Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 19 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Senza amore la nostra vita si consuma come cenere

WEB3-ceneri-in-una-mano-femminile-la-cenere-sulle-sue-mani-Shutterstock_787628686.jpg

NadyGinzburg | Shutterstock

Don Antonello Iapicca - pubblicato il 22/02/21

Solo Dio Padre è capace di trasformare ogni istante incenerito della nostra vita in un frammento prezioso d'amore che profuma di vita eterna

Un pizzico di cenere può dirci molto. Chi siamo e che cosa diventeremo ad esempio. Inizia la Quaresima e la Chiesa che ci ama come una madre ci cosparge il capo di cenere (testo scritto il 10/02/2016 in occasione delle Ceneri NdR.), presentandoci senza sconti a noi stessi.

Riusciamo a cogliere la grazia di questo giorno e l‘occasione che Dio ci offre con questo tempo? Non è facile, perché di fronte ai giorni siamo come degli accaniti tabagisti. Ce li fumiamo voraci uno dopo l’altro, ora dopo ora, incontro dopo incontro.

Che rimane di ieri? Ricordi la faccia da preside inflessibile con cui hai dato il buongiorno a tuo marito? E le parole avvelenate rivolte al tuo collega alle 15.45? E quel gesto irato piantato in faccia a tuoi figlio verso le 20? E la stanchezza con cui alle 23 hai chiuso la porta alla tenerezza di tua moglie?

Senza l’amore il nostro dire e fare si consuma come cenere

No, sono solo immagine sbiadite, vero? Perché senza l’amore il nostro dire e fare si consuma come cenere, non ne resta nulla.

È inutile difendersi, tutti abbiamo almeno un grumo di cenere nascosto in qualche angolo della nostra vita. E la cenere non mente, svela che abbiamo bruciato nei peccati l’amore nel quale siamo stati generati.

Ecco, la grazia di questo giorno è potersi fermare un momento e sentirsela addosso la nostra cenere, come una cosa sporca che non c’entra nulla con quello che laggiù in fondo il nostro cuore desidera.


FREEDOM

Leggi anche:
Digiunare per scoprirci liberi

La cenere della nostra vita nelle mani di Dio

Allora ascoltiamo bene: “ricordati che sei polvere e in polvere tornerai”, se non ti “converti e credi al Vangelo”.

Perché scoprire e accettare la propria realtà è l’unico modo per arrenderci all’annuncio della misericordia di nostro Padre, capace di trasformare ogni istante incenerito della nostra vita in un frammento prezioso d’amore che profuma di vita eterna.

La Quaresima è poterlo sperimentare, esiste nel mondo un tempo migliore?

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA DON ANTONELLO IAPICCA

Tags:
divina misericordiaquaresima
Top 10
See More