Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

“Buongiorno, buona gente”: Valentina e il cibo della seconda possibilità

VALENTINA BALDACCI

Valentina Baldacci

Annalisa Teggi - pubblicato il 02/03/21

A Trieste Valentina Baldacci ha lasciato il posto fisso per seguire un'ispirazione che porta il segno di San Francesco: aprire un negozio di prodotti alimentari che nascono in contesti di emarginazione e disagio.

Non sono questi gli anni in cui una persona adulta e assennata si lascia trascinare da sogni folli. In passato, forse, c’era un che di eroico nel sentire la storia di qualcuno che mollava tutto e ricominciava da capo. Avere un lavoro, oggi, è una benedizione.

Questo deve essere chiaro da subito, per conoscere la storia di Valentina Baldacci. Lei è la prima a ripetere che è da incoscienti licenziarsi dal posto fisso. Eppure lei lo ha fatto.




Leggi anche:
Per riscattarsi dal carcere le detenute di Pozzuoli producono caffè artigianale

A Trieste 4 anni fa Valentina ha lasciato il suo lavoro da dipendente (e le piaceva molto) per mettersi in proprio. Ha aperto un negozio di prodotti alimentari che si chiama Buongiorno buona gente: vende cibo di ottima qualità fatto da mani non esattamente “pulite” o perfette. I suoi fornitori sono aziende e associazioni che operano in realtà disagiate o emarginate. Ci sono panettoni prodotti dai detenuti, cioccolata lavorata da ex prostitute, confetture prodotte da disabili.

Ho detto che si è messa in proprio, ma non è così. Fosse dipeso solo da lei non avrebbe corso il rischio di catapultarsi in un’impresa che ad oggi non è affatto facile né remunerativa.

Sentirete che, nel raccontare cosa è accaduto, Valentina chiamerà in causa una “vocina”. Ed è un modo molto informale per dire una cosa  profonda: la coscienza non è un posto solitario. La coscienza è il luogo di un incontro, in cui ascoltiamo la voce di Dio come compagna di strada. Quella “vocina” è un invito alla nostra libertà. E non siamo certo più liberi pensando di star soli coi nostri rimuginii.

Un seme piccolo piantato in una coscienza può anche non fiorire. Valentina lo ha innaffiato e quello che è nato non è solo un negozio in più di cibo “etico”. C’è dietro tutto l’azzardo di San Francesco: “Bisogna essere fiduciosi nel germe divino che è presente in ogni uomo“. E non c’è fotografia più onesta di ogni nostra giornata di quella che mostra un cibo buono che nasce dalle nostri mani poco buone. Il vero rischio umano, di oggi e di sempre, è avere il coraggio di lasciarsi guardare con una misericordia che da soli non ci diamo.

Cara Valentina, raccontiamo ai lettori di Aleteia For Her la tua folle impresa. Sono passati 4 anni da quando hai dato le dimissioni dal tuo lavoro. Cosa è successo per arrivare a questo grosso passo?

Sì, è così. Tutto è iniziato a mia insaputa. Hai presente il semino che viene messo nel campo all’insaputa del contadino? Ecco. Io avevo degli amici a Modica che frequentavo in occasione delle vacanze. Una volta capitò che, mentre cercavo dei souvenir da portare a casa a Trieste, un’amica mi suggerì di prendere le cioccolate di Casa Don Puglisi. Lo disse senza spiegarmi niente, e io mi sono fidata. Solo più tardi ho saputo cosa avevano di speciale: è un’associazione che accoglie e dà assistenza e un tetto a donne che hanno subito violenza o ex prostitute o con altri tipi di problemi.

View this post on Instagram

A post shared by Buongiorno buona gente – TS (@buongiorno_buona_gente_ts)

Col passare degli anni, più volte ho portato a casa da Modica queste cioccolate. Nulla più. Finché una mattina, mentre ero beatamente tranquilla nel mio ufficio a lavorare, succede una cosa che mi piace molto descrivere pensando ai cartoni animati di quando ero piccola. Sento una vocina che mi dice di punto in bianco: “Valentina, perché non apri un punto vendita dei prodotti di Casa Don Puglisi a Trieste?”. Ma figurati!

In quel momento di cosa ti occupavi?

Ero impiegata amministrativa in un’azienda nel settore metalmeccanico. Non avevo mai preso in considerazione l’idea di mettermi in proprio. Sono nata da dipendente e pensavo di morire da dipendente. Ho scelto la scuola superiore giusta per fare la segretaria ed ero proprio riuscita a fare la segretaria.

Insomma: i conti tornavano, li hai fatti saltare tu. O meglio: li ha fatti saltare quella “vocina”, che è probabilmente l’ispirazione di un Padre che osa dare una spinta.

Assolutamente sì. Credo che quest’idea non sia farina del mio sacco. Non è la storia di una che dice: “Ma sì, io in fondo sognavo di aprire un negozio…”. Quella vocina continuava a farsi sentire, e io continuavo a rispondere: “Stupidaggini!”. Dopo qualche giorno ho chiamato una di quelle amiche di Modica proprio per mettere a tacere la cosa una volta per tutte. Le chiesi: “La prossima volta che vedi quelli dell’associazione di Don Puglisi, informati se sono interessati ad avere un punto vendita a Trieste”. Era una domanda retorica, nel senso che l’unica risposta che mi aspettavo era un “no”. Volevo mettere una bella pietra sopra questa follia.

VALENTINA BALDACCI, NEGOZIO
Valentina Baldacci

Un paio di giorni dopo la mia amica mi fece sapere che l’associazione era molto felice dell’idea che avevo avuto. Ma non era questa la risposta che volevo! Anche di fronte a questo riscontro, ho continuato a far finta di niente. Non passano neanche due settimana e mi ritrovo a guardare in TV un servizio sull’economia carceraria. La vocina torna, alzando la posta in gioco: “Oltre ai prodotti di Don Puglisi, potresti vendere i prodotti dell’economia carceraria”. Mi rendo conto che raccontare le cose così potrebbe sembrare solo una barzelletta.

Sì, potremmo riderci su. Però possiamo anche vederla così: quando Dio pianta un seme, la nostra libertà comincia a sgranare gli occhi su cose a cui prima non badava. Improvvisamente i segni diventano “parlanti”.

Sì, c’è stata la mia libertà. Potevo estirpare quell’erbetta verde cha stava spuntando. Ma dopo quel servizio sull’economia carceraria far finta di niente era diventato difficile. Anzi, mi sono venuti in mente tanti altri prodotti da aggiungere, provenienti da realtà emarginate. Si trattava di un “mondo” assolutamente sconosciuto, ma ho cominciato a informarmi e a studiarlo. Il mondo carcerario mi era estraneo, al confronto mi sentivo più ferrata sui marziani. Entrando però nel merito e informandomi sulle possibilità offerte ai carcerari di essere impegnati in attività produttive, mi sono resa conto che si trattava di una realtà degna. Degna, cioé, di essere portata all’attenzione.

Ho cominciato a prendere sul serio in considerazione l’idea di aprire questo negozio. Ne ho parlato con la mia fraternità, perché faccio parte dell’ordine francescano secolare, e anche loro sono stati molto chiari nel mettermi di fronte a tutte le difficoltà che avrei incontrato nell’imbarcarmi in un’impresa del genere.

Bisognerà aprire una finestra su questa tua appartenenza francescana, però ora procediamo con la cronaca dei fatti. Non era una strada facile. Di questo ti rendevi conto?

Sì, io ero completamente digiuna di tutto. E in molti mi dicevano che l’idea era bella, ma forse era meglio che aspettassi  finché la fissa non mi fosse passata. Sono andata avanti, nel tempo libero facevo ricerche e cercavo spunti. Poi, ovviamente, a un negozio occorre trovare un nome. E questo è stato un altro punto di svolta. Qualche idea in testa era venuta, ma nulla di entusiasmante. Finché un giorno mi sono accorta di qualcosa che era già in casa mia. In soggiorno ho una cornice a giorno in cui ho raccolto fotografie significative della mia vita. Una di queste fu fatta tanti anni fa durante un pellegrinaggio con la mia fraternità a Poggio Bustone, in provincia di Rieti. In quel paese nel 1209 San Francesco, passando, salutava gli abitanti dicendo loro: “Buongiorno, buona gente”.

C’è una targhetta con questa frase a Poggio Bustone e campeggiava nella mia foto. Quel giorno, attraversando il soggiorno, mi passò davanti agli occhi quella foto – credo per la miliardesima volta – e leggendo “Buongiorno, buona gente” è arrivato il colpo di fulmine. Quello era il nome giusto. Devi sapere che a Trieste dirsi “buongiorno” per strada è assai raro. E vendere dei prodotti che parlano di donne che hanno subito violenza, terreni confiscati alle mafie, carcere con il nome di “buona gente” è un azzardo stridente.

VALENTINA BALDACCI, NEGOZIO
Valentina Baldacci

Il nome si dà quando il figlio è nato. Se eri arrivata a dargli un nome, per te questo progetto era nato, no?

Sì, infatti è stata una mia amica che ha un salone da parrucchiera a farmelo notare: “Se gli ha dato un nome, la cosa è fatta”. Quando me l’ha detto mi sono spaventata. Era tempo di fare le cose seriamente e le difficoltà che a quel punto ho dovuto affrontare sono state tantissime. Però pian piano il terreno è stato disboscato. Una delle decisioni più ardue è stata quella di lasciare il lavoro che avevo, il famoso posto fisso che si lotta con le unghie e coi denti per avere. Mollarlo è davvero da incoscienti.

Ma cresceva anche l’entusiasmo per questo figlio “appena nato”. Ed è arrivata la scelta di aggiungere alle realtà da cui attingere i prodotti anche il settore dei disabili.

Cominciando a conoscere queste associazioni che sarebbero diventate tuoi fornitori cosa hai scoperto?

Nell’allacciare questi rapporti l’entusiasmo è cresciuto. Avremmo un gran bisogno di relazionarci con queste presenze “scomode” e sono convinta che volutamente noi le ignoriamo. Pensiamo, banalmente, ai disabili: finché li lasciamo in un cantuccio nei loro centri diurni o istituti, gli diamo l’assegno di invalidità, siamo tutti apparentemente tranquilli. Ma la disabilità è un panorama molto diversificato e c’è chi può essere davvero produttivo. Perché dovremmo togliere loro la dignità di lavorare? Sono persone che possono inserirsi in un tessuto lavorativo, perché no?

E il mondo del carcere?

Posso dire che si è aperto un abisso. Occorre proprio capovolgere la prospettiva. Ero ignorante a riguardo, ora parto dal presupposto che potrei finirci io “dentro”. E posso finirci da innocente o da colpevole. Nessuno è esente dal confronto a tu per tu con il male. Non ne siamo immuni … parola azzeccata, proprio in questo tempo in cui parliamo di virus. Prego Dio che mi preservi dal male, ma non ho nessuna garanzia sulle scelte che farò.

Alla luce di questo, tu cosa proponi a chi entra nel tuo negozio? Un prodotto o qualcosa di più?

Vorrei proporre di più. Il mio progetto iniziale, forse mi ero illusa, era quello di fare della mia bottega un punto informativo. Pensavo che i prodotti potessero essere un trampolino per aprire una finestra sulle realtà da cui nascono. Ho ricevuto tante porte in faccia. Non ho trovato la volontà di collaborazione da parte associazioni, scuole, anche parrocchie per far conoscere il mondo dell’economia che nasce dal carcere, dalla disabilità, eccetera. Ci sono stati mercatini da cui sono stata mandata via, anche in contesto cristiano.

E i clienti, tendenzialmente, vengono per la grande qualità della merce, ma non interessati a sapere la storia che c’è dietro. La clientela costante e affezionata che crede in tutto il progetto è davvero poca.

L’entusiasmo che c’era, allora, a cosa lo aggrappi?

Diciamo che continuo fermamente a credere che non è un mio progetto. Se fosse stato solo un mio sogno, avrei già chiuso tre anni fa. Ogni tanto, nei momenti più bui, parlo a Dio come a un amico e gli chiedo di essere chiaro nel dirmi se devo andare avanti o no. E ci sono casi in cui i segni sono così fiochi da scoraggiarmi, ma arrivano anche luci abbaglianti come fari.

Ma al di là di questo, sono anche personalmente convinta che in questo settore ci sia tantissimo da fare. Soprattutto per abbattere dei pregiudizi dovuti, banalmente, all’ignoranza, cioé proprio al non conoscere. E non sto parlando da cristiana, come esseri umani abbiamo il sacrosanto dovere di conoscere questi spazi di realtà che teniamo in disparte.  Partendo dal presupposto che anche io potrei finire in carcere, nasce la domanda: come vorrei essere trattata se fossi in prigione?

Affrontiamo ad esempio i dati tremendi sulle recidive. La media è ben superiore al 70%, quindi su 100 carcerati che escono 70 tornano a delinquere. Invece, quelli che seguono dei percorsi di istruzione e formazione hanno una probabilità di recidiva attorno al 5%. Anche solo facendo un ragionamento cinico ci sono dei vantaggi: molti costi in meno e una società più sicura.

Non sono questi, però, i discorsi che sentiamo più di frequente. Siamo invece schiacciati da tutta una massa di pregiudizi sui detenuti, quei discorsi tipo: “Ah, beati loro che sono dentro e possono guardare la TV tutto il giorno!”. Quando parliamo così, noi non ci rendiamo conto di quello che diciamo. Può essere bello per una settimana all’anno passare le giornate di fronte alla TV, ma non di più. La quotidianità della vita carceraria è dura.

Però qualcuno potrebbe dire: “Se lo meritano!”…

Certo, la pena da scontare non si toglie. Ricordiamoci però che la nostra Costituzione parla di “percorso riabilitativo”, cioè l’obiettivo del carcere non è solo punitivo ma anche di comprensione e di cambiamento. E’ dentro perché ha sbagliato, d’accordo; però francamente lasciarlo lì in cella a guardare la TV non so come possa farlo diventare una persona migliore. Sarebbe già un grande passo essere disposti a sapere come stanno davvero le cose, al di là dei nostri pregiudizi.


NADIA ZANDOMENEGHI

Leggi anche:
Nadia: sono scappata in Giappone per scoprire che Dio mi aspettava a casa mia

E anche io che svolgo un’attività inerente le carceri e le realtà disagiate vengo etichettata facilmente: mi considerano sempre o una radicale o una di sinistra. Questo mi ferisce, perché vuol dire che noi abbiamo già deciso a chi appartiene il “campo” della cura dei disabili o della riabilitazione dei carcerati. Quando mi vogliono addossare certe etichette, io tiro fuori le parole di Gesù che, se non sbaglio, disse prima di tanti altri:

Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. (Matteo 25, 35-36).
VALENTINA BALDACCI, NEGOZIO
Valentina Baldacci - Buongiono, Buona gente

Il punto è che se mi metto a guardare i carcerati, inevitabilmente, entra in gioca anche quel che di “carcerato” – poco presentabile e buio – c’è dentro di me. Per questo quello che tu coltivi è un terreno difficile da dissodare, perché apre la domanda: mi basta il giudizio oppure ho bisogno del perdono?

E perciò mi permetto di ribaltarla sul personale anche con te. Quanto di te stessa hai conosciuto lasciando quella che eri e lanciandoti in questa avventura folle?

Sono molto diversa da quello che ero quattro anni fa. Ma non sto dicendo che sono migliore, “cambiata” è questo il punto. Non faccio questo lavoro per mettere timbri sulle carte, mi metto in discussione umanamente. Ho scoperto tanti miei pregiudizi sui disabili, ad esempio. E ho il ricordo di una telefonata che mi è rimasta impressa. Dovevo contattare una cooperativa che lavorava coi detenuti e avevo solo il numero del call center. Anche lì lavoravano i detenuti, ma io non lo sapevo quando ho parlato con la persona che mi ha risposto.

  • 1
  • 2
Tags:
carceredonnesolidarieta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
4
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
7
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni