Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Settembre |
San Venceslao
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Così rispondeva Padre Pio a chi aveva dubbi sull’angelo custode

PADRE PIO, SAN PIO,

GoneWithTheWind | Shutterstock

don Marcello Stanzione - pubblicato il 11/03/21

Nei dialoghi tra il santo di Pietrelcina e i suoi figli spirituali, questi ultimi gli chiedevano informazioni sullo spirito celeste. A volte erano scettici. E il frate ripeteva: “Invocatelo e fategli buona compagnia”

Padre Pio da Pietrelcina, parlando dell’angelo custode, soleva spesso dire in confessione al penitente: «Egli è il tuo più grande amico e ti difende, anche quando hai torto marcio». La testimonianza che si impone sopra ogni altra è quella della signora Pia Garella, la quale raccontò a Giovanni Siena uno splendido episodio.

3454780407_4e933f548b_o(1)
Padre Pio e il suo “Messaggero celeste” hanno vissuto un legame intenso e vivo per tutta la vita

“Mandami il tuo angelo custode”

La mattina di un 20 settembre,anniversario delle stimmate di padre Pio, com’era costume fra i figli spirituali, desiderò mandargli un telegramma di auguri a San Giovanni Rotondo. Ma non trovò nessuno che glielo potesse spedire dal capoluogo piemontese. La signora era in angustia. Ad un tratto si ricordò di una raccomandazione che lo stesso padre Pio, l’ultima volta che era stata da lui, le aveva fatto nell’atto di congedarla: «Quando hai bisogno mandami il tuo angelo custode». 

La lettera di Padre Pio

Ella allora si raccolse per una fervente preghiera al suo amico invisibile: “Provvedi tu a recare i miei auguri al Padre, giacché non mi è possibile mandarglieli altrimenti”. 

Di lì a pochi giorni una lettera da San Giovanni Rotondo, «con la quale una mia conoscente, di nome Rosinella Piacentino, m’informava che alla fine della confessione il padre l’aveva trattenuta per dirle: “Scrivi alla signora Garella e dille così: “Padre Pio vi ringrazia degli auguri spirituali che gli avete mandato”». 

PIO
“L’angelo è un fedele compagno di vita, invocatelo”: il consiglio che il frate con le stimmate ripeteva ai suoi figli spirituali.

“E che mi credi sordo?”

Per disposizione divina gli angeli erano al suo servizio per l’umana redenzione e gli portavano le ansie, i bisogni, gli appelli che soprattutto i figli spirituali gli indirizzavano per loro mezzo. Aveva orecchie per sentire, ci sentiva bene, e teneva a farcelo sapere. 

A un amico lombardo, Franco Rissone, che gli chiese: «Ma lei sente veramente quello che le mando a dire per mezzo del mio Angelo custode?», egli rispose: «E che mi credi sordo?». 

“Obbediente e pieno di sollecitudine”

L’angelo era dunque «obbediente e pieno di sollecitudine», ad un patto però: «Purché non lo si mandi a dire sciocchezze», come egli stesso raccomandava. In conclusione Padre Pio ha cercato di instillare nell’animo di chi lo frequentava la preziosità dell’opera angelica compiuta in nostro favore, ma riguardo alla nostra relazione con l’angelo custode affermava: «Ma teniamogli buona compagnia»

3 web-guardian-angel-statue-light-blur-umb-o-shutterstock_919848411-2

Gli obblighi nei confronti dell’angelo custode

Con queste parole il santo ha voluto sottolineare che nel relazionarci al nostro angelo custode, non dobbiamo ritenere che per noi esista solo il diritto di servirci di lui per realizzare i nostri obbiettivi, senza alcun obbligo nei nostri confronti. Ed il primo degli impegni dei veri devoti agli spiriti celesti è quello di non contristarli con il peccato. Comunque anche quando purtroppo siamo in questo terribile stato spirituale della nostra anima, l’angelo ci resta accanto. 

Il ritorno in paradiso 

Padre Pio disse ad una sua figlia spirituale: «Quando pecchiamo, mettiamo Dio fuori dalla nostra anima, ed Egli rispettando la nostra libertà si allontana. Ma comanda all’angelo custode di rimanerci accanto. Cosa che il buon servitore del Signore e nostro fa fino alla nostra morte. Solo quando, se noi nell’ultimo istante della nostra vita, decidiamo di rifiutare il nostro creatore per sempre, egli ci lascia e ritorna in paradiso». 

In conclusione gli angeli hanno popolato la cella, il confessionale, l’altare, la veranda e tutti i luoghi della quotidianità conventuale di padre Pio. 

“Aivoglia quanti ce ne sono”

Una volta, un’altra figlia spirituale di Padre Pio, Cleonice Morcaldi gli disse: «Padre, non ho tanta devozione al mio angelo custode». E padre Pio di rimando: «Dobbiamo essere devoti agli angeli: invocalo spesso!».  

Un’altra volta la stessa Cleonice gli chiese: «Padre, occuperemo i posti resi vuoti dagli angeli ribelli? E per me ce ne sarà qualcuno?». Risposta lapidaria del padre: «Aivoglia quanti ce ne sono!». 

Tags:
padre pio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni