Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 25 Giugno |
Cuore Immacolato
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Guerra nel Tigrè: bombardato e depredato monastero del VI secolo

WEB2-MONASTERY-DEBRE DAMO-ETHIOPIA-shutterstock_1419780944.jpg

Shutterstock

Monastero di Debre Damo, Etiopia

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 19/02/21

Fondato nel VI secolo, il monastero di Debre Damo si trova nella ex provincia del Tigrè (Etiopia), ed è stato parzialmente distrutto all'inizio del mese di febbraio da truppe eritree. Un monaco sarebbe stato assassinato.

Le rare notizie che provengono dalla regione del Tigrè, nel nord dell’Etiopia, sono ogni giorno più dolorosi. Alle perdite umane si aggiungono ormai quelle culturali. Diverse fonti riportano che il monastero di Debre Damo è stato distrutto all’inizio di febbraio da truppe eritree. Queste ultime, dopo aver bombardato il monastero, sarebbero salite fino all’edificio per saccheggiare manoscritti e archivi.

Monastero etiope ortodosso, Debre Damo è stato fondato nel VI secolo su di una piattaforma rocciosa a più di 2.200 metri di altitudine: vi si accede unicamente in cordata. La tradizione attribuisce la sua fondazione a Za-Mikael Aragewi, uno dei nove santi venuti dall’Impero bizantino per l’evangelizzazione del regio di Aksum. La parziale distruzione del monastero – come pure quella della moschea Al-Nejashi, una delle più antiche del continente – è stata fermamente condannata dal consiglio delle istituzioni religiose del Tigrè (al cui tavolo siedono insieme le Chiese ortodossa e cattolica, le comunità evangeliche e i musulmani).

L’80% della popolazione privo di aiuti umanitari

Nella  città di Adigrat, che pure si trova nel Tigrè, dei banditi hanno approfittato del caos che attualmente regna per saccheggiare la missione dei Missionari d’Africa – stando a quanto riporta l’associazione SOS Chétiens d’Orient, che lavora con i Padri da due anni. Uno dei preti ortodossi della comunità dei Missionari d’Africa ha riportato che a Debre Damos sarebbe stato assassinato almeno un monaco.

Il Tigrè è teatro di scontri da quando il premier Abiy Ahmed, il 4 novembre, ha avviato un’operazione militare contro le forze del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigrè (TPLF), partito che allora governava la regione e contestava l’autorità federale da diversi mesi. Se l’Eritrea e l’Etiopia negano che soldati eritrei siano implicati nel conflitto del Tigrè, la loro presenza è stata attestata dagli abitanti, dagli operatori umanitari e anche da alcuni responsabili civili e militari della regione.

Ritenuto “poco notiziabile” fin dall’inizio, sul conflitto circolano poche informazioni – ad esempio il numero di vittime e l’entità dei danni – ma il numero di morti è sull’ordine delle migliaia, assicura l’International Crisis Group, una ONG basata in Belgio. L’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite ha indicato pochi giorni fa che

una grande parte delle zone rurali, dove prima del conflitto era stanziato l’80% della popolazione, resta irraggiungibile ai soccorsi umanitari.
Date un'occhiata al monastero (come appariva prima che venisse bombardato):

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
africacristianesimo delle originietiopiaguerra
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni