Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconFor Her
line break icon

Educare insieme, anche se non sempre si va d’accordo

Unplash|CC0

Semprenews - pubblicato il 23/02/21

Bisogna essere d'accordo davanti ai figli. Ma quando non lo si è? Ecco alcune indicazioni di metodo per imparare e crescere anche come genitori.

Di Marco Scarmagnani

Quattro consigli per correre ai ripari

I bravi e moderni genitori, i mesi precedenti alla nascita del primo figlio, leggono un discreto numero di libri sull’educazione. Più lei, a dire il vero, ma sono descritte anche scene in cui lui e lei sono a letto, ognuno con un libro differente, per poi confrontare i consigli e le opinioni degli esperti.
Un modo per diventare competenti, per non trovarsi impreparati.

Bisogna farsi vedere in accordo davanti ai figli!

Tra i consigli su cui si sono scritte più pagine c’è quello di essere allineati nel momento in cui si devono dare regole, istruzioni, consigli ai figli. Effettivamente è corretto. Chi ha avuto genitori in accordo, non conflittuali, non confusi, racconta una giovinezza più serena.
Per i primi mesi pare andare tutto bene. Ma che succede quando i neogenitori si trovano alle prese con un problema inaspettato? Quando sono stanchi e non hanno neppure la diplomazia di base? Quando non hanno avuto la possibilità di parlarne?




Leggi anche:
Non si litiga per i figli, ma per tensioni che sono già nella coppia

La mamma ha sempre ragione?

Ovvio, diranno i più, si dà ragione alla mamma. Certo, è una strategia sensata. Risponde bene ad un generale maggior investimento delle mamme nell’educazione dei figli, ad un generale bisogno dei papà di semplificarsi la vita.
Battuta a parte (nemmeno tanto però) a volte, succede, si è presi alla sprovvista, e si alzano i toni, o si pestano i piedi sotto il tavolo, oppure ci si contraddice davanti ai figli.

Quattro consigli per riparare

Ecco un pronto soccorso per cavarvela.

    1. Non scoraggiatevi. Succede a tutti di non essere pronti. Difficilmente vostro figlio ne uscirà segnato. La vostra autostima forse sì, ma quello è un altro discorso.
    2. Educatevi. Sbagliare, alzare la voce, perdere la pazienza, non è una dichiarazione di inefficacia, piuttosto un avvenimento. Imparate dai vostri errori e trovate una strategia differente per la volta successiva.
    3. Un passo indietro. Una vicenda educativa non è una disputa dove si vince o si perde. Il primo che riesce faccia un passo indietro, ne potrà riparlare in un altro momento.
    4. Trovate una mediazione tra le due posizioni. Nella quasi totalità delle questioni, se i due sono in disaccordo, è perché entrambi hanno una posizione troppo rigida o esagerata. Moderarla attraverso l’altro è un modo per trovare una via generalmente più adatta al figlio.

La centralità della persona, tutta intera

Ma dove possiamo trovare il bambino? Il corpo del bambino appartiene al pediatra. L’anima appartiene al ministro del culto. La psiche appartiene allo psicologo dinamico. L’intelletto appartiene allo psicologo. La mente appartiene al filosofo… In contrasto con la molteplicità di queste diverse rivendicazioni ogni singolo… costituisce un’unità e un tema centrale.
Winnicott


PARENTS; MESS: KIDS

Leggi anche:
SOS genitori: per crescere bene i figli, bisogna educare le mamme e i papà

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA SEMPRENEWS

Tags:
educazionegenitori e figli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni