Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

In quaresima con Tolkien: è facile cadere in tentanzione

TOLKIEN, RING, GOLD

Shutterstock

Martha, Mary and Me - pubblicato il 10/03/21

Il mondo che ci circonda è pieno di tentazioni, ma la realtà è che alcune, forse, ce le abbiamo sempre avute in tasca, come quell’anello che neanche Frodo sa come sia finito al suo dito.

 In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana.

Dal Vangelo secondo Marco 1,12-13

Brea, la tentazione

Frodo si sentì improvvisamente molto sciocco e ridicolo, e si mise a giocherellare con ciò che aveva in tasca: era diventata ormai una sua abitudine ogni qual volta faceva un discorso. Sentì l’Anello attaccato alla catenella, ed il desiderio folle di infilarselo al dito e sparire dalla stanza, uscendo da quella situazione imbarazzante, s’impadronì di lui. Ma era come se il suggerimento gli venisse da fuori, da qualcuno o da qualcosa in quella stanza.

Resistette energicamente alla tentazione, stringendo l’Anello come per tenerlo al sicuro e impedirgli di sfuggire e di combinare qualche guaio. […] Fecero bere a Frodo un bel sorso, e quando intonò nuovamente la sua canzone, gran parte dei presenti si unì in coro: la melodia era conosciuta, ed essi erano molto abili a imparare le parole.

Adesso era Frodo a sentirsi molto soddisfatto: piroettava e saltellava sul tavolo e quando per la seconda volta cantò: “E la mucca saltò al di là della Luna”, spiccò un balzo per aria.

BEER

Ma era zompato con troppa energia: piombò giù con fracasso su un vassoio pieno di boccali e, scivolando, capitombolò dal tavolo con un sibilo, un rombo, un tonfo e uno schianto! Il pubblico si sganasciò dalle risate, ma rimase paralizzato dallo stupore: il cantante era scomparso, svanito d’un tratto, come ingoiato dal terreno, senza lasciare un buco o una traccia!

[…] Frodo si sentiva un idiota. Non sapendo che cosa fare, strisciò sotto i tavoli fino all’angolo buio dove si trovava Grampasso, immobile e impassibile. Frodo si appoggiò contro il muro, togliendosi l’Anello. Come diavolo si trovasse infilato al suo dito, era un vero e proprio mistero.

L’unica spiegazione possibile era che, giocherellando con l’Anello mentre cantava, se l’era involontariamente infilato al dito quando aveva precipitosamente tolto la mano di tasca per parare la caduta. Per un attimo si domandò se non era stato l’Anello a giocargli un tiro; forse aveva cercato di rivelarsi in risposta a qualche ordine o desiderio che percepiva nella stanza.

Il Signore degli Anelli, La compagnia dell’Anello, libro I, cap. IX, “All’insegna del Puledro Impennato”

A volte sono i luoghi, a metterci nei guai

A volte i luoghi sono solo pretesti, perché i guai ce li portiamo dentro e ci manca solo la scusa per tirarli fuori. Talvolta è una Brea qualsiasi, il luogo in cui fuggiamo, o la locanda di un puledro scalmanato, piena di gente e di rumore, un posto di passaggio dove il silenzio non faccia paura, dove il vociare annulli pensieri e rimorsi. O almeno, così credevamo.

La tentazione non succede una volta, per caso, non è qualcosa che capita. Certo, la fetta di torta al cioccolato di troppo che ti si para davanti mentre sei in fila alla cassa dell’Ikea, capita a tutti, ma fateci caso: cadiamo spesso sempre nelle stesse, di tentazioni. Ognuno ha le sue preferite, ognuno ha il suo anello sempre a portata di mano. Quasi non sembrano più tanto male, eh? La tentazione ci schiaccia perché la conosciamo, l’abbiamo già vista in faccia e ci ha sconfitti, molte e molte volte.

A tu per tu con la tentazione

Si possono evitare luoghi, persone, si possono cambiare abitudini o amicizie. Ma la verità è che la tentazione non la puoi ingabbiare: sarebbe bello darle una fisicità, ma non ne ha, o meglio, la forma fisica che assume, siamo proprio noi. Noi che se davvero vogliamo qualcosa, ce la prendiamo, che se vogliamo provare un’esperienza o una sensazione, troveremo il modo.

A volte diamo la colpa ai luoghi, agli altri, dando valenze negative, cercando un capro espiatorio per ciò che ci succede e per carità, il mondo che ci circonda è pieno di tentazioni, ma la realtà è che alcune, forse, ce le abbiamo sempre avute in tasca, come quell’anello che neanche Frodo sa come sia finito al suo dito. Era sicuro di non esserci cascato, stavolta. Distruggiamo amicizie, amori, opportunità, il nostro futuro, pur di non assumerci le nostre responsabilità.

grayscale photography of crying woman
Photo by Kat Jayne on Pexels.com

Ci convinciamo che è meglio così, che è bello avere il controllo e fare tutto ciò che ci fa sentire bene, che la vita è una e va corsa al massimo, che gli altri, il mondo, oramai sono cambiati e non c’è nulla di male, che siamo fragili e non possiamo farne a meno, che in fondo è una roba da nulla c’è di peggio, che da soli non siamo abbastanza.

Soli come nel deserto

Lì sì che non c’è nessuno a salvarci, nemmeno una scusa. Lì sì, che possiamo finalmente guardare in faccia le nostre debolezze, tirarle fuori dalle tasche invece che continuare a rigirarcele tra le dita senza farci vedere e ascoltare la voce che le urla nella locanda non ci permettevano di sentire. Nel deserto non siamo poi così soli come pensiamo. È lì, quando ci sentiamo nudi, abbandonati, davvero bersagli facili, lì dove siamo costretti a guardarci dentro, che Lui ci aspetta, per parlarci di noi stessi, per darci il coraggio e la capacità di sconfiggere la tentazione, per rovesciare i ruoli e ridarci la nostra dignità.

Per ricordarci che noi siamo Suoi e nessuno può averci, se scegliamo di dare le nostre chiavi a Lui.

È vero, sta a noi mettercela tutta, ma se fuggire la tentazione diventa solo un mero esercizio di autocontrollo non vinceremo, non una volta per tutte almeno, non come chi sa che, anche se ricadrà, saprà dove ripartire.

Nella stanza più buia

E’ difficile portare qualcuno nella nostra piccolezza, far vedere le infime stanze dove nascondiamo le nostre debolezze, mostrare la bruttezza che abbiamo dentro, vergognarci di noi stessi davanti ad un altro, ma ricordiamolo sempre, per quanto assurdo possa sembrare: Lui non si vergognerà mai di noi, Lui non aspetta altro di essere invocato e di portare la croce per noi. Nessuna confessione sarà mai troppo, nessun peccato sarà mai abbastanza per tenerlo alla larga da noi.

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA MARTHA, MARY & ME

Tags:
john ronald reuel tolkiententazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni