Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconFor Her
line break icon

Il telefono per “chiamare” i propri cari morti nello tsunami di Fukushima

IL TELEFONO DEL VENTO,

Akira Tana and Otonowa/Sound Circle | Facebook

Silvia Lucchetti - pubblicato il 11/03/21

Il famoso “telefono del vento” impugnato già da migliaia di giapponesi in lutto per “chiamare” i loro cari che lo tsunami di 10 anni fa in un attimo ha portato via.

L’11 marzo di 10 anni fa il Giappone registrava il più potente terremoto della storia. Al largo della costa di Tohoku, nel nord del Paese, alle ore 14,46 locali si sprigionava dalla profondità di 30 km un sisma di magnitudo 9 della scala Richter, generando uno tsunami con onde alte 10 metri che viaggiavano alla velocità di 750 km/h, e che a Miyako hanno superato i 40. Il maremoto ha investito anche la centrale nucleare di Fukushima che non ha  retto all’impatto delle acque, per cui è avvenuta un’esplosione nucleare con la immediata dispersione di ingenti quantità di materiale radioattivo. 

FUKUSHIMA EARTHQUAKE,

10 anni dal terremoto di Fukushima

Oltre ai morti accertati, l’evento si è caratterizzato per il gran numero di dispersi: il totale delle vittime viene calcolato oggi in oltre 20.000. In Giappone il dolore da lutto viene vissuto in modo molto riservato e assolutamente privato, e ricorrere all’aiuto di uno psichiatra o di uno psicoanalista non è pratica così diffusa come in Europa o negli Stati Uniti. Ecco perché, di fronte a questa immane tragedia, solo nel paese del Sol Levante poteva nascere qualcosa di speciale e di magico. 

“Il telefono del vento”

In cima ad una collina affacciata sull’Oceano Pacifico, fuori dalla città costiera di Otsuchi, nel bel mezzo di un giardino c’è una cabina telefonica dove si entra per cercare un contatto con l’aldilà. Ha le pareti di vetro per poter ammirare il paesaggio intorno, con all’interno un telefono nero collegato al nulla e un quaderno.

È l’ormai famoso “telefono del vento” (Kaze no Denwa in giapponese) impugnato già da migliaia di persone in lutto per “chiamare” i loro cari che lo tsunami in un attimo ha strappato via da loro. La cabina, bianca perché questo è il colore del lutto in Giappone, era stata costruita un anno prima del terremoto da Itaru Sasaki nel suo giardino chiamato Bell Gardia, dopo aver perso per un cancro suo cugino: gli sarebbe servita per mantenere un dialogo con lui. (iodonna.it)

“Parlare” con l’aldilà

Dopo che il sisma, e subito dopo il maremoto, colpirono la città, uccidendo il 10% dei suoi abitanti, decise che quanti ne sentivano il bisogno avrebbero potuto servirsi del “telefono del vento”. Quel giardino rapidamente è diventato un vero e proprio luogo di pellegrinaggio, dove ci si reca per alleviare quel terribile dolore che il lutto improvviso causa, con la sensazione di aver lasciato un discorso in sospeso con chi non c’è più. 

Il rimpianto ricorrente che attraversa la mente e il cuore dei familari è:

Avrei desiderato dirgli qualcosa prima dell’eterno addio, ma non ci sono riuscito. (Ibidem)

Dire addio ai morti di Fukushima

Quando entrano nella cabina compongono il numero del loro caro: si può parlare o solo rimanere in ascolto, del rumore del vento, dei pensieri o dei fluire dei ricordi. Chi parla, i più, parla di sé, con sé o con chi non è più fisicamente presente, spesso un insieme di tutte e tre queste cose, nella speranza che la persona per cui sono lì possa ascoltarli.

Il quaderno è per chi vuole anche scrivere un pensiero, ma ciò che percepiscono tutti quando sono nella cabina è di essere in un contesto “magico” che fa risuonare armonicamente tutti i sensi:

Quando senti il suono del vento, le onde del mare o il canto degli uccelli, trasmetti il tuo sentimento ai tuoi cari perduti attraverso il telefono. (iodonna.it)

YOUNG JAPANESE GIRL,

“Wind Phone”

La tv pubblica giapponese ha realizzato un documentario: “Il telefono del vento – sussurri alle famiglie perdute” per raccontare la storia della cabina telefonica bianca, che ha ispirato anche un libro dal titolo: “Il telefono del vento – Quello che ho visto al telefono  nei sei anni dal terremoto”, e il film “The phone of the Wind” del regista Nobuiro Suwa uscito in sala nel 2020.

Superare il lutto

Il senso profondo del Kaze no Denwa è tutto nelle parole di Itaru Sasaki:

Il telefono non è collegato, ma le persone si sentono come se i loro cari perduti fossero lì ad ascoltare dall’altra parte della linea. Voglio che le persone riprendano la loro vita il prima possibile esprimendo i loro sentimenti.

Il processo di elaborazione di un lutto traumatico è molto lungo, e possono risultare preziose anche risorse impensabili per superarlo: come un telefono “magico” dentro una cabina bianca che si affaccia sulle onde dell’Oceano Pacifico, quello stesso mare che 10 anni fa in un attimo ha inghiottito migliaia di vite.

Il “telefono del vento” mi ha fatto tornare in mente alcuni versi del brano Cosa sono le nuvole di Domenico Modugno, pieni di una struggente nostalgia:

Tutto il mio folle amore
Lo soffia il cielo
Lo soffia il cielo
Così

Tags:
aldilàgiapponemortiterremoto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni