese e conventi

Ripercorrere la storia dei nostri santi mi è sempre sembrato, oltre che interessante, un modo per imparare a trasporre le virtù cattoliche nella vita quotidiana.

Matilde di Ringelheim era figlia del duca di Westfalia e Reinhild, nell’attuale Germania. Da piccola venne portata a vivere con la nonna, che dopo essere rimasta vedova era badessa di Erfurt. Lì le monache si incaricarono della sua educazione, e Matilde acquisì grandi virtù cristiane.

La leggenda racconta che dopo un giorno di caccia il duca di Sassonia, Enrico I, entrò nell’abbazia a pregare e rimase stupito dalla bellezza di Matilde.

La chiese in sposa, e dopo le nozze si innamorò ancor più di lei per le qualità della sua anima. Era una donna di grande bontà, pietà e umiltà.

La corona di Matilde

Nel 918, il marito venne scelto per succedere al re della Francia Orientalis, Corrado I. Fu così che Enrico I divenne il primo re tedesco della dinastia sassone, e Matilde la sua regina.

WEB-VIEW-CASTLE-CHURCH-QUEDLINBURG-GERMANY-Borisb17-shutterstock_154840592.jpg

Lei, però, non si lasciò accecare dalle ricchezze della corona, né abbandonò il suo stile di vita e i suoi modi umili e pii; al contrario, vide nella sua posizione un’opportunità per aiutare più gente ed essere più generosa.

Come una madre per i bisognosi

Mentre suo marito lottava per difendere la patria dagli eserciti stranieri, Matilde si dedicava a far visita e a consolare malati e feriti.

Parlava di Dio ai popoli pagani dei dintorni, distribuiva l’elemosina ai poveri (il re non le chiese mai di rendere conto delle sue spese perché aveva piena fiducia in lei, e piuttosto si meravigliava della sua opera), faceva visita ai prigionieri (pagava i debiti di quelli che erano reclusi per questo per rimetterli in libertà) e si assicurava che qualsiasi persona si recasse al palazzo reale in cerca di aiuto venisse assistita.

Più che una monarca, era come una madre protettiva. Enrico I pensava che molte delle sue vittorie fossero dovute alle preghiere e ai consigli della sua amata Matilde.

WEB3-MILAN-ITALY-JUNE-SAINT-MATILDA-shutterstock_Zvonimir-Atletic-1327851614.jpg

Dopo 23 anni di felice matrimonio il re morì, e Matilde offrì a Dio di distaccarsi da tutte le sue ricchezze per l’anima del marito. Nella sua vita le usò solo per fondare conventi e distribuire aiuti ai poveri.

  • 1
  • 2
Tags:
reginasanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni