Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconFor Her
line break icon

Il digiuno è un antidoto potente contro il vizio della gola

BREAD AND WATER,

Quisquilia | Shutterstock

Pane e Focolare - pubblicato il 02/03/21

Dimostriamo di essere padroni di noi stessi, di saper fare rinunce in vista di un fine superiore. La Quaresima è una bella occasione per allenare la virtù della fortezza.

Siamo fatti di anima e corpo e quando vogliamo contraddistinguere un tempo forte da un punto di vista religioso, necessariamente dobbiamo anche cambiare le abitudini a tavola.

C’è la dieta dello sportivo, che si prepara ad una grande performance atletica, e c’è il regime alimentare di chi fa esercizi per lo spirito.

C’è il tempo della festa e dei banchetti e quello della quotidianità, il momento dell’accoglienza gioiosa di un ospite e il pasto frugale nella pausa pranzo della giornata lavorativa. E potrei andare avanti all’infinito con gli esempi, perché il cibo ha sempre un grande impatto sulla nostra vita e ci può aiutare a vivere più intensamente i momenti importanti.

Elemosina, preghiera, digiuno

Adesso siamo in Quaresima ed è il momento dell’astinenza e del digiuno: è un tempo forte della Chiesa cattolica, quando si raccomanda di vivere per 40 giorni in modo profondo l‘attesa della Pasqua, in particolare attraverso l’elemosina, la preghiera e appunto il digiuno.

Mi raccomando però: col sorriso! Mi vengono in mente le parole di Gesù:

Quando digiunate, non fate i tristi come gli ipocriti. Che si imbruttiscono la faccia. Ma voi, quando digiunate, profumatevi il capo e lavatevi la faccia.




Leggi anche:
Per chi non ha ben compreso ancora perché si digiuna in Quaresima

Quando digiuniamo stiamo facendo una cosa bella grande, importante, stiamo combattendo una piccola battaglia ma in ottima compagnia e per un grande ideale.

Astinenza e digiuno

Siamo sulle orme di secoli e secoli di monachesimo, di grandi tradizioni e di uno stile di vita che ha contribuito alla crescita morale, sociale e (perché non ricordarlo?) anche economica della nostra civiltà.

I monaci e gli eremiti hanno sempre praticato astinenze e digiuni, sulle orme di san Giovanni Battista e dello stesso Gesù che nel deserto ha digiunato 40 giorni e 40 notti, ricordando che…

Non di solo pane vive l’uomo.

Anche i laici sono invitati a mettere in atto questi piccoli sacrifici. Tra l’altro, l’astinenza dalla carne incentiva il consumo di altri cibi: pesce, uova, latticini, pasta, stimolando la creatività nel cucinarli e la qualità nella produzione e favorendo l’abitudine ad una dieta molto varia, che oggi sappiamo essere tanto salutare.

Oggi per i cristiani i giorni di astinenza e digiuno sono di meno rispetto ad altre epoche, ma resta il profondo significato spirituale, non solo individuale ma anche collettivo.

Siamo cristiani, siamo quelli che mangiano “di magro” il venerdì, siamo quelli che digiunano il Mercoledì delle Ceneri (per chi è ambrosiano il primo venerdì di Quaresima) e il Venerdì Santo.

Pascal Deloche / Godong

Il digiuno: antidoto potente contro il vizio della gola

La pratica dell’astinenza non è solo penitenziale (in realtà non c’è un grande sacrificio a mangiare pesce, formaggi o un bel piatto di spaghetti al pomodoro) ma è anche segno di appartenenza culturale, è un collante di un’identità religiosa e sociale.

Dobbiamo fare digiuno sentendo fortemente la nostra appartenenza alla comunità ecclesiale, dobbiamo sentirci commilitoni in una piccola battaglia per il bene, perché il cibo è espressione anche sociale, culturale: attraverso la nostra tavola esprimiamo quello che siamo, manifestiamo anche pubblicamente il nostro stile di vita, esprimiamo le nostre convinzioni personali, religiose, etiche.

Il digiuno ha un valore educativo, antropologico: praticare questo sacrificio è un antidoto potente contro la voracità, contro il vizio della gola.

Dimostriamo di essere padroni di noi stessi, di saper fare rinunce in vista di un fine superiore.

Altrimenti diventiamo come Esaù, che per un piatto di lenticchie ha rinunciato alla primogenitura.




Leggi anche:
Non c’è Pasqua senza Quaresima

Allenare la virtù della fortezza

La Quaresima è insomma una bella occasione per allenare la virtù della fortezza. Così impariamo a dare più valore alle cose. E se abbiamo in casa dei bambini, non esitiamo a stimolarli nei piccoli “fioretti”: sono molto preziosi per la loro educazione.

Buona Quaresima a tutti… nella certezza che arriverà la gioia della mattina di Pasqua!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA PANE E FOCOLARE

Tags:
digiunoquaresima
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni