Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconChiesa
line break icon

“Allah ma’akum! Dio sia con voi”. Il congedo del Papa ai cristiani d’Iraq

Vincenzo PINTO / AFP

Le 7 mars 2021, le pape François est accueilli par les fidèles dans l'église de l'Immaculée Conception, à Qaraqosh (Irak).

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 07/03/21

Nel terzo ed ultimo giorno del viaggio in Iraq, il Papa si reca sui luoghi della persecuzione: nella Piana di Ninive presiede la preghiera per le vittime di guerra e inaugura la lapide per i cristiani perseguitati. Poi allo stadio di Erbil parla a cuore aperto ai diecimila presenti

Papa Francesco tra la Piana di Ninive e il Kurdistan Iracheno riscriva la storia del cristianesimo in Iraq: i momenti salienti del terzo giorno del viaggio in Iraq sono quelli di un popolo che insieme al pontefice torna a brillare sui luoghi da cui era stato cacciato brutalmente dall’Isis nel 2014.

Da Qaraqosh allo stadio di Erbil: la Chiesa irachena è risorta, come ha detto anche il Papa. 

L’arrivo del Papa nella Piana di Ninive.

Il primo fermo immagine: la preghiera a Mosul 

Nella città di Mosul, il Papa si è recato a Hosh-al-Bieaa, piazza delle quattro chiese (siro-cattolica, armeno-ortodossa, siro-ortodossa e caldea) distrutte tra il 2014 e il 2017 dagli attacchi terroristici, per la preghiera di suffragio per le vittime della guerra.

«Prima di pregare per tutte le vittime della guerra in Iraq e nell’intero Medio Oriente – ha detto il Papa – vorrei condividere con voi questi pensieri:

Se Dio è il Dio della vita – e lo è –, a noi non è lecito uccidere i fratelli nel suo nome”.

“Se Dio è il Dio della pace – e lo è –, a noi non è lecito fare la guerra nel suo nome”.

E ancora: “Se Dio è il Dio dell’amore – e lo è –, a noi non è lecito odiare i fratelli”.

Ora preghiamo insieme per tutte le vittime della guerra, perché Dio Onnipotente conceda loro vita eterna e pace senza fine, e le accolga nel suo amorevole abbraccio. E preghiamo anche per tutti noi, perché, al di là delle appartenenze religiose, possiamo vivere in armonia e in pace, consapevoli che agli occhi di Dio siamo tutti fratelli e sorelle».

La lapide dove i cristiani sono stati costretti a fuggire

Dopo c’è stata l’inaugurazione della lapide commemorativa della visita di Papa Francesco a Mosul, che recita così:

“Quanto son belli i piedi di coloro che recano un lieto annunzio di bene!” (Rm 10,15).

“In ricordo della visita di Sua Santità, Papa Francesco, messaggero di pace e di amore fraterno, alla città di Mosul e alla Piana di Ninive.

In questo luogo, che i cristiani hanno obbligatoriamente dovuto abbandonare (2003-2017), il Papa ha pregato per la diffusione della pace e della giustizia, della coesistenza serena e della fratellanza tra gli uomini”.

Il Papa riporta il Libro Sacro nella sue terra

Il viaggio nella Piana di Ninive è proseguito con l’arrivo del Papa a Qaraqosh: il villaggio dell’Iraq, dove la persecuzione dello Stato Islamico contro i cristiani è stata più violenta che in qualsiasi altro luogo. 

Qui, nella Chiesa siriaca-cristiana dell’Immacolata Concezione di Qaraqosh il Santo Padre ha consegnato al Vescovo Yohanna Butros Mouché Sidra, il Libro Sacro di liturgia del XIV – XV secolo della città santa per i cristiani iracheni della Piana di Ninive.

Il Manoscritto, trascritto con caratteri siriaci, raccoglie le preghiere liturgiche da recitare in aramaico fra la festa della Pasqua e quella della Santa Croce. Scampò alla furia iconoclasta e anticristiana degli uomini dell’ISIS che dal 2014 al marzo 2017 hanno occupato e devastato quelle terre. Fu salvato grazie ad una astuzia dei sacerdoti, che poco prima della fuga dalla città lo murarono insieme ad altri antichi volumi in un sottoscala.

La consegna del Libro Sacro.

Il testimone: la notte in cui l’Isis ci costrinse all’esodo

In una testimonianza, il Rev.do Ammar Yako, Vicario Generale dell’Arcidiocesi di Mosul dei Siri ha ricordato «la notte dell’esodo nel 2014, notte in cui i terroristi dell’ISIS si sono avvicinati alla città in cui servivo (Bartella). Nel mio cuore avevo una forza, il Signore mi ha fatto aiutare chi voleva lasciare la città, e restare fino a poche ore prima dell’ingresso dei terroristi. Il Signore ci ha salvati e siamo riusciti a fuggire. Da quel momento, abbiamo affrontato una prova difficilissima e durissima: vivere dispersi nelle strade, piazze e parchi pubblici senza riparo né cibo».

Il Papa a Qaraqosh.

Francesco: ecco il motivo per cui sono venuto in Iraq

Nel pomeriggio di domenica 7 marzo, allo stadio di Erbil, la principale città del Kurdistan iracheno, distante 77 chilometri da Mosul, circa diecimila cattolici hanno assistito alla prima storica messa all’aperto celebrata da Papa Francesco in Iraq. 

Il Papa ha rivelato una delle ragioni che lo hanno spinto a fare questo viaggio. «La Chiesa in Iraq, con la grazia di Dio, ha fatto e sta facendo molto per proclamare questa meravigliosa sapienza della croce, diffondendo la misericordia e il perdono di Cristo, specialmente verso i più bisognosi. Anche in mezzo a grande povertà e difficoltà, molti di voi hanno generosamente offerto aiuto concreto e solidarietà ai poveri e ai sofferenti». 

«Questo è uno dei motivi che mi hanno spinto a venire in pellegrinaggio tra di voi – ha evidenziato il Papa – a ringraziarvi e confermarvi nella fede e nella testimonianza. Oggi, posso vedere e toccare con mano che la Chiesa in Iraq è viva, che Cristo vive e opera in questo suo popolo santo e fedele».

«L’Iraq rimarrà sempre con me, nel mio cuore”

Quindi, prima della benedizione finale, Papa Francesco ha rivolto ai fedeli e ai pellegrini un messaggio: l’ultimo pubblico, prima di ripartire, l’8 marzo per Roma.  «Ora, si avvicina il momento di ripartire per Roma. Ma l’Iraq rimarrà sempre con me, nel mio cuore. Chiedo a tutti voi, cari fratelli e sorelle, di lavorare insieme in unità per un futuro di pace e prosperità che non lasci indietro nessuno e non discrimini nessuno. Vi assicuro le mie preghiere per questo amato Paese». 

«Salam, salam, salam! Shukrán! [Grazie] Dio vi benedica tutti! Dio benedica l’Iraq! Allah ma’akum! [Dio sia con voi]». 

Papa Francesco allo stadio di Erbil.

Il rientro a Baghdad, domani la partenza

Dopo essersi congedato dall’Arcivescovo di Erbil, dal Presidente e dal Primo Ministro della Regione Autonoma del Kurdistan Iracheno, il Santo Padre ha lasciato lo Stadio “Franso Hariri”, per tornare all’aeroporto di Erbil. Da qui è rientrato a Baghdad per l’ultima serata in terra d’Iraq. 

Tags:
papa francescoPapa in Iraq
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni