Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 13 Aprile |
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

2 strategie pratiche per i cristiani che lottano con la depressione

ODEJŚCIE Z KOŚCIOŁA

Shooting Star Studio | Shutterstock

Theresa Civantos Barber - pubblicato il 08/03/21

Un nuovo libro, Beauty in the Browns, offre una prospettiva cristiana per chi vive con la depressione

Paul Asay ha scritto moltissime opere, ma il suo nuovo libro Beauty in the Browns è diverso da qualsiasi cosa abbia pubblicato finora. Nel testo, Asay condivide la storia onesta, pratica e a volte umoristica della sua lotta con la depressione. Il suo messaggio porta comprensione, sostegno e solidarietà a chi combatte con questa malattia.

Scrittore e critico, Asay recensisce film per Plugged In, ha un blog su Patheos.com, ha scritto diversi libri e scrive anche su Aleteia. Fino a Beauty in the Browns, non aveva mai condiviso nulla pubblicamente sulla sua salute mentale, anche se ha vissuto con la depressione per decenni.

“Ho scritto altri libri in passato, ma Beauty in the Browns è per molti versi qualcosa che esce dalla mia comfort zone”, ha affermato in un’intervista rilasciata ad Aleteia. “Anche se ho affrontato la depressione a qualche livello per la maggior parte della mia vita adulta, non ne ho mai parlato davvero con nessuno fino a ora”.

Qualcosa è cambiato quando è stata diagnosticata anche a suo figlio.

“Il libro è nato dalla consapevolezza che anche mio figlio lotta contro la depressione. Dopo un periodo davvero difficile nella sua vita, di cui parlo un po’ nel libro, mi sono reso conto che dovevo essere più onesto e aperto circa le mie lotte, e offrigli qualsiasi briciola di saggezza posso aver conquistato lungo il cammino. All’inizio è stato un libro per un unico lettore”.

Mentre scriveva, Asay ha capito che il libro avrebbe potuto essere utile ad altre persone oltre che al figlio. “Ho pensato che forse avrebbe potuto aiutare anche altri, chi lotta contro la depressione e chi ama chi vive questa lotta”.

Paul Asay copy

Fortunatamente ha deciso di condividere il libro con un pubblico più ampio, perché è sicuramente un grande dono per molte persone. Asay offre autenticità, senso pratico e profonda compassione parlando di un tema difficile. Ha vissuto la depressione, e ha trovato delle strategie per gestirla e ragioni per sperare anche in momenti complicati.

Nel testo, Asay condivide una serie di elementi che lo hanno aiutato nel corso degli anni. Ne ha menzionati due in particolare.

1 Esercizio

“Correre per me è fondamentale, per tutta una serie di ragioni”, ha affermato. L’esercizio in sé può aiutare a equilibrare la chimica nel cervello di una persona, e “quando ci si muove ci si sente naturalmente meglio – un deterrente dal senso di inutilità che ho riscontrato come parte della mia depressione”. Come cristiano, usa questo tempo dedicato a fare esercizio anche per la preghiera.

2 Struttura

“Ho anche scoperto che un certo livello di struttura mi aiuta, come anche il fatto di tenermi impegnato, senza espormi a uno stress indebito, e fare cose che trovo significative”, ha aggiunto.

Avere un obiettivo e controllo è fondamentale. “Se riesco a trovare un obiettivo in quello che faccio e sento di avere un minimo di controllo relativamente alla mia vita quotidiana mi aiuta”. Asay ha suggerito alcuni modi per trovare un senso dell’obiettivo e piccole dosi di controllo nella vita quotidiana:

  • Aiutare amici e familiari nelle loro difficoltà
  • Offrirsi come volontari in chiesa o per una causa in cui si crede
  • Sviluppare delle routines
  • Fare giardinaggio
  • Effettuare piccole riparazioni in casa
  • Provare, per quanto possibile, a trovare un significato in piccoli modi, anche quando sembra che la vita non abbia molto senso.

Il punto di vista di Asay è particolarmente interessante come cristiano, visto che a volte la sua depressione ha influito sul rapporto che aveva con Dio.

“Uno degli aspetti più pesanti della depressione è che può risucchiare la gioia e la meraviglia che si provano nella vita, e far sì che le persone e le cose che si amano di più – Dio compreso – sembrino più distanti”, ha affermato. “Spesso non sento la vicinanza a Dio che sperimentano alcuni miei amici, e a volte Egli può sembrare silenzioso in modo frustrante”.

In questo contesto, la Scrittura può essere una fonte di consolazione, visto che molte figure bibliche hanno affrontato prove e difficoltà.

“Sfogliando la Bibbia vedo che sono in buona compagnia. Elia, Giobbe, Mosè e i salmisti hanno vissuto periodi di profonda disperazione”, ha osservato Asay. “Il Salmo 102 può essere letto, a volte, come un paradigma della depressione, e tuttavia è anche un coraggioso testamento di fede in mezzo a quella sofferenza – credere in Dio e onorarLo anche quando sembra distante”.

Beauty in the Browns offre un punto di vista toccante su ciò che significa vivere con la depressione da cristiani. Se pensate corrisponda alla vostra esperienza o a quella di qualcuno che amate, non potete perdervi questo libro.

“Spero che chi lo leggerà e soffre di depressione – o sta cercando di aiutare qualcuno che ne è affetto” si senta meno solo”, ha affermato l’autore.

Tags:
depressionelibro
Top 10
See More