Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 24 Maggio |
Beato Louis Zéphirin Moreau
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Bambina cristiana disegna la sua famiglia torturata dagli jihadisti in Siria

web_photo_of_the_day_c2a9_delil_souleiman_afp.jpg

AFP

José Miguel Carrera - pubblicato il 02/03/21

“I perseguitati sono l'élite della Chiesa. Servirli non è un dovere, ma un onore”, ha dichiarato una rappresentante di Aiuto alla Chiesa che Soffre

Una bambina cristiana ha disegnato la famiglia torturata dagli jihadisti in Siria in un esercizio scolastico diffuso dalla Fondazione Pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) per continuare a mostrare al mondo che il calvario di quel popolo è ben lungi dalla fine.

La bambina ha 11 anni, e la sua famiglia è stata una delle tante vittime della violenza estrema e codarda dei fanatici jihadisti dello Stato Islamico durante l’occupazione della città di Aleppo, la seconda più grande del Paese dopo la capitale Damasco. L’episodio disegnato dalla bambina è avvenuto nel 2016.

Marcela Szymanski, rappresentante della fondazione presso l’Unione Europea, ha dichiarato al riguardo: “Questa è una famiglia gravemente perseguitata a causa della fede. I terroristi volevano prendere tutti gli uomini e i ragazzi. Speravano che le donne rinunciassero alla loro fede e diventassero musulmane. [Alcuni membri della famiglia della bambina] sono sopravvissuti solo perché l’esercito è arrivato in tempo e i terroristi sono fuggiti”.

Non tutti sono riusciti però a scampare a una morte brutale e assurda. Il disegno mostra la bambina, la madre, “la sorella e il fratello, già morti a terra e con segni di tortura”. La rappresentazione mostra anche tre terroristi vestiti di nero e “strumenti di tortura, incluse apparecchiature per shock elettrici, armi, granate e coltelli”.

“Questa famiglia è stata generosa nel condividere con noi la sua esperienza, perché crede fermamente che Dio sia stato lì con loro, altrimenti sarebbero tutti morti”.

La bambina ha eseguito il disegno su richiesta di un’insegnante. Per la fondazione pontificia, è un’ulteriore dimostrazione della crudeltà che ha martirizzato tanti cristiani in Siria e un esempio concreto della persecuzione che continua ad essere perpetrata contro i cristiani nel mondo attuale. ACS pubblica annualmente un dettagliato Rapporto sulla Libertà Religiosa nel mondo. La prossima edizione verrà lanciata il 20 aprile, con un ritardo di quasi 6 mesi a causa della pandemia di Covid-19.

“Servire i perseguitati è un onore”

La pandemia ha peggiorato la già terribile situazione siriana. A febbraio, la religiosa portoghese suor Maria Lúcia Ferreira ha diffuso una testimonianza in cui attesta che nel Paese ci sono persone che stanno soffrendo la fame per via dell’aggravamento della crisi economica.

Marcela Szymanski ha sottolineato che la tragedia siriana non può continuare ad essere vista dall’Occidente come qualcosa di distante, neanche a livello geografico, e ha ricordato che il “ritratto di famiglia” della bambina è stato realizzato ad appena “2.200 chilometri da Roma, la stessa distanza in macchina fino al sud della Spagna”.

“I perseguitati sono l’élite della Chiesa”, ha concluso la rappresentante di ACS. “Servirli non è un dovere, ma un onore”.

Tags:
bambinajihadistisiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni