Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 25 Settembre |
San Cleopa
home iconFor Her
line break icon

Ci siamo ripresi dopo il sisma: ora riapriamo la nostra casa-famiglia

SkyImages | Shutterstcok

Silvia Lucchetti - pubblicato il 05/03/21

Dopo il terremoto del 2016 il lavoro di 12 anni è andato in pezzi. Ma a febbraio di quest’anno sono riprese le accoglienze nella Casa “Nostra Signora della pace” della Comunità Papa Giovanni XXIII, con l’arrivo di una signora ultra80enne e un bimbo piccolo.

Grazie alla rubrica “Buone notizie” del Corriere della Sera del 1° marzo scorso, veniamo a conoscere una storia veramente straordinaria di solidarietà e speranza: quella dei coniugi Nobili, Roberta e Valentino.

Valentino, di Varese, dopo aver lasciato il lavoro di pasticciere per fare il volontario laico con la comunità Papa Giovanni XXIII di don Oreste Benzi, conobbe Roberta, che è di Tolentino: si sposarono nel 2001 e partirono insieme per la Bolivia.

Lì adottarono Giulio, un bambino cerebroleso di venti mesi, abbandonato in condizioni disumane. Tornarono nel 2004 in Italia per una vacanza con lui e con Roxana, una ragazza di 16 anni malata terminale per un tumore polmonare.

Il peggioramento delle condizioni di salute di quest’ultima non permisero loro di ripartire per la Bolivia.

Si trasferirono così a Tolentino nella vecchia canonica di contrada S. Andrea dove aprirono la casa-famiglia “Nostra Signora della pace” della Comunità Papa Giovanni XXIII.

Nei dodici anni in cui hanno vissuto nella vecchia canonica hanno accolto sessanta persone, ognuna sofferente di malattie terribili del corpo o della mente.


FAMIGLIA PITACCOLO,

Leggi anche:
I nostri quattro anni con Benedetta affetta da patologie gravissime

Il terremoto del 2016: “un terrore che non dimenticheremo mai”

Fino al terremoto del 2016: la prima scossa è del 24 agosto con la devastazione conseguente. Valentino e Roberta con i loro tre figli naturali, più i 14 ospiti della loro casa-famiglia decidono di restare, nonostante le lesioni subite dalla vecchia canonica, accampati tutti insieme a piano terra nell’unica stanza in cemento armato.

Ogni sera uno scossone e tanta paura, ma alla fine di settembre il sisma sembra evolvere in meglio. Poi il 30 ottobre la scossa da 6,6 gradi di magnitudo: la più violenta mai registrata nel nostro paese.

Una cosa lunghissima, un terrore che non dimenticheremo mai (Ibidem), ricordano.

E all’improvviso – insieme alle loro vite in estremo pericolo – tutto quanto hanno cercato faticosamente di tirare su in 12 anni è a pezzi.

Crepe ovunque nella canonica, ed in più il campanile della chiesa si è pericolosamente inclinato ed incombe minacciosamente sul tetto. In un giorno di metà novembre Valentino e Roberta preparano una grigliata su strada per dare il segnale di abbandono della “culla” che fino a quel momento ha accolto tutti loro: suona come un addio, non un arrivederci.

“I nostri ragazzi ci davano forza”

La speranza sembrava ormai definitivamente svanita.

A essere sinceri non l’abbiamo mai persa. Ma certo, ci siamo scoraggiati tante volte. Momenti che facevi fatica a pensare di ricominciare da capo. Poi lo dicevi ai nostri ragazzi, e loro ci davano forza. La pazienza è stata la nostra grande virtù. La raccolta fondi ha dato esiti inaspettati, con donatori che non avevamo mai conosciuto. La cosa più bella è stato vedere gli aiuti di pochi euro, da persone che ci davano e continuano a darci quel che potevano, ogni mese. (Corriere)

Si era fermato tutto, prime accoglienze sospese, l’unica cosa che si poteva portare avanti era accompagnare affettuosamente gli ospiti più anziani “all’ultimo incontro con il Signore” (Ibidem). Come Giacomo, 81 anni e gravissimi problemi psichici, la mascotte della comunità, il suo primo ospite, spentosi nel novembre del 2019.

Era il nostro nonnino, una presenza gioiosa che ci regalava spensieratezza e leggerezza, doni del suo handicap (Ibidem)ricorda con nostalgia Valentino.

Dopo il disastro, la pubblicazione di un articolo sul Corriere della Serarimette in moto la speranza. Cominciano ad arrivare prove tangibili di generosità, piccole e grandi.




Leggi anche:
Una casa di speranza in Madagascar

La ricostruzione della casa-famiglia

Viene individuato un terreno per la ricostruzione un po’ fuori del centro abitato di Tolentino, in un sito che può consentire anche attività all’aperto.

Il 23 dicembre scorso la famiglia Nobili ha preso possesso della nuova casa, e a febbraio di quest’anno sono riprese le accoglienze con l’arrivo di una signora ultra80enne e un bimbo piccolo.

Molti di noi si chiederanno da dove proviene la forza che questa coppia dimostra nel farsi carico di vite tanto problematiche, delle esistenze degli “ultimi”, nella consapevolezza che molte di esse sono destinate a precoci e dolorosi distacchi.

Certamente la fede rappresenta un motore essenziale per fornire carburante a questo coraggio, ma c’è anche qualcosa d’altro che attiene squisitamente all’umano, come sottolinea Roberta:

Per me è cambiato tutto in Bolivia, quando mi sono trovata davanti a Giulio, che poi abbiamo adottato, oggi ha vent’anni, sta con noi e se la cava bene nonostante i suoi problemi. Quando vedi certe situazioni alla televisione, puoi sempre cambiare canale. Quando te le trovi davanti non puoi fingere o girare la testa altrove. Quello è stato il momento in cui ho realizzato che la solitudine, non solo quella dei più deboli, è il male più grande del mondo, più grande di ogni malattia. (Corriere)
Tags:
casa-famigliadisabilimalatiterremoto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Scandalo droga e festini gay con il prete: mea culpa del vescovo ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni