Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 27 Febbraio |
Religiosa e Fondatrice
home iconNews
line break icon

Rischio licenziamento per chi non fa il vaccino? Il Vaticano frena

PERU

mbzfotos | Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 18/02/21

Obbligo di vaccinazione anti covid, il Governatorato pubblica una nota di chiarimento. E precisa che le Norme a tutela dei lavoratori vaticani vanno intese "come uno strumento che in nessun caso ha natura sanzionatoria o punitiva"

La vaccinazione contro il covid è su base volontaria in Vaticano. Ma la Santa Sede prevede per chi si rifiuta, «conseguenze di diverso grado che possono giungere fino alla interruzione del rapporto di lavoro».

Lo stabilisce il Decreto in materia di emergenza sanitaria pubblica dell’8 febbraio 2021. A firmarlo è il presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano, il cardinale Giuseppe Bertello.

© Vatican Media

Il discusso articolo 6

All’articolo 6, comma due, si legge che «il lavoratore che senza comprovate ragioni di salute rifiuti di sottoporvisi (agli accertamenti sanitari preventivi o a una profilassi che preveda la somministrazione di un vaccino “a tutela della salute dei cittadini, dei residenti, dei lavoratori e della comunità di lavoro“, ndr) è soggetto» alle responsabilità e conseguenze previste dal Rescritto Ex Audientia SS.MI.

“Conseguenze di diverso grado”

Il Rescritto prevede che «il rifiuto di sottoporsi agli accertamenti preventivi o periodici previsti e agli accertamenti sanitari d’ufficio, nonché la rinuncia alla prosecuzione dell’accertamento preventivo, periodico o d’ufficio già iniziato, comportano per i dipendenti conseguenze di diverso grado che possono giungere fino alla interruzione del rapporto di lavoro. Per i candidati all’assunzione, ciò equivale alla rinuncia alla costituzione del rapporto di lavoro» (Agi, 18 febbraio).




Leggi anche:
Covid, il Papa bacchetta i negazionisti: senza vaccino ti giochi la salute

Il chiarimento del Vaticano

Nel pomeriggio del 19 febbraio, il Governatorato del Vaticano, in una nota, ha ridimensionato sul rischio licenziamento per chi non fa il vaccino.

Il Decreto dell’8 febbraio 2021 in materia di emergenza sanitaria, si legge nella nota del Governatorato, «è stato emanato per dare una risposta normativa urgente alla primaria esigenza di salvaguardare e garantire la salute ed il benessere della comunità di lavoro, dei cittadini e dei residenti nello Stato della Città del Vaticano».

In particolare la disposizione «riguarda tutte le misure idonee dirette a prevenire, controllare e contrastare situazioni eccezionali di emergenza sanitaria pubblica. E vengono diffusamente indicati tutti gli strumenti per una adeguata e proporzionale risposta al rischio sanitario».

© Vatican Media
Il Vaticano oltre a chiedere la vaccinazione ai propri dipendenti, ha avviato anche un programma di vaccinazione per i senza tetto, qui in fila nell'aula Paolo VI

Tra le misure c’è il ricorso alla vaccinazione

Tra queste misure, su indicazione dell’Autorità sanitaria dello Stato, può essere ritenuto necessario «il ricorso alla vaccinazione per determinati contesti». Come «in attività lavorative inerenti il pubblico servizio, i rapporti con terzi o rischiose per la sicurezza della comunità di lavoro».

Quindi, osserva il Governatorato del Vaticano, rifiutare la vaccinazione anti covid «può costituire un rischio per se, per gli altri e per l’ambiente lavorativo».


RNA

Leggi anche:
RNA e vaccini: qual è il rischio?

“Soluzioni alternative per lo svolgimento del lavoro”

Per tale motivo «la salvaguardia della comunità può prevedere, per colui che rifiuti la vaccinazione in assenza di motivi sanitari, l’adozione di misure che da una parte minimizzino il pericolo in questione. E dall’altra consentano di trovare comunque soluzioni alternative per lo svolgimento del lavoro da parte dell’interessato».


DOMINIKANIN, SZCZEPIONKA COVID

Leggi anche:
Sacerdote cattolico sviluppa un vaccino contro il Covid-19 per i poveri

Le norme per la tutela dei lavoratori che si applicheranno

La nota del Governatorato richiama alle preesistenti Norme per la tutela della dignità della persona e dei suoi diritti fondamentali da osservarsi negli accertamenti sanitari in vista dell’assunzione del personale e durante il rapporto di lavoro. E alle Norme a tutela dei dipendenti affetti da particolari gravi patologie o in particolari condizioni psicofisiche del 18 novembre 2011.

Queste norme devono quindi ritenersi «come uno strumento che in nessun caso ha natura sanzionatoria o punitiva». Che piuttosto è «destinato a consentire una risposta flessibile e proporzionata al bilanciamento tra la tutela sanitaria della collettività e la libertà di scelta individuale, senza porre in essere alcuna forma repressiva nei confronti del lavoratore».




Leggi anche:
A 90 anni fa 10 km a piedi nella neve pur di ricevere il vaccino

Tags:
vaccino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
4
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni